Gli uliveti sono all'avanguardia negli sforzi per promuovere l'agricoltura biologica in Spagna

Gli oliveti biologici coprono già un'area più grande del Lussemburgo in Spagna. Il raccolto è anche la seconda categoria di terreni coltivati ​​biologici in più rapida crescita.
Jaén, Spagna
Giu. 20, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

La Spagna è sulla buona strada per raggiungere uno dei principali obiettivi di sostenibilità fissati dal Commissione europea all'inizio di quest'anno, secondo Luis Planas, ministro dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione.

A marzo, la commissione annunciato un piano aumentare la quota di terreni agricoli con pratiche di agricoltura biologica al 25% entro il 2030. Planas ha affermato che il 10% dei terreni agricoli spagnoli è già coltivato biologicamente lo scorso anno.

Vedi anche: Incontra uno degli olivicoltori hobby della Spagna Spain

Ad aprire la strada sono gli uliveti del paese. Secondo i dati del ministero, uno su 10 ettari di terreni agricoli coltivati ​​biologicamente in Spagna è dedicato agli uliveti. Gli uliveti biologici coprono 222,723 ettari - un'area più grande del Lussemburgo - in 16 delle 17 comunità autonome del paese.

Combinato, uliveti biologici rappresentano una resa annua di circa 326,000 tonnellate di olive, di cui il 99 percento viene utilizzato per produzione di olio d'oliva.

Andalusia; ospita la quota maggiore di oliveti biologici – 88,691 ettari – e circa 1.1 milioni di ettari di coltivazioni biologiche, in generale. Castilla-La Mancha segue a ruota con 74,154 ettari di uliveti biologici e 423,000 ettari di terreni agricoli biologici.

Comunità Autonoma
Uliveti Biologici (ha)
Certificato Biologico nel 2020 (ha)
Produzione di olive (tonnellate)
Andalusia;
88,691
9,631
133,916
Aragona
4,420
797
3,623
Asturie
0.03
0
0
Baleari
1,056
123
1,753
Paese Basco
25
0.1
10
Isole Canarie
62
0
325
Castilla-La Mancha
74,154
4,081
106,799
Castilla e Leon
697
11
382
Catalogna;
8,870
372
19,907
Estremadura
29,131
979
41,842
Galizia
179
2
116
Madrid
3,716
40
2,257
Murcia;
4,583
129
6,110
Navarra
813
26
636
Rioja
736
14
2,209
Valencia;
5,589
398
5,944
Fonte: Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione

La Cantabria, situata sulla costa settentrionale della Spagna con il Golfo di Biscaglia, è l'unica comunità autonoma senza oliveti biologici.

Delle otto principali colture permanenti tracciate dal ministero, ci sono più oliveti di qualsiasi altra tipologia. La frutta a guscio è la seconda categoria più grande, con 196,941 ettari dedicati alla coltivazione biologica.

Gli oliveti sono anche la seconda categoria di colture in più rapida crescita che entrano nella coltivazione biologica.

Nel 2020, per la prima volta, 16,600 ettari di oliveti sono stati certificati biologici. Altri 19,400 ettari sono in fase di conversione biologica. Le mandorle sono l'unica coltura che ha registrato tassi di crescita più rapidi della certificazione biologica.

Complessivamente, la Spagna ha registrato un aumento del 3.5% delle sue terre coltivate biologiche nel 2020, arrivando a un totale di 2,437,891 ettari. Solo Australia e Argentina dedicano più terra all'agricoltura biologica.

Insieme all'aumento dell'agricoltura biologica, il ministero ha affermato che anche il numero di produttori certificati come biologici è aumentato del 2020% nel 44,493. Ora ci sono - attività di agricoltura biologica nel paese.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti