Il consumo di olio d'oliva raggiunge il record in Australia

Il Consiglio oleicolo internazionale prevede che gli australiani consumeranno 51,000 tonnellate di olio d'oliva nella campagna fiscale 2020/21 prima di quello che potrebbe essere un raccolto record per i produttori.
Aprile 20, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Consumo di olio d'oliva si stima che raggiungerà il record di 51,000 tonnellate in Australia nel 2020/21, appena un anno dopo il precedente record di consumo di 50,500 tonnellate.

Una volta che i consumatori hanno iniziato a usare l'olio d'oliva e si sono abituati e hanno scoperto il sapore fantastico, penso che continueranno a usarlo.- Michael Southan, CEO, Australian Olive Association

L'appetito del Commonwealth per l'olio d'oliva ha continuato a crescere nonostante l'Australia sia entrata nella sua prima recessione in 30 anni a settembre e gli impatti negativi del Pandemia di covid-19.

"Quando il Covid-19 è arrivato qui, che ha causato la recessione economica, le persone che normalmente mangiavano nei ristoranti non potevano più farlo ", Michael Southan, CEO del Associazione delle olive australiane, Ha detto Olive Oil Times. "Questo ha costretto quelle persone a tornare indietro e cucinare da sole ".

Vedi anche: Il consumo di olio d'oliva in Spagna è aumentato durante lo stato di emergenza

Molti consumatori hanno scelto di utilizzare i soldi che altrimenti sarebbero stati spesi per mangiare fuori nei ristoranti per acquistare ingredienti di qualità superiore nei supermercati, ha detto Southan.

"Non hanno esitato ad acquistare i prodotti di altissima qualità che potevano trovare e ad acquistare localmente ", ha affermato. "Questo è uno dei motivi per cui abbiamo assistito a questa tendenza all'aumento dei consumi ".

Anche prima del La pandemia di Covid-19 è arrivata in Australia nel febbraio 2020, la domanda di olio d'oliva era cresciuta costantemente in ciascuno dei cinque anni precedenti.

Secondo Statista, una società di ricerche di mercato, il consumo annuo pro capite di olio d'oliva è quasi raddoppiato dal 2014, passando da 1.39 chilogrammi a 2.07 chilogrammi nel 2019.

"C'è sempre stato un forte interesse per il Dieta mediterranea, ma questo sembra essersi rafforzato ancora di più negli ultimi tempi ", ha detto Southan. "Le persone vogliono assicurarsi di essere il più in salute possibile ".

Anche se l'Australia continua a riaprirsi e la vita inizia a tornare a una nuova normalità, Southan pensa che il consumo di olio d'oliva continuerà a crescere. Prevede che una rinnovata domanda verrà dalla riapertura del settore dell'ospitalità e il consumo delle famiglie rimarrà stabile.

Vedi anche: Progetti del Consiglio oleicolo Leggero calo del consumo di olio d'oliva

"Penso che la domanda continuerà a crescere ", ha detto. "Una volta che i consumatori hanno iniziato a usare l'olio d'oliva e si sono abituati e hanno scoperto il sapore fantastico, penso che continueranno a usarlo. "

"Se continuano a usarlo alla stessa quantità, non lo so ", ha aggiunto. "Penso che quello che vedremo è che le persone continueranno a cucinare di più a casa ".

I dati dell'Australian Bureau of Statistics mostrano che anche prima della pandemia, le vendite di cibo al dettaglio erano cresciute costantemente, aumentando del 43% dal 2010 al 2020. L'inizio della pandemia ha accelerato questa tendenza della cucina casalinga.

Mentre circa due terzi del consumo di olio d'oliva australiano è alimentato dalle importazioni, il CIO prevede che le spedizioni di olio d'oliva estero nel paese diminuiranno nel 2020/21 dopo aver raggiunto un livello record nell'anno di raccolto precedente.

"Il motivo per cui probabilmente non lo vedremo aumentare molto nel prossimo anno è che ci aspettiamo, potenzialmente, il nostro più grande raccolto di sempre, specialmente in termini di olio extravergine di oliva ", ha detto Southan.

I primi produttori hanno appena iniziato il raccolto del 2021 all'inizio di questo mese e Southan ha detto che sarebbe stato in grado di fare le sue prime stime di produzione nei prossimi mesi.

Il CIO prevede un raccolto di 20,000 tonnellate per l'Australia nell'anno di raccolto in corso, rispetto alle 17,000 tonnellate prodotte nel 2019/20.

"Aneddoticamente, il 2020 è stata una fantastica inversione di tendenza per l'intero paese in termini di maggiori precipitazioni e migliori condizioni meteorologiche", Ha detto Southan. "Di conseguenza, gli alberi ora daranno i frutti di quelle condizioni. Stiamo cercando una buona produzione. "





Related News

Feedback / suggerimenti