`Olio d'oliva trattenuto a causa di tracce di pesticidi - Olive Oil Times

Olio d'oliva detenuto a causa di tracce di pesticidi

Marzo 19, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Il rilevamento di tracce di pesticidi ha bloccato i container 98 di olio extra vergine di oliva italiano nei porti di New York e Seattle, secondo il parlamentare italiano Sergio Silvestris.

In un'interrogazione scritta all'inizio di questo mese, Silvestris ha informato i controlli del Parlamento da parte della US Customs and Border Protection sui campioni in vari contenitori che hanno trovato tracce di clorpirifos-etile.

I livelli rilevati - che vanno da 0.015 a 0.020 ppm - erano minimi e al di sotto del livello massimo consentito di residui (MRL) di 0.250 ppm fissato per tutte le colture agricole nell'Unione europea. Ma il pesticida - usato contro la mosca dell'olivo - non può essere usato per la produzione di olio d'oliva negli Stati Uniti, ha detto.

Tuttavia, è accettato e autorizzato negli Stati Uniti per l'uso su varie colture, con un MRL) di 0.100 ppm.

Silvestris ha dichiarato che tutto il petrolio UE importato dagli Stati Uniti è soggetto a controlli preliminari da parte del Food and Drug Administration (FDA) e gli esportatori di olio d'oliva italiani hanno avuto per diversi anni "notevole difficoltà "a vendere il loro prodotto negli Stati Uniti a causa della presenza di residui di clorpirifos-etile. "Un pesticida il cui uso è autorizzato in Italia e in Europa nella coltivazione dell'olivo (ai sensi del regolamento 149/2008 della Commissione Europea. ”

"Attualmente, oltre l'80% dell'olio extra vergine di oliva prodotto in Italia e venduto negli Stati Uniti rimane bloccato in 98 container nei porti di New York e Seattle ”, ha scritto in una domanda ancora senza risposta datata 8 marzo.

Silvestris ha collegato la questione alla necessità di modifiche ai regolamenti della FDA e alla questione più ampia dei prossimi colloqui di quest'estate su un accordo transatlantico di libero scambio.

"Perché non è stato ancora raggiunto un accordo bilaterale con gli Stati Uniti in relazione a quella sostanza? "

"Intende la Commissione avviare i negoziati con la FDA il più presto possibile ... con riferimento ai clorpirifos in agricoltura e alimenti? "

"Quali ulteriori azioni intende adottare al fine di garantire il libero scambio tra le due parti e impedire che misure sanitarie e fitosanitarie, come quelle descritte, diventino veri e propri ostacoli internazionali all'esportazione di prodotti dell'UE ", ha chiesto.

Un importatore di olio d'oliva americano ha detto Olive Oil Times che erano stati tenuti anche alcuni contenitori di olio extra vergine di oliva spagnolo.

Nel 2011/12, gli Stati Uniti hanno importato poco più di 317,000 tonnellate di olio d'oliva, in aumento dell'8.6% rispetto alla stagione precedente. L'Italia era il principale fornitore, seguito dalla Spagna.

Juan Corbalán, delegato di Bruxelles delle Cooperative agroalimentari spagnole - che detiene la presidenza della sezione dell'olio d'oliva della federazione europea degli agricoltori Copa-Cogeca - afferma che gli esportatori europei di olio d'oliva hanno subito restrizioni negli Stati Uniti, dove gli standard di qualità europei non sono stati riconosciuti.

"Abbiamo la sensazione che non si sentano a proprio agio con l'olio d'oliva dall'Europa perché è più competitivo del loro ", ha detto.

Critiche negli Stati Uniti per gli standard di qualità dell'UE e chiacchiere sul paese che potrebbe introdurre il proprio ordine di commercializzazione dell'olio d'oliva aveva creato molta incertezza e stava scoraggiando le potenziali esportazioni negli Stati Uniti

"I produttori dell'UE non vogliono correre il rischio di andare lì perché non sanno cosa accadrà domani, non hanno stabilità ", ha detto.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti