`Importazioni in forte aumento in Giappone e Cina, aumento modesto negli Stati Uniti - Olive Oil Times

Importazioni in netto aumento in Giappone e Cina, modesto guadagno negli Stati Uniti

Aprile 12, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Le importazioni di olio d'oliva sono aumentate del 31 percento in Giappone, del 24 percento in Cina, del 15 percento in Canada, del 14 percento in Brasile e del 9 percento in Australia e Russia, per i primi quattro mesi dell'anno raccolto 2012/13, secondo l'ultimo dati da Consiglio oleicolo internazionale (IOC).

Nella sua newsletter di marzo, il CIO ha anche affermato che rispetto allo stesso periodo del 2011/12, le importazioni sono aumentate del 3% negli Stati Uniti (USA), un mercato che ha registrato una crescita del 9% la scorsa stagione ed è il più grande olio d'oliva del mondo consumatore dopo Italia e Spagna.

A gennaio, gli Stati Uniti hanno importato 24,570 tonnellate, mentre la Cina ha preso 6,360 tonnellate fuori stagione, 5,500 tonnellate in Brasile e 4,253 tonnellate in Giappone.

Importa fino al 66 percento nell'UE

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Nel frattempo, il calo della produzione dell'Unione europea (UE) in questa stagione obbliga i suoi stati membri ad acquistare al di fuori dell'UE, ha affermato il CIO.

Le importazioni di olio d'oliva nell'UE per lo scorso ottobre-dicembre sono aumentate di due terzi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La Tunisia ha rappresentato circa il 73% delle quasi 29,000 tonnellate di importazioni - la maggior parte delle quali di qualità vergine - nell'UE. quarto, e il Marocco quasi un quinto. L'Italia ha preso la maggior parte delle importazioni tunisine e la Spagna la maggior parte del petrolio marocchino.

Tendenze commerciali dell'UE

In una sezione sulle tendenze del commercio dell'UE, il CIO ha affermato che il principale attore mondiale Spagna ha esportato circa 956,400 tonnellate nel 2011/12, di cui il 70% è stato venduto all'interno dell'UE, l'Italia da sola ha acquistato quasi 405,000 tonnellate dalla Spagna.

L'Italia, d'altra parte, vende quasi due terzi del proprio olio d'oliva oltre l'UE, principalmente negli Stati Uniti

La newsletter mostra anche che le esportazioni intra-UE (olio d'oliva venduto a un paese dell'UE da un altro) hanno totalizzato quasi 988,800 tonnellate nel 2011/12, ma cifre separate del CIO mettono il totale dichiarato per le importazioni intra-UE a circa 1.07 milioni di tonnellate, una discrepanza di più di 81,000 tonnellate.

Nella sua newsletter di febbraio, il CIO ha espresso preoccupazione per il crescente divario tra queste cifre - che già ammontavano a 24,033 tonnellate per i primi due mesi della stagione in corso - e ha affermato che sarebbe stato necessario monitorarlo.

Prezzi dell'olio d'oliva

I prezzi franco mulino dell'olio extravergine di oliva ora si attestano a € 2.97 / kg in Spagna, in aumento del 70% rispetto a un anno fa.

Nell'ultima settimana di marzo si sono attestati a 3.21 € / kg in Italia e 2.04 € / kg in Grecia.

La differenza tra il prezzo dell'olio di oliva raffinato e olio extravergine d'oliva attualmente si trova a circa 0.27 € / kg in Spagna e 0.39 € / kg in Italia, ha detto il CIO.

Olive da tavola

Le importazioni di olive da tavola nei primi quattro mesi della campagna 2012/13 (ottobre 2012 - gennaio 2013) sono aumentate del 24% in Canada, dell'11% in Australia, del 10% in Russia e del 6% in Brasile.

Sebbene siano diminuiti dell'1% negli Stati Uniti, rimane il più grande acquirente non UE e in questa stagione ha importato una media di oltre 10,000 tonnellate di olive da tavola al mese.



Related News

Feedback / suggerimenti