` L'olio d'oliva scende dal Nord America e dalla Cina

Affari

L'olio d'oliva scende dal Nord America e dalla Cina

Dicembre 10, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

-frantoio a importazioni-down-in-nord-america-and-china-olio d'oliva-volte-china

Le importazioni di olio d'oliva e di olio di sansa di oliva nel gigantesco mercato nordamericano sono scese del sei percento nell'anno a settembre, secondo l'ultimo rapporto di mercato dell'International Olive Council.

I suoi primi dati sull'intero anno per il raccolto 2012-13 - da ottobre 2012 a settembre 2013 - rivelano anche cali del 10 percento in Australia e dell'8 percento in Cina ma crescita del 18 percento in Giappone, 8 percento in Russia e 5 percento in Brasile nella stagione precedente.

E le importazioni nell'Unione europea da paesi extra UE sono aumentate del 61% e gli scambi all'interno dell'UE sono diminuiti del 10% per i primi undici mesi dell'anno di raccolta rispetto allo stesso periodo della stagione 2011/12, una situazione che il CIO ha affermato che era "ovviamente legato al basso livello della produzione di olio d'oliva nell'UE nel 2012/2013. "

Mercato mondiale delle olive da tavola

Le importazioni di olive da tavola, nel frattempo, sono aumentate dell'8% ciascuna negli Stati Uniti, in Brasile e in Russia e del 5% in Canada, rimanendo allo stesso livello in Australia rispetto alla stagione precedente. I dati dell'UE fino a settembre mostrano un aumento del 2% nelle importazioni extra-UE / 27 e del 3% nelle acquisizioni intra-UE-27.

pubblicità

Prezzi franco fabbrica per olio extra vergine di oliva

Spagna: il CIO Newsletter di novembre afferma inoltre che i prezzi pagati ai produttori spagnoli alla fine di novembre - circa 2.30 € / kg - erano inferiori dell'1% rispetto allo stesso periodo di una stagione prima, "poiché i mercati hanno reagito all'annuncio di un buon raccolto nella stagione 2013/14 ... e alla possibilità di svuotare il più possibile la conservazione dell'olio d'oliva per far posto alla produzione della nuova stagione ".

Italia: i prezzi hanno iniziato a salire nell'ultima settimana di ottobre e hanno raggiunto 2.65 € / kg alla fine di novembre, con un aumento del 2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Grecia: a fine settembre, i prezzi in Grecia si sono attestati a circa € 2.50 ma poi sono scesi fino a stabilizzarsi per circa quattro settimane a € 2.36 a fine ottobre / novembre, per poi salire a € 2.41 nell'ultima settimana di novembre. "Questo livello di prezzo è superiore del 15% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e probabilmente rispecchia il piccolo raccolto previsto per il 2013-14 ", ha affermato il CIO.

Prezzi raffinati dell'olio di oliva

I prezzi dell'olio di oliva raffinato in Spagna e in Italia sono scesi rispettivamente a € 2.15 / kg e € 2.17 / kg, in calo del 5 percento e dell'9 percento nello stesso periodo di una stagione fa. Nessun dato disponibile per la Grecia.

La differenza tra il prezzo dell'olio di oliva raffinato e dell'olio extra vergine di oliva è di circa € 0.15 / kg in Spagna e € 0.48 / kg in Italia.

L'olio di oliva vergine ora domina le importazioni in Brasile

La newsletter includeva anche una sezione sul Brasile, dove le importazioni di olio d'oliva e di olio di sansa di oliva sono cresciute del 74,874% su base annua per raggiungere circa 2012 tonnellate nel 13/57, di cui il Portogallo ha fornito il 25%, la Spagna il 9%, l'Argentina il XNUMX% e l'Italia sei percento.

La stragrande maggioranza di queste importazioni - il 73 percento - era olio di oliva vergine, in aumento rispetto al 39 percento di un decennio fa. Nel 2002/03, il 61 percento era del grado di olio d'oliva (voce doganale 150990), ma nella scorsa stagione era sceso al 25 percento.

L'Argentina è di gran lunga la principale fonte delle importazioni di olive da tavola del Brasile, sebbene abbia perso terreno rispetto al prossimo fornitore più grande, la Spagna.

Fonte:

CIO newsletter di mercato novembre 2013

Related News