L'olio d'oliva sta diventando uno degli ingredienti più popolari dell'Asia

Consumo e produzione sono in aumento nelle due maggiori economie asiatiche. I consumatori preferiscono ancora i marchi importati a quelli nazionali.
Shenzhen, Cina
Febbraio 16, 2021
Lisa Anderson

Notizie recenti

Secondo la società di ricerche di mercato Mordor Intelligence, si stima che il mercato dell'olio d'oliva Asia-Pacifico crescerà a un tasso composto annuo del 4.2% dal 2020 al 2025.

Questo pone il file Dieta mediterranea puntare sul ritmo per diventare uno degli ingredienti più popolari della regione.

Il consumo di olio extravergine di oliva in Cina sta aumentando a un ritmo significativo, in particolare nelle grandi città e in un segmento della popolazione dai 25 ai 30 anni che ha viaggiato all'estero.- Pablo Canamasas, ingegnere agronomico, Longnan Xiangyu Olive Development Company

Tuttavia, le prove suggeriscono che i consumatori locali preferiscono ancora gli oli d'oliva importati, nonostante i produttori del continente facciano enormi passi avanti per migliorare il loro prodotto e vincere premi in concorsi internazionali.

Vedi anche: Notizie commerciali

Pablo Canamasas è un ingegnere agronomico argentino che ha prodotto il robusto Picholine della Longnan Xiangyu Olive Development Company, che guadagnato un premio d'oro Al 2017 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Ha detto a Bloomberg News che gli oli d'oliva prodotti localmente in Cina non sono riconosciuti a casa come sono all'estero.

"Per quanto possa sembrare folle, il pubblico cinese ha la stessa opinione che noi estranei abbiamo sui prodotti cinesi: che sono di scarsa qualità ", ha detto.

Nel giugno 2019, la Camera di commercio cinese diretta (DCCC) ha riferito che i consumatori cinesi hanno apprezzato la qualità e gli elevati standard di sicurezza alimentare associati agli oli importati più di quelli prodotti a livello nazionale.

Al momento dello studio, la Cina importava il 90 percento del suo olio d'oliva dalla Spagna ei consumatori si dicevano più che disposti a pagare il premio per il prodotto importato.

Il Consiglio oleicolo internazionale lo stima consumo di olio d'oliva in Cina nella campagna 2020/21 raggiungerà 66,000 tonnellate, rispetto alle 57,500 tonnellate del 2018/19. Di quel totale, la Cina ha importato 58,500 tonnellate e prodotto 7,500 tonnellate.

Vedi anche: Indicazioni geografiche protette nell'accordo commerciale Cina-UE

"Il consumo di olio extravergine di oliva in Cina sta aumentando a un ritmo significativo ", ha affermato Canamasas. "In particolare nelle grandi città e in una fascia di popolazione dai 25 ai 30 anni che ha viaggiato all'estero ed è più esposta alla dieta mediterranea o ne ha sentito parlare ".

Secondo il DCCC, la preferenza dei consumatori per gli oli importati è stata parzialmente alimentata da un calo prezzi dell'olio d'oliva in Europa e riduzioni tariffarie per Importazioni italiane di olio d'oliva.

La camera ha evidenziato che Italia, Grecia e Tunisia si sono adattate rapidamente all'evoluzione delle abitudini alimentari cinesi, compresa la crescente consapevolezza dei consumatori locali sulle diete salutari e l'evoluzione delle tendenze culinarie.

Insieme a questi fattori, anche la crescente classe media cinese è stata accreditata per la tendenza in crescita.

Secondo Bloomberg News, la crescente popolarità dell'olio d'oliva in Asia ha anche spinto i produttori della regione a produrre più olio d'oliva.

Le esportazioni di olio d'oliva del Giappone sono aumentate a 276 tonnellate nel 2019, aumentando del 209% rispetto al 2018 e del 545% rispetto al 2014.

Anche i produttori giapponesi goduto di un anno record Al 2020 NYIOOC, guadagnando otto riconoscimenti, inclusi quattro premi Gold.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti