`Prezzi dei produttori più bassi da 2009

Affari

Prezzi dei produttori più bassi da 2009

Giu. 7, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

L'ultimo round di ritiro dal mercato sovvenzionato dalla Commissione Europea dell'olio d'oliva non è riuscito a rialzare i prezzi, che secondo il Consiglio oleicolo internazionale rimangono ai livelli più bassi dal 2009.

Secondo il suo Newsletter del mercato di maggio, i prezzi dell'olio extra vergine di oliva sono inferiori del 11 in Spagna (€ 1.77 / kg), del 10 in Grecia (€ 1.84 / kg) e del 39 in Italia (€ 2.38 / kg), rispetto agli stessi sei mesi della scorsa stagione,

"Negli ultimi mesi, i prezzi si sono stabilizzati in Grecia e sono rimasti pressoché stabili in Spagna, mentre sono leggermente migliorati in Italia. Tuttavia, sono ai livelli più bassi dall'ottobre 2009 in tutti e tre i paesi ", afferma il CIO.

I prezzi per l'olio d'oliva raffinato sono peggiori per gli ultimi tre anni di produzione e il divario tra il prezzo dell'olio di oliva raffinato e quello di EVOO è ora di circa € 0.07 / kg in Spagna e € 0.59 / kg in Italia.

Mercato mondiale dell'olio di oliva e di sansa

Nella sua newsletter di aprile, il CIO descritto come "preoccupante" un calo delle importazioni di olio di oliva e di sansa in Canada e Australia. Ora riporta che le importazioni canadesi si sono leggermente riprese, sebbene siano ancora in calo del 14% tra ottobre e marzo rispetto a un anno fa, mentre le importazioni in Australia sono aumentate del 2%.

pubblicità

Il principale importatore mondiale, gli Stati Uniti, mostra un aumento dell'1% solo per i primi sei mesi della stagione 2011/12, ma le cifre sono più promettenti per Cina, Russia e Brasile con una crescita rispettivamente di 22, 16 e 6 per cento. All'inizio di questa settimana, il CIO ha indetto gare d'appalto per una campagna di promozione di € 600,000 ($ 754,000) in Giappone, dove la crescita è cresciuta del 7%.

Anche le importazioni nell'UE e all'interno dell'UE sono in calo. Il primo del 15 percento, "il che non sorprende, dato il volume della produzione dell'UE in questa stagione ”, ha affermato il CIO.

Mercato mondiale delle olive da tavola: le importazioni aumentano solo nel Brasile

Le importazioni di olive da tavola per ottobre - marzo sono inferiori per la maggior parte dei paesi - tranne che in Brasile, dove sono aumentate del 23%. Hanno mantenuto una posizione stabile in Canada, ma sono diminuiti del 9% negli Stati Uniti, del 4% in Russia e nell'UE e del 2% in Australia.

Argentina: le esportazioni di olio d'oliva aumentano, ma i consumi diminuiscono

La newsletter di questo mese descrive l'Argentina, il luogo per tre riunioni del CIO il mese prossimo. Il 18th la sessione straordinaria del Consiglio dei membri del CIO si terrà a Buenos Aires dal 2 al 6 luglio ed entrambi i 39th riunione del comitato consultivo del COI e riunione dei firmatari dell'accordo sul controllo di qualità il 2 luglio.

L'unico membro sudamericano del CIO, l'Argentina, si è unito nel 2009. Secondo i documenti del Codex Alimentarius, uno dei suoi motivi era quello di "dimostrano che gli oli di oliva argentini sono autentici ”, anche quando i loro profili di acidi grassi differiscono da quelli tipici del Mediterraneo e non raggiungono i parametri IOC progettati per rilevare l'adulterazione. Poiché alcuni oli provenienti dalle nuove aree di produzione dell'Argentina hanno bassi valori di acido oleico e alti valori di acido linoleico, ha spinto per modifiche ai parametri pertinenti.

La newsletter del CIO, nel frattempo, afferma che la produzione di olio d'oliva è fortemente aumentata negli ultimi dieci anni in Argentina "seppur più in termini relativi che in termini assoluti ”, vista la crescita del 275 percento ammonta a sole 11,000 tonnellate.

Le esportazioni, in gran parte alla rinfusa e di qualità extra vergine, sono aumentate del 175 percento in un decennio. La metà va negli Stati Uniti e l'40 in Brasile.

Ma c'è stata una flessione nella produzione di olio d'oliva argentino da quando ha raggiunto un massimo di 27,000 tonnellate nel 2007/08, che "molto probabilmente può essere spiegato in parte dalla conversione del frutteto alla produzione di olive da tavola ”ha affermato il CIO.

Mentre il consumo di olio d'oliva domestico è sceso dell'17% negli ultimi dieci anni, il consumo di olive da tavola è aumentato del 180 percento per raggiungere le tonnellate 35,000 la scorsa stagione e la produzione di olive da tavola ha toccato le tonnellate 250,000. Le esportazioni sono principalmente in Brasile.

"L'Argentina offre eccellenti condizioni naturali per lo sviluppo della coltivazione dell'olivo. Due parametri possono essere utilizzati per misurare il suo potenziale: la crescita esponenziale del numero di alberi genetici avanzati e la crescita delle esportazioni argentine, in particolare verso i due mercati chiave degli Stati Uniti e del Brasile ", afferma la newsletter.

Ritiro dal mercato dell'olio d'oliva

La Commissione europea ha aperto la prima gara d'appalto per l'ultimo round di aiuti all'ammasso privato di maggio 31 e ha già ricevuto offerte per togliere dal mercato più di 86,000 tonnellate di olio di oliva vergine (di cui 413 tonnellate) dal mercato per sei mesi .

Oggi, in una riunione della commissione della CE (7 giugno), l'aiuto massimo da pagare è stato fissato a 0.65 € / ton / giorno, tenuto conto "la situazione del mercato e la struttura delle offerte ricevute ", hanno affermato fonti CE.

Le nuove offerte saranno accettate fino a giugno 19 per portare il totale alle tonnellate 100,000 massime.



Related News