`Produttori di olio d'oliva in Spagna Abbandono del progetto - Olive Oil Times

Produttori di olio d'oliva in Spagna Drop-Off del progetto

Giu. 10, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

I produttori di olio d'oliva di Jaén affermano che il loro prossimo raccolto sarà solo la metà della produzione record di quest'anno.

Avendo prodotto la maggior parte degli 1.6 milioni di tonnellate di olio d'oliva della Spagna quest'anno - e sulla scia di uno degli inverni più secchi della loro vita - si aspettano un triste 2013.

Quanto triste sarà più chiaro in poche settimane, ha affermato Cristóbal Gallego, portavoce del settore dell'olio d'oliva per la Federazione andalusa delle imprese cooperative agricole (FAECA). A quel punto le stime saranno più solide, ma è già chiaro che alcune parti del capitale produttivo mondiale sono state duramente colpite dalla siccità e poi dalle gelate, ha detto a EFE la scorsa settimana.

"Se i prezzi restano bassi e se le previsioni di una produzione così ridotta si dimostrano corrette, la provincia di Jaén ne soffrirà molto, perché ciò ridurrà ulteriormente i redditi dei produttori ".

I suoi timori arrivano quando la Spagna accetta quello che potrebbe essere un salvataggio europeo fino a 100 miliardi di euro (125 miliardi di dollari) per le sue banche e con la maggior parte degli spagnoli già rassegnata a un futuro cupo con ulteriori misure di austerità in arrivo.

Piano d'azione di Cioloş imminente

Proposta del commissario europeo per l'Agricoltura Dacian Cioloş piano d'azione per il settore dell'olio d'oliva dovrebbe essere discusso dai ministri dei paesi produttori europei in una riunione del 18 giugno.

Il piano sarà pubblicato pubblicamente alla fine di questo mese e includerà miglioramenti nel controllo di qualità, protezione dei consumatori ed etichettatura, nonché cambiamenti strutturali per promuovere la sostenibilità.

Il consumo di olio d'oliva è leggermente diminuito in Spagna

L'ultima indagine sui consumi delle famiglie in Spagna mostra un calo dello 0.2% per gli oli commestibili. Il consumo di olio d'oliva è diminuito dello 0.2% e quello di girasole dello 0.8% stagione su stagione da aprile 2011 a marzo di quest'anno.

Deoleo annuncia una campagna promozionale per € 20m

Nel frattempo, EFE riferisce che il colosso dell'olio d'oliva Deoleo (precedentemente SOS) investirà € 20 milioni ($ 25m) per promuovere i suoi marchi nei mercati emergenti, dove i margini sono migliori, e non in Spagna, dove il mercato è consolidato e il consumo non dovrebbe aumentare.

Parlando dopo l'assemblea generale annuale del gruppo a Madrid il 6 di giugno, il capo di Deoleo Jaime Carbó ha detto che era tempo di concentrarsi su mercati più redditizi, come Cina e Brasile, dove i marchi del gruppo hanno registrato una crescita rispettivamente di 56 e 28.

Si stima che una su cinque bottiglie di olio d'oliva vendute in tutto il mondo appartenga già a Deoleo.

Non produttori Germania, Regno Unito e Austria tra i maggiori esportatori in Ungheria

Infine, secondo un rapporto dell'Istituto spagnolo di commercio estero (ICEX) sul commercio di olio d'oliva in Ungheria, l'Italia ha la quota di mercato più grande - 45 percento - ma essa e, in misura peggiore, la Grecia, stanno perdendo terreno rispetto a paesi che tradizionalmente non erano esportatori, in particolare Regno Unito, Germania e Austria.

I tre ora detengono insieme una quota di mercato del 16% e l'hanno raggiunta in gran parte attraverso le esportazioni di prodotti a base di olio d'oliva con etichetta bianca da grandi società di produzione con sede in quei paesi, come Unilever, che ha la sua sede nel Regno Unito.

Il rapporto afferma che il Regno Unito è particolarmente forte nel segmento dell'olio di oliva raffinato e in Germania lampante.

L'olio di girasole è il leader dei grassi e degli oli utilizzati in Ungheria, con il 65% del mercato, mentre l'olio d'oliva - che è un terzo più costoso - ha solo il 2%.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti