`Solo l'uno per cento degli olivicoltori dovrebbe perdere fondi con la nuova PAC spagnola - Olive Oil Times

Solo l'uno per cento degli olivicoltori dovrebbe perdere fondi con la nuova PAC spagnola

Giu. 29, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Gli olivicoltori e i produttori di olio dovrebbero essere tra i principali beneficiari del nuova politica agricola comune (PAC) in Spagna.

La nuova politica prevede finanziamenti ai settori agricoli di tutti i 27 Stati membri dell'Unione Europea dal 2023 al 2027.

(La nuova PAC) è davvero ben congegnata perché aiuta i più svantaggiati. Aiuta i piccoli agricoltori. Aiuta coloro che sono molto attenti all'ambiente. Aiuta le contadine e aiuta i più giovani.- Juan Vilar, consulente strategico

A differenza delle precedenti iterazioni della PAC, questa è stata progettata per consentire a ciascuno Stato membro di creare un piano strategico nazionale per l'attuazione della PAC. Questi devono essere formalizzati entro la fine del 2021.

I Commissione europea esaminerà quindi ogni piano strategico nazionale prima di rilasciare il finanziamento, prestando particolare attenzione al programma puntare sulla sostenibilità, piccoli agricoltori e giovani agricoltori.

Vedi anche: La nuova politica agricola dell'UE potrebbe avvantaggiare gli olivicoltori greci se i requisiti sono soddisfatti

Complessivamente, la Spagna riceverà 47.7 miliardi di euro suddivisi nei sette anni coperti dalla PAC (circa 6.8 miliardi di euro ogni anno). Il settantacinque percento di questo finanziamento arriverà sotto forma di pagamenti diretti ai 695,000 agricoltori del paese. Il restante 25% è destinato allo sviluppo rurale.

Secondo Juan Vilar, a consulente strategico al settore olivicolo, gli olivicoltori in Andalusia; – che sono responsabili di più di tre quarti dell'annuale del paese produzione di olio d'oliva – riceverà circa 8.1 miliardi di euro nei sette anni.

Sebbene il settore agricolo spagnolo abbia visto i propri finanziamenti ridotti del 10% nella nuova PAC, questi tagli non saranno applicati allo stesso modo. I grandi agricoltori e gli allevatori possono vedersi tagliare i pagamenti diretti fino al 25%, con i piccoli agricoltori che subiscono riduzioni molto più contenute.

"Con il calo del budget di quel 10%, si ritiene che solo l'-% degli olivicoltori vedrà ridotto il reddito della PAC ", ha detto Vilar Olive Oil Times.

Una delle principali novità della nuova PAC è un processo noto come convergenza, che la Commissione europea ha progettato per ridistribuire i pagamenti, fissandoli a 60,000 euro per azienda agricola o 100,000 euro per azienda (con più aziende).

"Ad esempio, già parlando di uliveti in Spagna, in Andalusia, l'importo medio di denaro ricevuto è di 571 euro per ettaro", ha affermato Vilar. "Tuttavia, Jaén riceve € 690 per ettaro e Huelva riceve € 270. Cioè, Jaén riceve tre volte più soldi di Huelva. Convergenza significa che a poco a poco Jaén riceverà di meno e Huelva riceverà di più”.

Tuttavia, Vilar ha affermato che la convergenza porterà a una più equa ridistribuzione dei fondi ai piccoli agricoltori, che è uno dei tre obiettivi principali della nuova PAC definita dalla Commissione europea.

Vedi anche: La nuova PAC offre molte opportunità per gli olivicoltori italiani

"Sarà un male per gli olivicoltori che attualmente ricevono più di € 60,000 per azienda o congiuntamente più di € 100,000 ", ha affermato Vilar. "In altre parole, va bene per i coltivatori medi e piccoli, e non va così bene per i grandi olivicoltori”.

Secondo Vilar, la nuova PAC fornirà i maggiori benefici a "olivicoltori tradizionali, olivicoltori biologici, giovani olivicoltori e olivicoltori che vivono di olivicoltura”.

Parte del motivo per cui molti di questi olivicoltori trarranno beneficio dall'accordo sono le rigide politiche ambientali che ora sono legate ai pagamenti degli aiuti. Per poter beneficiare dei pagamenti diretti, gli agricoltori saranno ora tenuti a dedicare il tre per cento della loro terra a biodiversità.

Ulteriori fondi saranno messi a disposizione degli agricoltori che opteranno per passaggio all'agricoltura biologica, attuare pratiche agroecologiche e gestione integrata dei parassiti protocolli.

"Gli olivicoltori che fanno le cose in modo coscienzioso con l'ambiente riceveranno molto più denaro di quelli che non sono coscienziosi nei confronti dell'ambiente ", ha affermato Vilar.

Un altro cambiamento alla PAC che andrà a beneficio dei piccoli agricoltori sta cambiando la definizione di ciò che costituisce un agricoltore, che eliminerà coltivatori per hobby e alcuni agricoltori part-time dall'equazione.

"Un vero agricoltore è colui che riceve il 25 percento del proprio reddito dall'olivicoltura ", ha affermato Vilar. "Quindi questi agricoltori sono trattati in modo diverso. Ricevono più soldi e, a loro volta, sono trattati meglio dal punto di vista fiscale».

Il prossimo passo nella ratifica del piano strategico nazionale spagnolo per la PAC è che il governo federale e i 17 governi delle comunità autonome raggiungano un accordo.

Finora, un primo piano strategico del Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione è stato respinto dal Consiglio delle comunità autonome. Non sono d'accordo con l'attuale definizione di agricoltore attivo, il regime di pagamento ridistributivo, gli aiuti associati alla produzione, la definizione di programmi settoriali, gli aiuti allo sviluppo rurale e alla governance.

Molti osservatori in Spagna ritengono che il processo di creazione del piano strategico sarà lungo e teso, con molti sindacati agricoli separati che faranno pressioni per i migliori interessi dei loro produttori specifici. Tuttavia, Vilar ha detto che si aspetta che il piano passi in gran parte così com'è.

"Non credo che ci saranno cambiamenti nella nuova PAC”, ha concluso. "È davvero ben pensato perché aiuta i più svantaggiati. Aiuta i piccoli agricoltori. Aiuta coloro che sono molto attenti all'ambiente. Aiuta le donne contadine e aiuta i più giovani”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti