Affari

Coltivazione di olive biologiche in aumento in tutto il mondo

L'area biologica utilizzata per la coltivazione dell'olivo in tutto il mondo è quasi triplicata da 2004.

Oliveto biologico in Italia
Aprile 3, 2019
Di Isabel Putinja
Oliveto biologico in Italia

Notizie recenti

I terreni agricoli utilizzati per la coltivazione dell'olivo sono in costante aumento ogni anno e sono quasi triplicati nell'area dal 2004, secondo un'indagine annuale sull'agricoltura biologica globale.

La ventesima edizione di il mondo dell'agricoltura biologica il rapporto ha fornito una panoramica dettagliata dello stato dell'agricoltura biologica in tutto il mondo.

Utilizzando dati provenienti da paesi 181, il sondaggio ha rivelato che 2017 (l'ultimo anno per il quale erano disponibili i dati) è stato un anno record per l'agricoltura biologica globale.

Guarda anche: Notizie sull'olio d'oliva biologico

Non solo l'area dei terreni agricoli biologici è aumentata in tutto il mondo, ma anche il numero di produttori biologici, mentre il mercato al dettaglio biologico continua a crescere.

Il terreno agricolo dedicato alla produzione biologica copre ora circa 173 milioni di acri di terreno agricolo terrestre ed è coltivato da 2.9 milioni di agricoltori. La quantità di prodotti biologici venduti in tutto il mondo ha rappresentato un valore totale di $ 97 miliardi nel 2017.

pubblicità

Il sondaggio fornisce anche spunti su quali colture vengono coltivate su terreni agricoli biologici. Quasi 2.2 milioni di acri di terreni agricoli biologici del mondo sono stati utilizzati per olivicoltura nel 2017. Questo è aumentato di quasi tre volte rispetto a 778,000 acri nel 2004, quando sono stati raccolti per la prima volta i dati sull'uso dei terreni coltivati.

Secondo il rapporto, il venti percento della terra agricola biologica totale del mondo è stata utilizzata per la coltivazione dell'olivo. Le olive rientrano nella categoria delle colture permanenti, che insieme ai legumi secchi e alle verdure hanno registrato una crescita di oltre il 15 percento rispetto all'anno precedente.

In 2017, l'8.3 percento degli uliveti terrestri era di produzione biologica.

Uno sguardo più da vicino ai dati geografici dettagliati ha rivelato che quasi l'70 percento degli oliveti biologici del mondo è presente Europa, seguito da Africa del Nord con quasi il 30 percento - quasi interamente (99 percento) in Tunisia.

Tunisia è in realtà il paese con la più vasta area biologica dedicata alla coltivazione dell'olivo, con oltre 629,000 acri. Questo è seguito da Italia con 570,000 acri e Spagna con 480,000 acri, mentre Turchia con 202,000 acri e Grecia con 124,000 acri seguono al quarto e quinto posto.

Le cifre presentate nel sondaggio rivelano anche altri fatti interessanti: il 15.5% degli oliveti della Tunisia sono biologici, rispetto a solo l'XNUMX% in Spagna, il più grande produttore di olive al mondo.

Uno sguardo più da vicino France, uno dei produttori più piccoli del mondo, ha dimostrato di avere la più grande percentuale di oliveti biologici: il 27.3 per cento della sua produzione di olive è certificata biologica. La coltivazione biologica è grande anche in Slovenia e in Italia, dove poco più del 20 percento degli oliveti sono biologici, mentre Cipro arriva al quinto posto, dopo la Tunisia, con il 14.6 percento.

Tornando in Tunisia, si distingue anche come il paese con la più grande area agricola biologica in Africa, con 757,000 acri. Nel 1999, è stato il primo paese africano a mettere in atto un regolamento biologico, adottando un programma nazionale per aumentare la produzione biologica. Negli ultimi 10 anni, ha visto un aumento delle esportazioni biologiche e la Tunisia è uno dei paesi di 10 che ha registrato il più alto aumento di terreni agricoli biologici in 2017.

Negli ultimi 92 anni l'Europa ha registrato un aumento del 10% della coltivazione di olive biologiche. Solo il 10 percento delle sue terre coltivabili permanenti organiche totali è utilizzato per la coltivazione dell'olivo, ma è ancora il continente con la più grande superficie biologica utilizzata per le olive: 1.46 milioni di acri di terre coltivate sono coltivate in oliveti biologici.

In Africa, questo arriva a 635,000 acri, quasi tutti in Tunisia, mentre in America Latina 64,000 acri sono utilizzati per la coltivazione di olive biologiche. Gli oliveti biologici in Asia coprono circa 41,000 acri, mentre nel Nord America l'area è di 1,800 acri modesti.

La terra coltivata dedicata alla coltivazione biologica delle olive continua a crescere a livello globale. C'è stato un aumento dell'8.3% tra il 2016 e il 2017, e questo è destinato a continuare ad aumentare poiché il 18% dei terreni agricoli utilizzati per le olive è attualmente in fase di conversione e sulla strada per diventare completamente biologico.





Related News