`Il Perù deve revocare i doveri antisovvenzioni sull'olio d'oliva italiano e spagnolo - Olive Oil Times

Il Perù deve sollevare i dazi antisovvenzioni sull'olio d'oliva italiano e spagnolo

Aprile 5, 2013
Julie Butler

Notizie recenti


Lima, Perù

Un tribunale peruviano ha annullato i dazi antisovvenzioni che il paese aveva imposto sulle importazioni di olio d'oliva italiano e spagnolo.

La Camera di difesa della concorrenza di Indecopi, l'autorità peruviana sulle misure antidumping e sui dazi compensativi, ha rilevato che quando i dazi sono stati approvati alla fine del 2010 non c'erano state le prove necessarie che le importazioni rischiassero di danneggiare l'industria dell'olio d'oliva del Perù.

Accogliendo un appello di Spagna e Italia, ha revocato l'autorità per i rispettivi dazi di € 0.95 e € 1.05 applicati a ciascun chilogrammo del loro olio d'oliva importato in Perù.

La Spagna spera che gli altri paesi prestino attenzione

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Sebbene il loro commercio con il Perù sia relativamente piccolo - importa solo 300 tonnellate di olio d'oliva europeo all'anno (1) - i due paesi, con il sostegno dell'Unione europea (UE), hanno visto la questione come abbastanza significativa da perseguire ciò che era complicato e senza dubbio costoso, processo di appello di due anni.

Rafael Picó, direttore di Asoliva, l'associazione spagnola degli esportatori di olio d'oliva, ha dichiarato Olimerca rivista il caso ha stabilito un precedente importante che sarebbe servito da riferimento per altri paesi.

Australia, Messico e Argentina avevano già provato ad applicare dazi antisovvenzioni (compensativi) sull'olio d'oliva dell'UE e uno spettro preoccupante era quello di un tentativo simile da parte degli Stati Uniti.

Il programma dell'UE ha fornito una sovvenzione

Secondo la versione pubblica di 72 pagine della decisione del tribunale di Lima, l'UE aveva affermato che il suo regime di pagamento unico - in base al quale gli agricoltori possono chiedere un sostegno al reddito - non costituiva un "sovvenzione perseguibile ".

In breve, membri dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) può applicare misure antisovvenzioni solo alle sovvenzioni ritenute perseguibili. Questi devono essere di natura specifica e devono essere indicati per causare danni all'industria nazionale del paese.

Il tribunale ha riscontrato che il sistema dell'UE era effettivamente specifico e falsava il commercio. Nella sua discussione ha menzionato anche il colosso spagnolo dell'olio d'oliva Deoleo aveva riconosciuto la natura specifica del regime nei suoi calcoli che i pagamenti, sebbene effettuati su base per ettaro, erano in media di circa 0.5 € / kg all'anno per l'olio d'oliva proveniente da piccole piantagioni (sebbene in alcuni casi raggiungessero 0.8 € / kg), e circa 0.15 € / kg per le grandi aziende ad alta produzione.

Effetto delle oscillazioni dei rendimenti non completamente preso in considerazione

Ma il tribunale ha riscontrato che non c'erano state prove di lesioni al settore dell'olio d'oliva in Perù. Infatti, nel 2010, gli indicatori più recenti avevano mostrato livelli di redditività accettabili, ha affermato.

Inoltre, nella sentenza originale che autorizzava i dazi antisovvenzioni, la valutazione degli indicatori economici non aveva dato il giusto peso all'effetto di un fenomeno non correlato - l'alternanza tra raccolti ad alto e basso rendimento noto in spagnolo come vecería. Ciò è avvenuto in Perù nel 2008, quando sono state raccolte 114,360 tonnellate di olive, più del doppio rispetto al 2007, per poi schiantarsi a sole 7,176 tonnellate nel 2009.

"Non è stato possibile dimostrare l'esistenza di una minaccia di pregiudizio o di un nesso di causalità, pertanto la decisione di primo grado deve essere annullata, con il risultato che i dazi compensativi cessano di essere applicati ", ha affermato il tribunale.

L'UE afferma che il regime va bene secondo le regole dell'OMC

Commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloş ha accolto con favore il risultato, dicendo che sperava che il Perù avrebbe agito rapidamente per abolire i dazi e rilevando che un accordo di libero scambio dell'UE con Perù e Colombia, entrato in vigore il 1 ° marzo, era stato progettato per rafforzare le relazioni commerciali tra di loro.

Nel frattempo, il background dei media UE sul caso - che ha usato il termine "presunte "importazioni di olio d'oliva sovvenzionate" - ha affermato che il tribunale ha compiuto uno sforzo prezioso per comprendere il sostegno dell'UE "alle organizzazioni di operatori nel settore oleicolo ”ma ci sono stati alcuni malintesi nel ragionamento per la risoluzione finale. "L'UE considera questo sostegno pienamente coerente con le regole dell'OMC ", ha affermato.

La necessità di mostrare danni al settore locale

Peter Koenig, dello studio legale Squire Sanders di Washington DC, ha affermato che il caso non ha avuto alcun rapporto diretto con qualsiasi azione intentata in altri paesi. "La decisione del Perù, tuttavia, evidenzia il requisito dell'OMC secondo cui, prima di imporre dazi compensativi contro le importazioni sovvenzionate, deve anche essere dimostrato che le importazioni sovvenzionate danneggiano o minacciano di danneggiare un'industria nazionale ", ha affermato.



Related News

Feedback / suggerimenti