Affari

Il Portogallo potrebbe essere il terzo produttore di olio d'oliva entro il 2030

Gli investimenti in oliveti ad alta densità e moderni frantoi stanno guidando la crescita del Portogallo tra i produttori di olio d'oliva.

Esporao
Gennaio 2, 2020
Di Daniel Dawson
Esporao

Notizie recenti

Il Portogallo ha il potenziale per diventare il terzo maggiore produttore di olio d'oliva nei prossimi dieci anni, secondo uno studio presentato il mese scorso.

Alentejo: leader dell'industria olivicola moderna internazionale è stato presentato alla sesta edizione dei giorni di Olivum. Nel rapporto di 107 pagine, i ricercatori di Consulai e Juan Vilar Strategic Consultants hanno affermato che boschetti ad alta densità e gli investimenti in tecnologia stanno spianando la strada all'ascesa del paese tra i produttori di olio d'oliva.

"Con la crescita prevista per i prossimi dieci anni, il Portogallo sarà il più grande riferimento nell'olivicoltura moderna ed efficiente al mondo, e forse il settimo più grande della superficie e il terzo più grande del mondo produzione di olio d'oliva", Hanno scritto gli autori dello studio.

Gli oliveti portoghesi hanno subito una profonda trasformazione da tradizionale e non competitivo a moderno ed efficiente.- Consulenti strategici Consultai e Juan Vilar

Il Portogallo è attualmente il nono produttore mondiale di olio d'oliva. Quest'anno, i produttori del paese si aspettano a raccolta record di 140,000 tonnellate.

In testa alla carica del Portogallo verso l'alto è la regione meridionale dell'Alentejo.

pubblicità

Estendendosi dall'Oceano Atlantico al confine con la Spagna, l'Alentejo occupa circa un quarto della massa terrestre del paese ed è responsabile di poco più di tre quarti di tutta la produzione di olio d'oliva del Portogallo.

Guarda anche: Notizie sulla produzione di olio d'oliva

"[Negli ultimi 20 anni,] gli oliveti portoghesi hanno subito una profonda trasformazione: da un uliveto tradizionale e non competitivo a un uliveto moderno ed efficiente", hanno scritto gli autori dello studio. "Alentejo ha guidato l'attuale trasformazione di olivicoltura internazionale ".

Nel 1999, il 98 percento degli uliveti dell'Alentejo erano tradizionali. Gli ulivi dentro boschetti tradizionali sono più distanziati rispetto ai boschetti intensivi o superintensivi e le macchine non vengono utilizzate per raccogliere i frutti.

I produttori tradizionali nella regione tendono ad avere meno di 250 alberi per acro, mentre i produttori ad alta intensità di solito ne hanno almeno 1,000.

La resa media dei boschi tradizionali dell'Alentejo era di circa 7.5 tonnellate per acro. Tuttavia, nei boschi superintensivi, i raccolti erano compresi tra 24.7 e 29.7 tonnellate per acro. Ciò ha causato un aumento della produzione annuale nella provincia di oltre il 1,000 percento in meno di 20 anni, passando da 8,534 tonnellate nel 1999 a 97,004 tonnellate nel 2017.

Gli oliveti super-intensivi ora rappresentano circa il 63 percento di tutti gli oliveti del Portogallo. Man mano che un numero maggiore di boschi viene convertito da tradizionale a super intensivo, si prevede che la produzione di olio d'oliva in Portogallo continuerà a salire.

"Negli ultimi anni abbiamo assistito a una fortissima evoluzione della produttività dell'oliveto in Alentejo ”, hanno scritto i ricercatori. "Tuttavia, si prevede che gli attuali livelli di produttività delle olive nell'Alentejo possano continuare ad aumentare con la conversione degli oliveti tradizionali ”.

Parte di ciò che ha portato a questo boom produttivo è stata la costruzione della diga di Alqueva, che ha permesso la proliferazione di boschi superintensivi. Prima della costruzione della diga, solo i boschetti tradizionali potevano sopravvivere nella regione a causa della prevalenza di siccità e incendi.

Un altro fattore trainante è stata la modernizzazione dei frantoi del paese. Poiché i rendimenti dell'olio d'oliva hanno continuato a salire, il numero di frantoi in Portogallo è costantemente diminuito. I piccoli mulini tradizionali sono stati rapidamente sostituiti da quelli più grandi e moderni.

"La regione ha investito in processi di produzione moderni ed efficienti che hanno aumentato significativamente la produttività e ha investito nell'installazione di oleifici tra i più sviluppati al mondo ", hanno scritto i ricercatori. "Ciò ha permesso al Portogallo di migliorare significativamente la qualità dei suoi oli d'oliva ".

I ricercatori hanno anche sottolineato come la modernizzazione e gli investimenti negli uliveti dell'Alentejo e del Portogallo abbiano giovato all'economia del paese. Negli ultimi tre anni, la produzione di olio d'oliva in Portogallo ha generato un fatturato di € 620 milioni ($ 690 milioni), che è 2.5 volte superiore al fatturato registrato tra il 2010 e il 2012.

del Portogallo esportazioni di olio d'oliva sono anche cresciuti rapidamente e i ricercatori ritengono che questa tendenza continuerà man mano che verranno effettuati ulteriori investimenti in boschetti ad alta densità e mulini moderni. Nel 2017 il Portogallo ha esportato € 500 milioni ($ 555 milioni) di olio d'oliva, rendendolo il quinto maggiore esportatore di prodotti in termini di valore.

Nel complesso, i guadagni derivanti dall'olio d'oliva rappresentano ora il nove percento del valore di tutta la produzione agricola annuale del Portogallo.

I ricercatori hanno anche affermato che la crescita del settore ha creato occupazione e investimenti costanti sia in Alentejo che nel resto del Portogallo, qualcosa che era gravemente carente prima della costruzione della diga di Alqueva.

Tuttavia, non tutti stanno celebrando l'ascesa meteorica della produzione di olio d'oliva del Portogallo. Molti agricoltori tradizionali, che non possono permettersi di investire in boschi superintensivi o non vogliono, affermano che i loro oli vengono superati e, di conseguenza, il loro stile di vita sta lentamente iniziando a scomparire.

"Alcuni vecchi agricoltori stanno abbandonando i loro oliveti perché non guadagnano abbastanza per produrre le olive nei vecchi oliveti ”, Ana Carrilho, un produttore locale di olio d'oliva e direttore del Centro per lo studio e la promozione degli oli di oliva dell'Alentejo (CEPAAL ), ha detto Olive Oil Times. "Alcuni di loro hanno abbandonato i loro boschi, mentre altri vendono la loro terra alle grandi aziende ”.

Carrilho ha aggiunto che, poiché i boschi superintensivi operano con costi di produzione inferiori per chilogrammo di petrolio prodotto, possono ridurre notevolmente i loro prezzi; un lusso che i produttori tradizionali non apprezzano.

Tuttavia, i ricercatori e Carrilho credono che la modernizzazione degli oliveti del Portogallo continuerà a beneficiare l'intero settore, soprattutto quando i locali iniziano a prendere il potere.

"Gli spagnoli sono stati i principali motori della prima fase degli uliveti moderni nella regione ”, hanno scritto i ricercatori. "[Ma] con l'espansione dell'irrigazione Alqueva e la maggiore esperienza di quelli nella regione, gli investimenti sono ora guidati da imprenditori locali".





Related News