Il Portogallo progetta esportazioni da record

Le esportazioni dovrebbero raggiungere i 600 milioni di euro, una forte conferma del ruolo crescente della produzione di olio d'oliva nell'economia nazionale.
Monte da Oliveira Velha - Amor é Cego
Monte da Oliveira Velha - Amor é Cego
Novembre 17, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una resa di olive ridotta in Portogallo non ne ostacolerà la crescita esportazioni di olio d'oliva, secondo il ministero portoghese dell'agricoltura, della silvicoltura e dello sviluppo rurale.

Lisbona prevede che le esportazioni raggiungeranno i 600 milioni di euro nel 2020, da 518 milioni di euro nel 2019 e 177 milioni di euro nel 2008, secondo TrendEconomy, una banca dati del commercio internazionale.

Il ministro dell'Agricoltura Maria do Céu Antunes ha affermato che la tendenza dimostra la crescita di a "settore dinamico " "grande vitalità. "

"Attualmente, il Portogallo produce il 160 percento dell'olio d'oliva di cui ha bisogno ", ha affermato. "Ciò significa che possiamo contare su una capacità di esportazione molto ampia ".

Vedi anche: Notizie commerciali

Durante una visita a un importante produttore di olio d'oliva nell'area di Beja, in Alentejo, il ministro ha parlato con diversi giornalisti locali e ha sottolineato come le esportazioni di olio d'oliva giocheranno un ruolo importante negli sforzi del governo per ridurre il deficit commerciale.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Sta succedendo, ha detto, grazie a "grande dinamica ”del settore dimostrata non solo dal "produzione competitiva ”degli oliveti intensivi, ma anche da "produzione più tradizionale. "

La rilevanza del settore, ha aggiunto il ministro, è dovuta alla sua capacità di "connettere le persone ai territori ", non solo in produzione di olio d'oliva, ma anche in "settori correlati, come il turismo e la gastronomia. "

Inoltre, il governo prevede che le esportazioni cresceranno quest'anno, nonostante un calo della produzione nel Raccolta delle olive 2020/21.

Secondo le stime più recenti dell'Associazione dell'olio d'oliva dell'Alentejo (Olivum), la produzione quest'anno raggiungerà le 100,000 tonnellate. Nella campagna 2019/20, il Portogallo ha prodotto a 140,000 tonnellate da record, una cifra che Olivum ha ampiamente attribuito ai pesanti investimenti del paese nella raccolta meccanizzata e super-alta densità uliveti.

Gonçalo de Almeida Simões, Il direttore esecutivo di Olivum, ha dichiarato all'agenzia di stampa locale LUSA che l'Alentejo, la più importante regione produttrice portoghese, produrrà 75,000 tonnellate, in calo rispetto alle 100,000 tonnellate prodotte l'anno precedente. L'Alentejo, che comprende quasi il 30 percento della superficie terrestre del Portogallo, è responsabile di circa il 75 percento della produzione di olive del paese.

Quei numeri, ha aggiunto de Almeida Simões, "non è una sorpresa per il settore ”dal momento che molti dei produttori del paese stavano entrando in un periodo di riposo.

Secondo Olivum, l'atteso calo della produzione sarà compensato dall'elevata qualità della resa di quest'anno.

"Sarà un buon raccolto ", ha detto de Almeida Simões. "Ci aspettiamo che il 95 percento dell'olio d'oliva prodotto in Portogallo sarà olio d'oliva vergine ed extravergine ".

Questa è una buona notizia, ha aggiunto, da allora consumo di olio d'oliva "sta crescendo del XNUMX% in tutto il mondo quest'anno. "

Il Portogallo ha investito nel ammodernamento del settore olivicolo negli ultimi 20 anni, al fine di adeguarsi al ritmo della crescente concorrenza internazionale.

De Almeida Simões ha sottolineato come le società di olio d'oliva nel paese siano per lo più di proprietà di imprenditori portoghesi che sono stati in grado di attirare considerevoli investimenti stranieri dalla Spagna e lontano come l'Arabia Saudita e il Cile.

Durante la sua visita a Beja, do Céu Antunes ha anche evidenziato il gli sforzi del governo integrare diversi settori per aiutare a modernizzare e far crescere la produzione di olio d'oliva del paese.

"Stiamo lavorando con i produttori, le università, i politecnici per offrire loro supporto e informazioni che dimostrano la vitalità del settore dell'olio d'oliva e il suo contributo alla valorizzazione sociale, agli stimoli economici e alla conservazione dell'ambiente ", ha affermato.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti