I produttori avvertono di "Incalculable Damage" in Wake of Filomena

Asaja Madrid stima che la raccolta delle olive della regione diminuirà del 35% a causa della bufera di neve.
Cooperativa Recespaña
Gennaio 15, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Secondo la sezione regionale dell'Associazione dei giovani agricoltori (Asaja Marid), la tempesta Filomena ha causato un danno stimato di 12 milioni di euro agli olivicoltori nella sola Comunità di Madrid.

Il progetto storica tempesta invernale ha attraversato la Spagna l'8 e il 9 gennaio, scaricando 50 centimetri di neve nelle zone centrali e settentrionali del Paese e uccidendo quattro persone. È stata la più grande bufera di neve ad aver colpito la penisola iberica in più di 50 anni.

Parliamo di perdite future di 10 milioni di euro all'anno fino a quando gli oliveti non torneranno alla loro situazione attuale.- Francisco José García, presidente, Asaja Madrid

Secondo Francisco José García, presidente di Asaja Madrid, almeno la metà delle 63,000 tonnellate di olive che non erano ancora state raccolte nella comunità autonoma prima dell'inizio della bufera di neve sono state danneggiate irreparabilmente.

In totale, si stima che circa 90,000 tonnellate di olive sarebbero state raccolte nell'annata 2020/21. Sulla base delle stime iniziali, è probabile che questa cifra scenda a 58,500 tonnellate.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

"Avevamo appena raccolto il 30 percento dei 13 milioni di chilogrammi stimati di olive. Di tutto ciò che è rimasto, perderemo sicuramente tre o quattro milioni ”, ha detto Julián Valdericeda, segretario della cooperativa Recespaña della Comunità di Madrid. "E questa è una stima molto ottimistica perché il danno non può ancora essere valutato con precisione a causa delle difficoltà di mobilità ".

affari-europa-produzione-produttori-avvertono-di-danni-incalcolabili-sulla-scia-dei-tempi-dell'olio-d'oliva

Cooperativa Recespaña

"Siamo riusciti a malapena a avanzare di un chilometro in un ambiente assolutamente innevato ", ha aggiunto. "Tutte le olive sono sotto la neve. "

Valdericeda ha stimato che l'intera entità del danno non sarebbe stata nota per almeno un'altra settimana, poiché le temperature gelide hanno impedito alla maggior parte della neve di sciogliersi e reso incredibilmente difficile qualsiasi sforzo di recupero.

Aemet, l'agenzia meteorologica statale spagnola, ha posto la stragrande maggioranza della Comunità di Madrid e della vicina regione di Castiglia-La Mancia sotto un avviso di maltempo a causa delle temperature estremamente basse.

"Dovremo aspettare e vedere in quali condizioni [troviamo le olive rimanenti], tenendo conto di una conseguente perdita di qualità e della sua influenza sul prezzo ", ha detto Valdericeda.

Insieme ai danni arrecati ai frutti non raccolti, molti produttori hanno segnalato rami spezzati e alberi sradicati.

"Molti hanno perso rami a causa del peso della neve. Ci sono molti rami spezzati ", ha detto Valdericeda. "Il poco che abbiamo potuto vedere è stato scoraggiante. "

La prospettiva che molti alberi soffrano di rami spezzati è particolarmente preoccupante per i produttori in quanto aumenta la loro vulnerabilità a parassiti e infezione.

In combinazione con i danni agli edifici e ai macchinari associati causati da Storm Filomena, José García ha affermato che i produttori si trovano ad affrontare costi sostanziali in un futuro lontano.

affari-europa-produzione-produttori-avvertono-di-danni-incalcolabili-sulla-scia-dei-tempi-dell'olio-d'oliva

Cooperativa Recespaña

"I problemi specifici dell'oliveto non saranno esclusivi di quest'anno ", ha affermato. "Spenderanno due o tre campagne, se non di più, cercando di riprendersi. Stiamo parlando di perdite future di 10 milioni di euro all'anno fino a quando gli uliveti non torneranno alla loro situazione attuale. "

José García ha aggiunto questo ultimo disastro naturale rientra nel contesto di sfide climatiche perenni gli olivicoltori della Spagna centrale hanno dovuto affrontare negli ultimi anni.

"Non dobbiamo dimenticare che l'oliveto e altre colture nella regione hanno attraversato tempi molto difficili a causa della siccità o piogge torrenziali, "Ha detto. "Alla fine, Filomena è l'ennesima battuta d'arresto. È assolutamente necessario che le autorità adottino le misure appropriate per alleviare le conseguenze di questo nuovo colpo ".

A tal fine, Asaja Madrid ha già chiesto alle autorità locali di fare una dichiarazione di emergenza per liberare fondi per aiutare con la ripresa.

pubblicità

Tuttavia, per molti agricoltori della Spagna centrale, il danno di Filomena è già stato fatto e nessun importo realistico di aiuti governativi sarà sufficiente per compensare ciò che è stato perso.

"Sarà catastrofico ", ha detto Félix Expósito, un olivicoltore e membro del consiglio direttivo di Recespaña a Villarejo de Salvanés, una città a 45 chilometri a sud-est di Madrid. "In 62 anni non ho mai conosciuto una cosa del genere. La neve che è caduta in altre occasioni finirebbe per andare via in un giorno o un giorno e mezzo, ma in questo momento è tutto come venerdì (8 gennaio). Tutto è ancora coperto e continuerà così ".

"Dei 600,000 chilogrammi che abbiamo stimato per questa campagna, ne abbiamo raccolti a malapena 30,000 ", ha aggiunto. "La perdita economica sarà molto importante e non solo per l'olio di questa campagna, che non può più essere venduto come extravergine, anche in futuro a causa dei danni agli alberi ”.

"Le piante sono come le persone ", ha concluso. "Il più forte resisterà, ma altri che non sono preparati finiranno per soffrire ".





Related News

Feedback / suggerimenti