La Puglia avverte gli agricoltori delle cure inefficaci della Xylella Fastidiosa

I membri della commissione per il bilancio regionale hanno affermato che nessun prodotto sul mercato può curare il batterio Xylella fastidiosa, che continua a danneggiare i produttori in tutta la regione.

Ottobre 26, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Non ci sono prodotti sul mercato che possono essere utilizzati per eliminare Xylella fastidiosa da alberi infetti, secondo i funzionari della Commissione regionale per il bilancio pugliese.

"I due prodotti che sono stati commercializzati nelle scorse settimane come rimedi contro il disseccamento degli alberi, e utili per riportare le piante al loro splendore originario, sono un mix di saponi naturali o coadiuvanti». osservatorio di Puglia, ha detto in un'udienza pubblica.

Gli enti pubblici non dovrebbero ripetere gli errori del passato dando credito a teorie non scientifiche che già tanto danno hanno fatto e alle quali tanto tempo è stato perso.- Fabiano Amati, presidente Commissione Bilancio Regione Puglia

I funzionari hanno ammesso che dopo otto anni, c'è ancora nessuna soluzione facile per fermare l'agente patogeno più attivo che colpisce gli ulivi nella più grande regione italiana produttrice di olio d'oliva.

Vedi anche: Produzione in Italia sostenuta da una forte ripresa nel Sud

Attualmente, arginare la diffusione della malattia richiede che gli alberi vengano monitorati e infine distrutti all'interno di aree infette, note come zone rosse, e continuamente osservati nelle zone tampone e di contenimento circostanti.

Infantino diceva che sviluppare un prodotto in grado di combattere Xylella fastidiosa rimane un obiettivo importante per molti di coloro che lavorano per ridurre la devastazione causata dai batteri.

pubblicità

"Al momento, le buone pratiche agricole e l'eradicazione sono le uniche armi che abbiamo contro Xylella per guadagnare tempo in attesa di un trattamento veramente efficace", ha affermato.

Dopo l'audizione, il presidente della commissione Bilancio regionale pugliese, Fabiano Amati, ha dichiarato al quotidiano locale Brindisi Report che "gli enti pubblici non dovrebbero ripetere gli errori del passato dando credito a teorie non scientifiche che hanno già fatto tanti danni e alle quali si è perso molto tempo nella lotta contro Xylella”.

Tuttavia, ha aggiunto che gli studi condotti negli Stati Uniti e in Spagna per arginare la diffusione della malattia stanno mostrando qualche promessa.

"Alcuni pezzi di ricerca suggeriscono un possibile ruolo di alcuni virus, che trovano nutrimento in quei batteri", ha detto Amati. "Ma dobbiamo ancora aspettare e vedere cosa succede nella traduzione da un ambiente di laboratorio sperimentale a un boschetto aperto”.

Ostacoli in finanziamento pubblico e nello sviluppo di una strategia sia per contenere i batteri che per ripristinare le aree agricole colpite da Xylella rimangono tra le sfide che il governo locale e i coltivatori devono affrontare, il ramo locale dell'associazione nazionale degli agricoltori, Coldiretti, Ha detto.

Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, ha affermato che solo il -% di tutte le richieste di finanziamento è stato approvato fino ad ora, senza che sia ancora avvenuto alcun trasferimento effettivo di fondi.

"Diciannove mesi dopo il lancio del Piano di rigenerazione olivicola pugliese 300 milioni di euro, 134 milioni sono ancora da stanziare", ha detto Muraglia. "Devono ancora essere attivati ​​gli interventi che avrebbero consentito agli agricoltori di tornare alla produzione dopo la crisi di Xylella”.

business-europa-produzione-puglia-avverte-agricoltori-di-inefficace-xylella-fastidiosa-cure-olive-times

Alberi infetti nel Salento, Puglia

"Quindi, avere anche i fondi necessari per rimuovere gli alberi appassiti, promuovere la ricerca e la diversità della produzione", ha aggiunto. "C'è anche il fallimento del progetto di innestare il ulivi monumentali, che aveva solo 91 aziende agricole aderenti a causa degli ostacoli burocratici”.

Muraglia, che è anche un produttore pluripremiato in Puglia, ha affermato che la diversificazione è vitale per gli agricoltori del Salento che cercano di recuperare la terra. Sosteneva che la monocoltura olivicola che aveva tradizionalmente prevalso era uno dei motivi per cui i batteri avevano un impatto così pesante sulla regione.

Il Salento è una zona centro-occidentale della Puglia ed è stata colpito gravemente di Xylella fastidiosa. Coldiretti ha detto che negli ultimi sette anni molti uliveti hanno avuto diventare cimiteri. Di conseguenza, gli agricoltori non hanno guadagnato alcun reddito e sono stati persi più di 5,000 posti di lavoro.

Gli agricoltori di Bari, che si trova a nord del Salento, sono anche preoccupati per la diffusione della Xyella fastidiosa dalle zone di contenimento e cuscinetto di Alberobello, Fasano e Locorotondo ai propri alberi.

Anche dall'altra parte del Salento, a Lecce, gli agricoltori hanno riferito che la produttività degli olivi si è dimezzata. Significativi cali di produzione sono stati segnalati anche nella provincia di Brindisi, appena ad est del Salento.

Secondo l'Osservatorio fitosanitario regionale, nel 108,000 sono state monitorate oltre 2021 piante. Di queste, 56 sono risultate positive alla Xylella fastidiosa, di cui 26 nell'area di contenimento e 30 nella zona cuscinetto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti