I ricercatori sviluppano ceppo di cartamo ad alta oleica

I ricercatori del Consiglio indiano di ricerca sull'agricoltura di Hyderabad e dell'Istituto di ricerca sui semi oleosi hanno coltivato tre varietà non modificate geneticamente di safflé con un contenuto oleico paragonabile all'olio d'oliva.

Può. 30, 2017
Di Mary Hernandez

Notizie recenti

Un team di scienziati di Hyderabad Istituto indiano di ricerca sui semi oleosi (ICAR-IIOR) ha sviluppato e testato con successo tre nuove varietà di cultivar di cartamo con un contenuto oleico fino al 75 percento, che è simile al livello di contenuto oleico presente nell'olio d'oliva.

Non solo le cultivar possiedono un livello di contenuto oleico più elevato rispetto ai cartamo standard (che contengono tra il 16 e il 20% di contenuto oleico), ma sono anche esenti da modifiche genetiche.

Il team scientifico responsabile dello sviluppo era guidato da Anjani Kammili (del Consiglio indiano per la ricerca agricola) e Praduman Yadav (dalla direzione della Ricerca per i semi oleosi). I loro risultati dettagliati saranno pubblicati nel Giornale delle colture e dei prodotti industriali a settembre 2017. L'ICAR-IIOR riferisce al Dipartimento indiano per la ricerca e l'istruzione agricola e al Ministero dell'agricoltura come organo autonomo responsabile del coordinamento dell'educazione e della ricerca agricola nel paese.

Per sviluppare le cultivar, è stato adottato un approccio di allevamento classico ecocompatibile ed ecocompatibile, incrociando un genotipo di cartamo a basso e alto oleico, ottenendo le tre linee di cartamo alto oleico non geneticamente modificate.

Queste linee (denominate ISF ‑ 1, ISF ‑ 2 e ISF ‑ 3) sono state testate in 10 in diverse località dell'India in condizioni asciutte e irrigate, rendendole le prime cultivar oleiche di terra sviluppate per la crescita in condizioni indiane.

I test sulla composizione degli acidi grassi della cultivar hanno rivelato che tutte e tre le linee mostravano costantemente un alto contenuto di acido oleico nelle varie posizioni e nelle diverse condizioni ambientali, rendendo il loro acido oleico altamente stabile. Come risultato di questi risultati, lo studio ha indicato che il contenuto oleico del cartamo, il contenuto in olio e la resa in semi possono essere migliorati attraverso la semplice riproduzione classica.

Lo sviluppo fa parte di un progetto di ricerca contrattuale finanziato da Marico Limited, un'azienda indiana di beni di consumo con una grande partecipazione nel mercato locale degli oli commestibili. L'azienda ha concesso in licenza per tre anni due delle linee di cartamo alto oleico. La produzione commerciale su larga scala è già stata avviata e si prevede che aumenterà presto.

L'India è attualmente il secondo paese al mondo per coltivazione di cartamo. Aumentando la qualità dell'olio di cartamo prodotto, è possibile migliorare il valore di mercato del prodotto, riducendo al contempo la dipendenza del paese dall'olio commestibile ad alto contenuto oleico.

L'olio di cartamo con un contenuto oleico superiore ha una maggiore stabilità ossidativa, rendendolo adatto per fritture più profonde e più lunghe. Ha anche una maggiore saturazione a punto singolo, che lo rende adatto per l'uso nell'industria oleochimica in tutto, dai biocarburanti e cosmetici a saponi e detergenti.

Mentre le cultivar di cartamo ad alto contenuto oleico sono state sviluppate in precedenza da altri paesi, nessuna è stata sviluppata internamente e ha dimostrato di prosperare in un ecosistema indiano. E poiché la coltivazione commerciale di colture alimentari geneticamente modificate è attualmente vietata in India, una cultivar non geneticamente modificata è necessaria se il risultato finale deve essere un prodotto petrolifero commestibile.



pubblicità

Related News