Gli scienziati usano tecniche forensi per valutare la qualità dell'olio d'oliva, prevenire la frode

Gli scienziati sono riusciti a quantificare il DNA presente nell'olio d'oliva con l'aiuto di tecniche forensi all'avanguardia.

Dicembre 6, 2016
Di Reda Atoui

Notizie recenti

Proprio come l'acido desossiribonucleico (DNA) aiuta a risolvere i crimini, può essere utilizzato per controllare la qualità del cibo e prevenire le frodi. Svolge il ruolo di una vera carta d'identità, e questo vale ancora per le piante.

Tuttavia, l'utilizzo del DNA per determinare l'autenticità e la qualità dell'olio d'oliva si è rivelato una sfida. Ciò era vero fino a quando gli scienziati non sono riusciti a quantificare il DNA presente nell'olio d'oliva con l'aiuto di tecniche forensi rivoluzionarie, come risultato di uno sforzo coordinato e collegiale.

L'obiettivo è sviluppare un metodo per determinare se gli oli d'oliva a marchio monovarietale contengono oli di altre varietà o peggio.- Gabriel Dorado Pérez

La ragione per cui è difficile usare il DNA per determinare la qualità dell'olio d'oliva è che il DNA si dissolve nell'acqua ma non nei lipidi (capisci: grasso) e l'olio d'oliva contiene poche molecole che possono essere ragionevolmente e pertinenti sfruttate. Inoltre, il DNA è molto frammentato nell'olio di oliva vergine.

Gli scienziati dell'Università di Córdoba hanno collaborato con le loro controparti del Council of Scientific Investigation (in combinazione con i ricercatori dell'Istituto di agricoltura sostenibile) per affrontare la sfida che pone l'autenticazione e la quantificazione del DNA dell'olio d'oliva.

Il team di ricercatori è riuscito a trovare un modo assoluto di quantificare il DNA nell'olio d'oliva vergine utilizzando tecniche forensi avanzate che di solito sono riservate all'analisi delle scene del crimine.

Gabriel Dorado Pérez, professore di biologia molecolare e biochimica e ricercatore responsabile del gruppo di ricerca AGR-248 (Biotecnologie agroalimentari), nonché del Piano andaluso di ricerca, sviluppo e innovazione, ha fornito la sua visione del processo: "Sicuramente, considerando il fatto che l'olio di oliva vergine è il succo di un frutto, contiene gocce d'acqua in quantità microscopiche in cui il DNA si dissolve ”, ha spiegato.

Per raccogliere i resti di DNA disciolto nell'acqua contenuta nell'olio di oliva vergine, il gruppo scientifico di esperti ha utilizzato una tecnica forense chiamata 'droplet digital-PCR. " Tale tecnica consente l'amplificazione e la quantificazione del DNA, anche in elementi difficili da analizzare come l'olio di oliva vergine e alla fine consente ai ricercatori di raccogliere dati pertinenti.

Lo scopo degli sforzi del team scientifico era di promuovere la certificazione di qualità, origine, tracciabilità e identificazione delle frodi. Tali elementi hanno dimostrato di essere cruciali nel mercato globale dell'olio d'oliva.

Una migliore quantificazione del DNA porta ad un maggiore controllo sulla qualità e l'origine dell'olio d'oliva. "L'obiettivo è sviluppare un metodo di tracciabilità che ci consentirà di determinare se le bottiglie di olio d'oliva a marchio monovarietale contengono oli di altre varietà o, peggio, di altre specie come girasole, arachidi o mandorle ", ha osservato Dorado Pérez.

Il DNA proveniente da altre fonti presenta caratteristiche genetiche diverse; utilizzato per certificare la qualità dell'olio d'oliva o al contrario per svelare frodi.

In effetti, le frodi nel mercato globale dell'olio d'oliva hanno un grande impatto su coltivatori, produttori e rivenditori. La notizia del successo del gruppo di scienziati è stata accolta con entusiasmo da molti nel settore.



Related News

Feedback / suggerimenti