Affari

Lo scetticismo come i piani di Domino di aprire 880 pizzerie in Italia

Il CEO di Domino in Italia crede che ci sia ancora spazio nella tradizionale casa della pizza per un'opzione di consegna. I pizzaioli tradizionali rimangono scettici sul fatto che la catena di ristoranti possa aumentare il suo punto d'appoggio nel mercato.

Un ristorante Domino's Pizza a Milano.
Gennaio 14, 2020
Di Julie Al-Zoubi
Un ristorante Domino's Pizza a Milano.

Notizie recenti

americano pizza il gigante Domino ha annunciato l'intenzione di aprire almeno 880 nuovi ristoranti Italia by 2030.

La società ha aperto per la prima volta l'attività nella tradizionale casa della pizza nel 2015 e produce già pizza in 28 sedi con sede a Roma, Milano e Torino.

Penso che (Domino's) non saranno concorrenti della pizzeria perché le persone conoscono la differenza tra un prodotto artigianale come la pizza napoletana e un prodotto industriale come la pizza di Domino.- Enzo Coccia, famoso napoletano pizzaiolo

Milano (che si trova vicino alla fabbrica di pasta Domino a Buccinasco) è stata destinata come sede per il primo lotto di nuovi punti vendita dell'azienda.

Domino's ha annunciato l'intenzione di aprire pizzerie nell'Italia centrale e settentrionale, ma finora si è allontanato dal sud del paese e dalla città di Napoli; sede dell'iconica pizza napoletana.

Guarda anche: Notizie sulla cultura

Enzo Coccia - uno dei più famosi di Napoli pizzaiolo (pizzaiolo) che gestisce un'accademia di formazione e le pizzerie della città di La Notizia Olive Oil Times che mentre Domino può portare nuove sfide alle pizzerie tradizionali, non è preoccupato per l'arrivo del ristorante della catena.

pubblicità

"Penso e spero che i clienti di La Notizia non mangino la Domino's Pizza ”, ha detto Coccia. "Penso che non saranno concorrenti della pizzeria perché le persone conoscono la differenza tra un prodotto artigianale come la pizza napoletana e un prodotto industriale come la pizza di Domino. ”

La tecnica tradizionale della pizza napoletana Pizzaiuolo era stato riconosciuto patrimonio mondiale in 2017.

Disse Coccia "l'arte di pizzaiolo rappresenta l'identità delle persone, la nostra tradizione e il nostro territorio. È un premio per tutte le persone che in questi anni hanno fatto qualcosa per questo lavoro e per il mondo della pizza napoletana ”.

All'epoca il ministro italiano dell'agricoltura ha salutato lo status di pizza napoletana come "un altro passo verso la tutela del patrimonio enogastronomico italiano. "

Anche la pizza napoletana si vanta Unione europea "Specialità tradizionale garantita ”dal 2010.

"Con un prodotto buono e salutare le pizzerie in Italia continueranno a funzionare ”, ha detto Coccia. "Il napoletano pizzaioli dovrebbe salvaguardare lo stato delle loro pizze e proteggere l'integrità della pizza ".

L'anno scorso il benefici alla salute di pizza sono stati evidenziati quando lo scienziato italiano Silvao Gallus ha vinto un "Premio Ig Nobel ” per la ricerca che ha concluso che la pizza offriva protezione contro alcune malattie croniche.

Gallus ha sottolineato che i benefici per la salute sono stati raccolti solo quando le pizze sono state preparate con ingredienti dal dieta mediterranea.

L'ingresso di Domino nel mercato italiano e gli attuali piani di espansione sono stati istigati da Alessandro Lazzaroni, imprenditore italiano e amministratore delegato dell'Italia di Domino,

Secondo un rapporto in I soldi, Lazzaroni, che ha acquistato i diritti per distribuire Domino nel suo paese natale, spera di conquistare il due percento del mercato italiano della pizza nel prossimo decennio e aspira ad espandere Domino nella più grande azienda di consegna di cibo in Italia.

Nel 2015, la pizzeria americana ha tentato i consumatori di Milano, Brescia, Bergamo e Monza con la loro offerta di, "pizze tradizionali italiane ”a base di ingredienti di provenienza locale.

All'epoca, Lazzaroni si concentrava sull'ordinazione online e mirava a colmare una lacuna nel mercato italiano delle opzioni di prelievo e consegna. Domino si impegna a rispettare la tradizione e incontrare i gusti italiani.

pubblicità

Resta da vedere se Domino può competere con l'autentica pizza italiana, che si ritiene sia stata introdotta nel Stati Uniti di immigrati italiani nel 1905.

Tuttavia, nel 2019 Domino si è ritirato dall'Islanda, dalla Norvegia e dalla Svezia dopo tre anni di gravi perdite. La società si ritirò anche dalla Svizzera, dove aveva servito pizze dal 2012.





Related News