` L'industria dell'olio d'oliva argentina in crisi - Olive Oil Times

L'industria petrolifera argentina in crisi

Ottobre 30, 2013
Charlie Higgins

Notizie recenti

sud-america-oliva-olio-tempi-crisi-argentina

I problemi finanziari che provengono da tutte le parti continuano a incidere sull'industria petrolifera argentina. Con l'inflazione che supera la svalutazione del peso, i produttori stanno lottando per competere con la Spagna, l'Italia e altri importanti esportatori, risultando in quello che la rivista Mendoza Sitio Andino ha recentemente definito come "crisi strutturale ".

A differenza dell'industria vinicola del paese, che beneficia di un forte mercato interno, l'industria dell'olio d'oliva in Argentina è in gran parte basata sulle esportazioni, con il 75% delle circa 30,000 tonnellate di olio prodotte ogni anno vendute all'estero. Il mercato delle olive da tavola è ancora più sbilanciato, esportando circa il 95% della sua produzione annuale.

Con i costi di produzione in aumento, le esportazioni di olio d'oliva argentino stanno lottando per competere sulla scena mondiale. Sebbene il volume di produzione sia rimasto più o meno costante, le esportazioni sono diminuite e non esiste un mercato interno abbastanza grande per assorbire la differenza. Il surplus risultante e le vendite poco brillanti hanno spinto l'industria in una situazione disperata, con licenziamenti e chiusure di fabbriche che sono diventati la norma, in particolare tra i produttori più grandi.

"Siamo a un punto morto. Non ci sono ordini di esportazione in arrivo perché non siamo competitivi a causa del ritardo del tasso di cambio. In questo momento è più economico portare olive dalla Spagna che produrle a Mendoza ", ha affermato Rafael Camacho a capo di un impianto di lavorazione a Mendoza di proprietà dell'azienda spagnola Angel Camacho. La struttura ha visto la sua forza lavoro di 25 ridursi a soli sette quest'anno.

Un settore che ha visto un enorme afflusso di investitori stranieri e locali nell'ultimo decennio sta ora assistendo a molti di quegli stessi attori che fanno le valigie e se ne vanno. Un esempio è AgroSevilla, un produttore di olive spagnolo che operava a Mendoza da 2,000. L'azienda si è trasferita in Cile alla fine del 2012, licenziando 91 lavoratori.

La controversa politica del segretario del commercio interno Guillermo Moreno di costringere le aziende a importare ed esportare la stessa quantità di prodotti, dai ricambi auto ai gadget elettronici, ha ulteriormente scoraggiato i grandi produttori di olio d'oliva dal rimanere in gioco, specialmente quelli di proprietà straniera .

È interessante notare che questa situazione sembra aver beneficiato alcuni dei piccoli produttori di olio d'oliva, almeno nel breve periodo. Una manciata di società non alimentari hanno acquistato piccoli marchi di olio d'oliva per esportare i loro prodotti con il loro nome aziendale, aumentando così le loro quote di importazione. Ciò garantisce loro l'accesso a prodotti dall'estero molto richiesti che possono poi essere venduti a scopo di lucro nel mercato interno. Per questi piccoli produttori, è l'unico modo in cui possono rimanere a galla, anche se gli effetti a lungo termine di un rapporto così precario rimangono da vedere.



Related News

Feedback / suggerimenti