`Difficile per l'industria dell'olio d'oliva argentina - Olive Oil Times

Duro impegno per l'industria dell'olio di oliva argentino

Giu. 16, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

L'attuale crisi dei prezzi nel settore dell'olio d'oliva, la svalutazione dell'euro, le cattive condizioni climatiche e i problemi nell'ottenere una manodopera agricola sufficiente hanno contribuito alle crescenti difficoltà nel settore dell'olio d'oliva argentino, che non dovrebbe fare bene in questa stagione. Questi problemi sono aggravati da altri problemi sistemici come l'inflazione e bassi livelli di consumo interno. Gli argentini consumano solo 15 litri di olio d'oliva per persona ogni anno, mentre il leader mondiale in Grecia ne consuma 24 litri per persona e la Spagna e l'Italia consumano ciascuno circa 14 litri.

Mario Bustos Carra, direttore generale della Camera di commercio estero di Cuyo, spiega che quest'anno sarà, "estremamente complicato in primo luogo a causa della concorrenza estera e di fattori interni come l'inflazione che genereranno gravi difficoltà per i produttori e l'industria nel suo complesso a causa dei recenti cali dei profitti e dell'efficienza dei costi ”. Allo stesso modo, lo sente "non c'è molto ottimismo ”anche se l'Europa ha avviato misure rapide per sostenere il settore all'estero.

In Argentina, il prezzo dell'olio d'oliva è diminuito del 30% nonostante gli olivicoltori argentini che si posizionano come leader della regione grazie alla qualità dei loro prodotti.

Miguel Zuccardi, CEO del gigante argentino del vino e delle olive Familia Zuccardi, afferma che, "quest'anno la raccolta delle olive non è stata buona a causa di una serie di fattori climatici ”. Parlando per il settore dell'olio d'oliva argentino, Zuccardi ha citato i bassi prezzi internazionali come un ostacolo chiave. "Stiamo affrontando un anno piuttosto scoraggiante ”, ha detto. "Da un punto di vista commerciale ci concentreremo sulla garanzia della qualità come piano a lungo termine poiché i prezzi internazionali non si riprenderanno fino ad aprile 2011 ”.

Queste scarse aspettative sembrano aver diviso il settore dell'olio d'oliva argentino in vari campi. Alcuni pensano che ci siano questioni più significative da considerare oltre a certificare la qualità del prodotto disponibile per i consumatori. Mentre metà del settore ha lottato per misure per garantire l'autenticità dell'olio d'oliva sul mercato, altri hanno fatto esattamente il contrario e hanno fatto forti pressioni per abbandonare queste linee guida e modificare l'attuale codice alimentare argentino.

pubblicità
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti