`La crisi locale dell'olio d'oliva sottolinea i problemi più grandi dell'Argentina - Olive Oil Times

La crisi locale dell'olio di oliva sottolinea i maggiori problemi argentini

Gennaio 5, 2011
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

È stato dichiarato uno stato di emergenza nel settore dell'olio d'oliva argentino, con le società coinvolte nella produzione di olive nella regione di Pomán che saranno esentate dal pagamento di tasse e tasse comunali per i prossimi sei mesi.

L'annuncio arriva dopo un calo dei rendimenti e numerosi licenziamenti in tutto il settore, causati dal calo mondiale dei prezzi dell'olio d'oliva, dalla richiesta di conversione varietale ad altre specie con rese più elevate e dalle difficoltà legate alla commercializzazione dei prodotti. I consiglieri di Pomán hanno chiesto che il governo di Catamarca si muova per contrastare la crisi
che colpisce le iniziative di olio d'oliva e che ha portato a cinquanta licenziamenti nelle ultime due settimane.

Il sindaco di Pomán Francisco Gordillo spera che la dichiarazione di emergenza faciliterà la regione riducendo l'onere fiscale sul settore.

L'industria dell'olio d'oliva ha beneficiato enormemente di Pomán, che si trova nella provincia di Catamarca nel nord-ovest dell'Argentina e ha una popolazione di appena 9,500 persone. La sua principale fonte di reddito proviene dall'industria agricola, principalmente vino, noci e olive.

La crisi ha portato a una battaglia pubblica tra il Consiglio comunale e il governo provinciale, con il sindaco che si è scagliato contro il governo per la sua mancanza di una politica per contrastare la difficile situazione.

Il sindaco Gordillo ha detto al giornale Catamarca El Ancasti che la provincia ha bisogno di attuare un sistema di sussidi che affronti la situazione, a sua volta preservando
la fonte di occupazione per molte famiglie locali.

"Le aspettative non sono grandi per una comunità che è cresciuta enormemente. Questo ci ferisce seriamente perché le persone stanno perdendo il lavoro e ci sono tecnici che si erano stabiliti in città che hanno iniziato a trasferirsi ", ha detto.

Dice che il governo argentino non è alla ricerca di modi per preservare l'occupazione privata, specialmente nelle aree regionali.

Il ministro della produzione e dello sviluppo di Catamarca, Juan José Bellón, ha negato le critiche, affermando che il governo sta lavorando per mitigare le conseguenze della crisi nel settore olivicolo.

Ha anche riconosciuto i problemi in tutta l'industria olivicola locale, che ha attribuito principalmente al basso prezzo internazionale dell'olio d'oliva. Dice che il dipartimento sta lavorando con il Ministero delle finanze e altri dipartimenti per cercare di alleviare alcuni pagamenti e chiede alla nazione di abbassare l'imposta sul valore aggiunto sulle tariffe dell'elettricità.

Ma il sindaco afferma che il governo non fornisce un meccanismo di supporto per la produzione di olio d'oliva e afferma che dovrebbero esserci negoziati con le aziende per aiutare a fornire una soluzione e mantenere questi posti di lavoro.  "Ci stavo provando con alcuni datori di lavoro. Dicono di aver parlato con il governo e che non stanno dando
peso a questo problema. Non sono state fornite soluzioni di alcun tipo e devono ridurre alcuni costi fissi, che in questo caso passano ai dipendenti. I ritorni che hanno ottenuto non sono stati quelli sperati e le aziende devono tagliare i costi. La situazione diventa sempre più complicata ”, ha detto il sindaco Gordillo.

Nel frattempo, il Ministero dell'agricoltura, dell'allevamento e della pesca argentino ha effettuato una revisione sullo sviluppo del Piano strategico agroalimentare e agroalimentare 2010-2016, che si applica a tutte le 23 province della nazione. Il ministero afferma che la provincia di Catamarca sta lavorando da tempo all'elaborazione di piani strategici.

Sono stati formati gruppi di lavoro per progettare strategie per vite, noce, olive, agrumi, aromi e spezie, cereali e semi oleosi, dolci e confetteria,
settori lattiero-caseario e zootecnico.

Related News

Feedback / suggerimenti