` L'Uruguay inaugura un laboratorio rivoluzionario per la valutazione dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Uruguay inaugura il Breakthrough Lab per la valutazione dell'olio d'oliva

Agosto 24, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

L'Università uruguaiana inaugura il Laboratorio sensoriale rivoluzionario per la valutazione dell'olio d'oliva

Il Dipartimento di Chimica dell'Università della Repubblica in Uruguay ha recentemente inaugurato un laboratorio di valutazione sensoriale per analizzare gli oli d'oliva nativi al fine di ottenere la certificazione dal Consiglio oleicolo internazionale. Il progetto è sovvenzionato dall'Agenzia nazionale per la ricerca e l'innovazione (ANII) e finanzia il programma per il rafforzamento dei servizi scientifici che forniscono l'80% del denaro per l'investimento, per un totale di circa $ 450,000.

La direttrice del progetto Maria Antonia Olivia Grompone ha parlato della necessità di tali centri a causa della crescente incidenza di frodi sull'olio d'oliva in tutto il mondo, cosa che molti vedono come il risultato del calo dei prezzi di mercato: "Ora, quando un olio viene etichettato come extra vergine, i consumatori devono essere rassicurati sul fatto che questa etichetta è conforme alla composizione chimica e al gusto effettivi dell'olio. "[1]

Università della Repubblica (Uruguay)

In Uruguay, mentre il mercato dell'olio d'oliva rimane relativamente piccolo, il consumo è comunque in aumento poiché i consumatori cercano di raccogliere i benefici nutrizionali dell'olio d'oliva che è stato pubblicizzato come ingrediente chiave nella sana dieta mediterranea. Attualmente ci sono circa cento produttori di olio d'oliva in Uruguay e gli esperti del settore prevedono che entro i prossimi 4-5 anni, ci sarà abbastanza olio d'oliva uruguaiano sia per soddisfare la domanda interna che per l'esportazione in altri mercati.

Per rendere redditizie queste esportazioni, tuttavia, è necessario garantire un alto valore aggiunto per l'olio d'oliva uruguaiano, cosa ottenuta ricevendo le certificazioni dal Consiglio internazionale dell'olio d'oliva: l'agenzia multinazionale influente nel marketing e nella regolamentazione degli oli di oliva sul mercato mondiale. Per garantire che l'olio d'oliva uruguaiano soddisfi questi criteri, il progetto finanzierà anche un pannello di degustazione abituato alle qualità sensoriali necessarie per la certificazione internazionale.

Grompone

La signora Gompone ha dichiarato che l'olio d'oliva uruguaiano ha il potenziale per essere altamente redditizio e ricercato in quanto offre le stesse qualità di altri oli d'oliva importati a prezzi più convenienti. Afferma che è necessaria un'ulteriore istruzione pubblica per rendere i consumatori più consapevoli delle proprietà salutari del consumo di olio d'oliva e dei benefici a lungo termine dei continui investimenti statali nel settore: "Al momento stiamo analizzando vari ulivi per determinare quale si adatta meglio a vari suoli e climi in diverse zone del paese e ora vantiamo l'unica pianta in Uruguay che consente ai produttori di prendere piccole quantità di olio d'oliva e determinare le caratteristiche del prodotto e possibilità di miscelazione con altri oli. "1

.

.

.

[1]  "L'inaugurazione del Laboratorio di valutazione sensoriale per Aceites de Oliva"August 24, 2010.

Related News

Feedback / suggerimenti