Affari

La Spagna chiede l'autoregolamentazione per il settore dell'olio d'oliva

Il ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione ha chiesto all'Unione europea se il settore dell'olio d'oliva può autoregolarsi. Auspica che la misura stabilisca i prezzi dell'olio d'oliva.

Foto per gentile concessione del Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione
Giu. 17, 2019
Di Daniel Dawson
Foto per gentile concessione del Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione

Notizie recenti

Spagna sta cercando rassicurazioni dal Unione europea che le misure di autoregolamentazione intese a stabilizzare il mercato interno dell'olio d'oliva nel paese saranno legali nel quadro del futuro Politica agricola comune (CAP), che entra in vigore in 2020.

Le misure sarebbero simili a quelle già esistenti nel settore vitivinicolo e saranno discusse al prossimo vertice del Consiglio dei ministri dell'agricoltura dell'Unione europea, a Lussemburgo.

È essenziale che la misura (interprofessionale) sia obbligatoria perché, altrimenti, l'obiettivo perseguito non verrà raggiunto, il che non è altro che stabilizzare i mercati ed evitare le oscillazioni dei prezzi.- Cristóbal Gallego Martínez, presidente del Consiglio delle cooperative di olio d'oliva dell'Andalusia

Le misure di autoregolamentazione consentirebbero all'organizzazione interprofessionale di olio d'oliva spagnola di controllare la quantità di olio d'oliva disponibile sul mercato in tutto il paese. L'eccedenza di olio d'oliva verrebbe immagazzinata in modo adeguato e potrebbe essere introdotta sul mercato se la domanda aumentasse più dell'attuale offerta.

"Il nostro impegno è che il settore dell'olio d'oliva abbia una misura di questo tipo ", ha affermato Fernando Miranda, segretario generale dell'agricoltura spagnolo. "[Per stabilizzare] i prezzi a lungo termine nel settore, nei mercati e nei consumi interni".

Guarda anche: Prezzi dell'olio d'oliva

Molti analisti del settore dell'olio d'oliva in Spagna hanno attribuito il prezzi insolitamente bassi per il petrolio a un'offerta attuale che ha superato di gran lunga la domanda. I sostenitori delle misure affermano che avrebbero impedito il tipo di gravi cali di prezzo che hanno portato a recenti proteste a Jaén.

pubblicità

"È uno strumento richiesto dal settore ", ha affermato un portavoce del Ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, aggiungendo che le misure potrebbero essere attuate in tempo per l'avvio del Stagione del raccolto 2019/20.

In base all'attuale legislazione dell'UE, le organizzazioni di produttori e le loro associazioni sono autorizzate a stipulare accordi sulla quantità di olio d'oliva da consentire al mercato e al punto vendita. Questi accordi sulla regolamentazione della fornitura di olio d'oliva tendono ad essere locali e variano notevolmente da un'organizzazione di produttori alla successiva.

Questa mancanza di uniformità è vista come un modo inefficace per regolare il mercato globale, che l'interprofessionale ritiene necessario per influenzare positivamente i prezzi.

"Mentre alcuni produttori ritirano i prodotti dal mercato, altri [che non hanno dovuto farlo] potrebbero beneficiare del recupero dei prezzi ", ha affermato Cristóbal Gallego Martínez, presidente del Consiglio delle cooperative di olio d'oliva dell'Andalusia. "È essenziale applicare la misura in modo che abbia i suoi effetti sul mercato e sul settore nel suo complesso. "

"È essenziale che la misura [interprofessionale] sia obbligatoria perché, altrimenti, l'obiettivo perseguito non sarà raggiunto, il che non è altro che stabilizzare i mercati ed evitare le oscillazioni dei prezzi ", ha aggiunto Gallego Martínez.

Diverse organizzazioni spagnole di olio d'oliva si sono incontrate a Jaén all'inizio di questa settimana per discutere l'idea di autoregolamentazione. Tutte le organizzazioni hanno concordato all'unanimità che l'autoregolamentazione era la via da seguire, ma non erano necessariamente d'accordo su come doveva essere attuato.

"Per ora, posso dirti che l'industria non è d'accordo con la modifica della formazione dei prezzi, attraverso l'offerta e la domanda ", Rafael Pico Lapuente, direttore dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva), Ha detto Olive Oil Times.

Le molte altre organizzazioni di olio d'oliva interprofessionali e spagnole dovranno attendere fino al Commissione europea norme sulla legittimità delle misure di autoregolamentazione proposte. Una volta presa la decisione, il settore può iniziare il processo di determinazione delle modalità di attuazione delle misure.





Related News