Gli olivicoltori spagnoli si sono preoccupati delle possibili misure statunitensi "protezionistiche"

I produttori europei di olive da tavola sono sempre più preoccupati per la possibilità di dover fronteggiare misure severe non appena settembre.

Agosto 8, 2017
Di Reda Atoui

Notizie recenti

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha recentemente ha avviato un'indagine determinare se gli olivicoltori spagnoli stanno scaricando o meno i loro prodotti sul mercato statunitense, oltre a essere ingiustamente favoriti dalle sovvenzioni del programma di politica agricola comune e quindi a violare le leggi sul commercio equo e solidale. I produttori europei di olive da tavola sono sempre più preoccupati della possibilità di far fronte a misure protezionistiche severe già dal settembre di quest'anno.

Il 22 giugno 2017, la Coalition for Fair Trade in Ripe Olives (CFTRO) ha presentato una petizione in merito a possibili pratiche di dumping e di sovvenzioni sleali condotte in Spagna a favore dei produttori di olive nazionali. I membri della Coalizione includono le società americane Bell-Carter Foods e Musco Family Olive Co., rispettivamente il più grande produttore americano di olive da tavola e il principale fornitore di olive da tavola.
Vedi anche: USITC tiene udienza sulle condizioni del mercato dell'olio d'oliva

Le due società hanno affermato che i produttori spagnoli di olive da tavola hanno venduto a prezzi inferiori negli Stati Uniti rispetto ai loro prezzi in Spagna. "Le olive mature spagnole sovvenzionate e sovvenzionate hanno un forte impatto sul nostro settore ", ha affermato il CEO di Bell-Carter Foods, Tim Carter.

Il dumping, che è visto come un mezzo per danneggiare i produttori americani, è illegale secondo la legge statunitense. Inoltre, i membri della CFTRO hanno denunciato il fatto che i produttori di olive spagnoli hanno ricevuto un sostanziale aiuto finanziario dal programma di politica agricola comune (PAC) dell'Unione europea, una sovvenzione per gli agricoltori europei che le loro controparti americane hanno affermato che distorce ancora di più il campo di gioco.

I Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti ha condotto un indagine ufficiale per ponderare la legittimità della petizione della CFTRO dal luglio 22, 2017. Se il governo scopre pratiche sleali attraverso il dumping e le sovvenzioni, potrebbe annunciare sanzioni sulle importazioni di olive da tavola spagnole non appena settembre di 2017.

Una dichiarazione ufficiale del Dipartimento recitava: "Se l'ITC determina che vi è una ragionevole indicazione che le importazioni di olive mature dalla Spagna danneggiano materialmente o minacciano un pregiudizio materiale per l'industria nazionale degli Stati Uniti, le indagini continueranno e il Dipartimento annuncerà la sua compensazione preliminare determinazione del dazio (CVD) nel settembre 2017 e sua determinazione preliminare antidumping (AD) nel novembre 2017, sebbene tali date possano essere prorogate. Se le determinazioni dell'ITC sono negative, le indagini saranno terminate. " Un esauriente programma dell'indagine è disponibile sul sito ufficiale del Dipartimento del Commercio.

La minaccia di penalizzazione economica incombeva sull'industria spagnola delle olive da tavola da quando Bell-Carter Foods e Musco Family Olive Co. hanno presentato la petizione ufficiale. E con ragione. Le due società americane hanno suggerito che le importazioni di olive spagnole dovrebbero essere tassate con un'aliquota del 73%, per poi aumentare fino al 223%. Tali cifre hanno spinto il Copa-Cogeca, una delle principali associazioni europee di agricoltori e cooperative agricole, a qualificarle come "protezionistiche ".

Il Copa-Cogeca Il segretario generale Pekka Pesonen ha dichiarato in una lettera inviata il 25 luglio al commissario per l'agricoltura Phil Hogan, "Il Copa e la Cogeca ritengono inaccettabile che il principale mercato di esportazione agroalimentare dell'UE - gli Stati Uniti - possa imporre misure protezionistiche contro i nostri prodotti senza giustificazione ", ha scritto.

"Il Copa e la Cogeca sostengono che l'unica ragione per cui i produttori spagnoli possono produrre olive da tavola nere in modo così competitivo è dovuta ai loro sforzi per ridurre i costi di produzione, combinati con investimenti in questioni chiave come la tecnologia di qualità ", ha aggiunto.

Il Copa-Cogeca ha negato con forza le affermazioni di pratiche economiche sleali e ha affermato che l'imposizione di tasse elevate sulle importazioni di olive spagnole costituirebbe un trattamento ingiusto nei confronti dei produttori spagnoli e afferma che hanno sempre rispettato le leggi sul commercio equo e solidale stabilite dall'Organizzazione mondiale del commercio.

L'anno scorso, i produttori spagnoli hanno esportato quasi 32,000 tonnellate di olive negli Stati Uniti per un valore di $ 70.9 milioni.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti