` Le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti sono crollate nella prima metà del 2020 - Olive Oil Times

Le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti sono crollate nella prima metà del 2020

Agosto 19, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti sono diminuite del 39% nella prima metà del 2020, mostrano i dati recentemente analizzati dell'Associazione dei giovani agricoltori (Asaja).

L'annuncio è arrivato come ha fatto il rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha deciso di mantenere la sua tariffa del 25% su alcune importazioni di olio d'oliva spagnolo confezionato in atto

Vedi anche: Notizie commerciali

Le associazioni di agricoltori ed esportatori spagnoli hanno entrambe incolpato le tariffe, che è entrato in vigore nell'ottobre 2019, come motivo principale del forte calo.

"Finché questo il problema non è stato risolto secondo i criteri della sentenza WTO [Organizzazione mondiale del commercio], i negoziati non daranno mai frutti nell'eliminazione delle tariffe che danneggiano gravemente i prodotti agroalimentari spagnoli e, in particolare, il settore dell'olio d'oliva spagnolo ", l'Associazione spagnola di olive Esportazione di petrolio, industria e commercio (Asoliva) ha scritto in una dichiarazione.

“[Il settore] deve affrontare milioni di perdite poiché è de facto espulso dal mercato americano a vantaggio di paesi concorrenti all'interno dell'UE come Italia, Grecia e Portogallo ”, ha aggiunto l'associazione di categoria.

Complessivamente, le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti hanno raggiunto 41,727 tonnellate nella prima metà dell'anno. In confronto, la Spagna ha spedito una media di 112,000 tonnellate di olio d'oliva negli Stati Uniti in ciascuno degli ultimi tre anni.

Negli ultimi 12 mesi, la Spagna è passata dall'essere il secondo esportatore di oli d'oliva confezionati negli Stati Uniti al quarto più grande. Inoltre, la Spagna è rimasta indietro rispetto alla Tunisia come seconda più grande fornitore di olio d'oliva sfuso, che non è stata influenzata dalle tariffe, negli Stati Uniti

A seguito della contrazione della domanda statunitense, molti dei produttori ed esportatori spagnoli hanno iniziato a cercare nuovi mercati.

Secondo gli stessi dati analizzati da Asaja, le esportazioni in Canada sono aumentate del 111% nei primi sei mesi del 2020, rispetto all'anno precedente. Inoltre, le vendite di olio d'oliva spagnolo in Australia e Brasile sono aumentate rispettivamente del 63% e del 15%.





Related News

Feedback / suggerimenti