` I produttori spagnoli si uniscono a Chorus of Concerns Over Nutri-Score - Olive Oil Times

I produttori spagnoli si uniscono a Chorus of Concerns Over Nutri-Score

Dicembre 8, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il progetto punteggio Nutri Il sistema di etichettatura alimentare è sottoposto a severi controlli da parte dell'industria spagnola dell'olio d'oliva e dei funzionari governativi, con l'avvicinarsi della sua introduzione formale nel paese.

Con l'intenzione di integrare il sistema nella catena alimentare nei primi mesi del 2021 in corso, il Settore Nazionale dell'Olio Vergine di Oliva con un Denominazione d'origine protetta ha pesantemente criticato la FOPL francese (etichetta anteriore della confezione).

La Spagna non può consentire un sistema di classificazione nutrizionale che induca in errore il consumatore. È uno scandalo assoluto.- Enric Dalmau e José Manuel Bajo, Settore Nazionale Olio Vergine di Oliva DOP

Secondo l'agenzia di stampa catalana, La Vanguardia, in un incontro con l'agenzia spagnola per la sicurezza alimentare, Aesan, presidente e segretario esecutivo del settore denominato Nutri-Score "incompleto, fuorviante e, come tale, falso. "

Vedi anche: Nutri-Score danneggerà il commercio di olio d'oliva, sostengono i produttori italiani

Enric Dalmau e José Manuel Bajo hanno aggiunto che i numerosi benefici alla salute di olio extravergine di oliva non sono presi in considerazione dal Nutri-Score, che classifica tutti gli alimenti con una lettera e il grado di colore associato da A a E (A è il più sano, E il meno sano).

Per il calcolo del punteggio vengono presi in considerazione sette diversi parametri - contenuto di frutta, verdura e noci, fibre, proteine, calorie, zucchero, grassi e sodio per 100 grammi o per litro di cibo.

"Il governo non può mettere il suo peso dietro un oltraggio che danneggerà irrimediabilmente l'immagine e la reputazione di uno dei prodotti agroalimentari più prestigiosi del Paese, base del Dieta mediterranea", Ha affermato l'organizzazione di produttori DOP.

Nelle dichiarazioni riportate dal quotidiano El País, Dalmau e Bajo hanno ulteriormente criticato il modo in cui Nutri-Score classifica l'olio d'oliva.

"Anche solo considerare l'olio d'oliva allo stesso livello degli oli di semi, compreso l'olio di colza, è una frode completa contro i consumatori ", hanno affermato. "La Spagna non può consentire un sistema di classificazione nutrizionale che induca in errore il consumatore. È uno scandalo assoluto ".

Secondo Serge Hercberg, professore di nutrizione all'Università di Parigi e capo del team che ha ideato Nutri-Score, lo scopo della FOPL è confrontare le qualità nutrizionali degli alimenti nella stessa categoria. Sostiene che non deve essere l'unico fattore utilizzato dai consumatori nelle loro scelte di acquisto.

"[La C per l'olio d'oliva] è il miglior punteggio possibile per i grassi aggiunti e anche per gli oli vegetali", ha detto Olive Oil Times in una Intervista a luglio 2020. "Le raccomandazioni sulla salute pubblica non suggeriscono di consumare olio d'oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a favorirlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali ".

I fautori di Nutri-Score hanno anche sostenuto che le classificazioni non sono scolpite nella pietra. Ad esempio, l'olio d'oliva è stato originariamente classificato con una D dal Nutri-Score prima di essere rivisto fino a una C dopo che la qualità del suo contenuto di grassi - acidi grassi monoinsaturi rispetto agli acidi grassi saturi - è stata presa in considerazione.

affari-europa-salute-notizie-produttori-spagnoli-unisciti-al-coro-di-preoccupazioni-sul-nutriscore-olio-d'oliva-tempi

A tal fine, il Ministero spagnolo della Salute, dei Consumi e della Previdenza Sociale non ha escluso futuri cambiamenti, che sarebbero stati presi in considerazione durante le riunioni periodiche tenute dai paesi che hanno già adottato Nutri-Score.

"C'è un'idea per creare un comitato scientifico che adotterà classificazioni e modifiche future seguendo le prove scientifiche disponibili ", ha detto il ministero, aggiungendo che i cambiamenti possono essere fatti solo sulla base della conoscenza scientifica e "nessuna decisione può essere presa nell'interesse di un singolo paese ".

Tuttavia, non tutti gli esperti all'interno del ministero concordano sul efficacia del Nutri-Score. Montaña Cámara, presidente della commissione scientifica di Aesan, ha affermato di considerare Nutri-Score a "confuso ”.

Secondo la rivista agricola locale Agrodiario, Cámara ha detto che Nutri-Score "punta alla semplificazione, ma davvero non è facile da capire ”perché consumatori "si potrebbe pensare che [Nutri-Score] consenta loro di confrontare frutta e cereali, o prodotti a base di carne con legumi, ma non è così, poiché ha senso solo se utilizzato per confrontare prodotti appartenenti alla stessa categoria alimentare ".

Juan Revenga, professore presso l'Università di San Jorge, membro dell'Accademia nutrizionale spagnola e del comitato scientifico della Fondazione spagnola dei nutrizionisti, concorda con la valutazione di Cámara e ha aggiunto che Nutri-Score può minare gli sforzi per educare persone sulle qualità salutari dell'olio extravergine di oliva.

"I consumatori avranno difficoltà a capire perché un prodotto che è stato associato a una dieta sana per così tanto tempo - olio extravergine di oliva - ottiene una tale classificazione ", ha detto Olive Oil Times. "È persino difficile da capire per gli esperti del settore ".

"Nessuno può capire perché un tale punteggio sia attribuito all'olio d'oliva senza considerare le sue diverse qualità: all'interno di Nutri-Score una C include olio extravergine di oliva, olio d'oliva vergine, olio d'oliva non vergine e olio d'oliva ottenuto attraverso la raffinazione ", ha aggiunto . "Questa è una sciocchezza. "

Tuttavia, ciò che più preoccupa Revenga del Nutri-Score è l'elevata classificazione degli alimenti trasformati.

"Secondo un studio, oltre il 40 per cento di tutti i prodotti classificati A o B [da Nutri-Score] sono ultra-elaborati ", ha detto. "Ciò non può essere accettato, i consumatori sono informati che quegli alimenti sono sani quando non lo sono. "

Revenga ha citato i cereali Coca Cola Zero e Chocapic, entrambi classificati con una B da Nutri-Score, come esempi.

"Una delle caratteristiche più pericolose dell'algoritmo Nutri-Score è, da un lato, che tiene conto dei contenuti negativi presenti in un alimento, enfatizzando i contenuti apparentemente positivi ", ha detto Revenga. "Questi possono essere utilizzati per imbiancare gli elementi negativi nella classificazione finale. "

Vedi anche: Sistemi di etichettatura come Nutri-Score potrebbero salvare vite, dicono i ricercatori

"È incomprensibile come la classificazione C per l'olio extravergine di oliva sia la stessa per l'olio di colza o l'olio di noci o con qualsiasi altra varietà di oli d'oliva di qualità inferiore ", ha aggiunto.

Questa mancanza di differenziazione tra gli oli vegetali riguarda anche i produttori di oli di oliva con indicatori geografici.

"Stiamo correndo molti rischi, perché questa è un'etichetta che i consumatori guarderanno e può dissuaderli dal consumare olio extravergine di oliva ", Jesús Sutil, che gestisce la Sierra Mágina DOP in Jaén, ha detto a El País.

La Spagna è il mondo più grande produttore di olio d'oliva e un grande esportatore. Circa un terzo delle esportazioni di olio d'oliva del paese è destinato ad altri paesi dell'Unione europea. Sutil ritiene che l'adozione di Nutri-Score possa avere un impatto significativo sull'extravergine consumo di olio d'oliva nel blocco.

Bajo, il direttore esecutivo del settore nazionale dell'olio d'oliva vergine a denominazione di origine protetta, ha colpito una nota simile e ha detto "c'è molto in gioco perché stiamo mettendo a rischio un simbolo di identità come Paese ".

"La Marca España è in pericolo e la nostra influenza internazionale è in discussione ”, ha aggiunto. "Se i consumatori dell'UE non vedono la differenza tra l'olio d'oliva e altri oli, se non viene identificata dal suo alto valore salutare, non sappiamo quanto diminuirà il consumo europeo. È un rischio che non siamo disposti a correre. "





Related News

Feedback / suggerimenti