Le donne siriane hanno avuto la possibilità di apprendere nuove competenze dagli agricoltori italiani

A sette piccoli agricoltori siriani è stata data una nuova speranza per un futuro migliore mentre hanno acquisito nuove competenze dalle comunità agricole in Piemonte e Liguria.

Foto per gentile concessione di © FAO: Alessandra Benedetti
Settembre 4, 2019
Di Julie Al-Zoubi
Foto per gentile concessione di © FAO: Alessandra Benedetti

Notizie recenti

Nove anni di brutale guerra civile in Siria hanno avuto conseguenze devastanti sulle donne del paese. Dato che centinaia di migliaia di uomini sono stati uccisi, detenuti o semplicemente scomparsi, le donne sono state costrette a trovare nuovi modi per sostenere le loro famiglie poiché il ruolo di capofamiglia è stato affidato a loro.

Molte donne siriane che vedevano l'agricoltura come la loro unica speranza sono state ostacolate dalla loro scarsa esperienza nell'agricoltura e dalla mancanza di accesso alle informazioni sui finanziamenti e sulle opportunità di formazione.

Voglio imparare dagli agricoltori italiani e vedere come posso sviluppare la mia attività. Se posso vendere correttamente i miei prodotti, la mia vita sarà migliore.- Aicha Dalati, apicoltore siriano che è andato a imparare dagli apiari in Italia

La scorsa settimana, durante il viaggio, sette piccole coltivatrici siriane hanno ricevuto nuove speranze per un futuro migliore Italia per apprendere nuove competenze dalle comunità agricole in Piemonte e Liguria.

L'iniziativa congiunta tra Slow Food e l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) aspirava ad aiutare le donne a provvedere alle loro famiglie e ad accrescere la fiducia in se stesse come imprenditrici.

Vedi anche: Notizie sull'olio d'oliva siriano

Le sette produttrici di cibo che hanno preso parte al tour di studio provenivano da Aleppo, Homs, Hama, Lattakia, Tartous, Sweida e Al Qunatra. Ciascuna delle donne produceva un prodotto specifico nel proprio villaggio e questi andavano dai fichi secchi e miele all'olio d'oliva.

Tutti i partecipanti possedevano un piccolo appezzamento di terreno su cui coltivavano cibo per nutrire la loro famiglia o erano impegnati in attività come la produzione di marmellate e sottaceti o la produzione di formaggio per sostenere le loro famiglie.

Lo ha detto Patrizia Epifania, responsabile del programma della FAO che ha accompagnato le donne nel tour di studio Olive Oil Times che il processo di selezione ha preso in considerazione le somiglianze tra ciò che le donne già producevano e i tipi di beni prodotti dai progetti italiani che hanno visitato.

Epifania ha detto che sebbene le donne fossero felici di essere state selezionate. "Non avevano mai lasciato la Siria prima, quindi è stata un'esperienza piuttosto intensa, ma tutti hanno mostrato entusiasmo ”.

Il tour di studio si è svolto nelle regioni Piemonte e Liguria italiane, rinomate per la produzione e la promozione di alimenti biologici e artigianali di alta qualità, nel rispetto delle tradizioni locali. I progetti italiani inclusi olio extravergine d'oliva, miele di alta montagna, robiola (formaggio) di Roccaverano, agnello sambucano, aglio Vessalico e produzione di burro nell'alta valle dell'Elvo.

Le donne sono state istruite su tutti gli aspetti della produzione, del marketing e delle catene del valore dei prodotti per portare un reddito dignitoso rispettando anche il patrimonio alimentare locale, il ambiente e biodiversità.

Un piccolo produttore di olio d'oliva di un villaggio siriano vicino alla città costiera di Tartus ha visitato il progetto italiano dell'olio d'oliva in Liguria. Ha detto agli organizzatori che trarrà grandi benefici dalla sua esperienza in Italia e si è impegnata a condividere ciò che aveva imparato con la sua comunità.

Afaf Jafaar, una madre di cinque figli che coltiva e asciuga i fichi, ha descritto come aspira a realizzare prodotti che soddisfino gli standard globali sostituendo i suoi arcaici macchinari con moderne attrezzature per l'imballaggio e nuove tecnologie per misurare i livelli di umidità e acidità.

Aicha Dalati, un'apicoltore di Aleppo, ha perso tutti i suoi alveari durante il conflitto ed è stata costretta a lasciare la città e ricominciare da capo in un villaggio vicino. Ha detto che le sue maggiori sfide sono state espandere il mercato del suo miele oltre la sua comunità, i trasporti e il fatto che sia pagata a rate, il che significa che non vede immediatamente il profitto.

Dalati ha detto agli organizzatori, "Voglio imparare dagli agricoltori italiani e vedere come posso sviluppare la mia attività. Se riesco a vendere correttamente i miei prodotti, la mia vita sarà migliore ".

L'iniziativa mirava ad armare le donne siriane con competenze sia tecniche che imprenditoriali in modo che alla fine potessero trasformare i loro prodotti fatti in casa in prodotti artigianali che avrebbero attratto mercati più ampi. Faceva anche parte del programma della FAO per rilanciare il settore agricolo siriano e migliorare la sicurezza alimentare nel paese colpito.

La FAO ha aiutato le donne contadine siriane e le loro comunità a diventare più autosufficienti migliorando la loro capacità di produzione alimentare, sviluppando le loro capacità imprenditoriali e fornendo semi e fertilizzanti di alta qualità. Hanno anche offerto formazione su agricoltura sostenibile e marketing e ha contribuito a creare sistemi di irrigazione.

"La FAO e Slow Food lavoreranno per offrire a queste donne opportunità per migliorare i loro prodotti mantenendo le specificità degli ambienti interessati, aggiungendo valore attraverso l'aumento della qualità attraverso la formazione e possibilmente cercando di migliorare l'accesso al mercato ", ha affermato Epifania.

pubblicità

Le sette donne saranno inoltre aggiunte alla rete globale di agricoltori locali di Slow Food al fine di continuare il loro apprendimento e condividere le loro nuove conoscenze ed esperienze con le altre contadine.

Dato che i piccoli produttori siriani sono tornati a casa con nuove speranze, è stato anche riferito che produzione di olio d'oliva in Siria dovrebbe essere superiore del 50% rispetto allo scorso anno e potrebbe essere il più grande rendimento dal 2013/14.

Ciò è stato attribuito alla diminuzione dei livelli di conflitto nel paese insieme alla bonifica degli oliveti Aleppo di proprietà turca dai quali La Turchia avrebbe rubato le olive la scorsa stagione prima di vendere l'olio d'oliva in Europa come suo.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti