La conferenza di Salonicco esamina nuove strategie per il settore greco delle olive da tavola

Un incontro sull'industria greca delle olive da tavola ha offerto nuove strategie per il settore e ha rivelato una cultivar per lo più sconosciuta e resiliente con qualità uniche.

Giu. 6, 2018
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Una convenzione tenutasi a Salonicco la scorsa settimana ha esaminato lo stato attuale e presentato le tendenze nel settore delle olive commestibili, concentrandosi principalmente sul settore delle olive greche. 

È stato ribadito che le olive da tavola greche occupano una posizione di leadership nei mercati internazionali, ma sono necessari nuovi approcci per mantenere lo slancio e per far fronte alla concorrenza. Un annuncio da parte dei ricercatori che ha attirato molta attenzione riguardava una cultivar di oliva poco apprezzata con caratteristiche e tratti speciali. 

L'evento di due giorni è stato organizzato dal Krinos Olive Center del Perrotis College ed è stato ospitato presso il campus della American Farm School. Più di 250 produttori, esportatori, scienziati e altri professionisti del settore delle olive da tavola hanno partecipato alla convention per condividere le loro opinioni.

Alexandros Georgiadis, presidente del comitato organizzatore e importatore alimentare in America e Canada, ha affermato che i mercati di tutto il mondo vogliono una fornitura costante in termini di qualità e quantità e non c'è spazio per la speculazione sui prezzi con le olive da tavola come è successo con l'olio d'oliva. "Le olive della varietà Chalkidiki hanno fatto grandi progressi, proprio perché i produttori hanno reagito adeguatamente alle richieste dei mercati ", ha osservato.

José Manuel Ruiz, responsabile vendite di Interoliva SA, ha ricordato a tutti che negli ultimi 35 anni la produzione globale di olive da tavola è triplicata in volume, e questa è una prova delle dinamiche del prodotto. La Grecia è al quarto posto nel mondo nelle esportazioni di olive da tavola, dopo Spagna, Egitto e Marocco, con oltre l'80% delle 250,000 tonnellate di olive commestibili prodotte ogni anno esportate negli Stati Uniti, in Germania, in Australia e altrove. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Un altro argomento all'ordine del giorno è stato trattato da Dan Flynn, direttore esecutivo dell'UC Davis Olive Center, che ha presentato i possibili effetti del cambiamento climatico sulle olive da tavola. Ha affermato che è previsto un aumento da 1.8 ° C a 2.0 ° C nel bacino del Mediterraneo nei prossimi 20-40 anni, rappresentando una sfida significativa per gli agricoltori greci. 

Flynn ha spiegato che i modelli di previsione hanno dimostrato che le grandi coltivazioni di olive da tavola probabilmente rimarranno intatte e il 23 per cento delle piccole coltivazioni nel paese saranno interessate, in particolare quelle non irrigate. Ha consigliato che l'irrigazione deve essere gestita adeguatamente per ottenere rese migliori. 

Il valore delle esportazioni di olive da tavola greche è calcolato a 450 milioni di euro (circa 525 milioni di dollari), ma c'è spazio per di più; diversi partecipanti hanno sottolineato che un cambiamento nella mentalità dei produttori di presentare ai propri clienti non un prodotto semplice ma qualcosa che sia allo stesso tempo attraente e facilmente accessibile rafforzerà ulteriormente lo status delle olive greche e aumenterà la loro quota nei mercati internazionali. 

Per dimostrare questo cambiamento di pensiero è stato esaminato il mercato statunitense, dove le importazioni di olive da tavola sono stabili ma il consumo è in calo. La penetrazione familiare delle olive è bassa, soprattutto in alcuni gruppi demografici del paese. 

È stato suggerito che le olive dovrebbero essere allineate con la categoria speciale di alimenti che recano indicazioni sulla salute. Numerosi studi hanno dimostrato che ci sono benefici dal consumo di olive grazie ai loro composti funzionali e, come gli scienziati hanno indicato nella convenzione, le olive da tavola sono uno dei pochi prodotti vegetali fermentati che possono trasportare batteri probiotici. 

Questa classificazione delle olive attirerà a sua volta i Millennials, che sono il più grande gruppo di consumatori di prodotti alimentari con un'indicazione sulla salute, quindi possono essere presi di mira come potenziali acquirenti di olive da tavola. Un altro passo è incanalare le olive online verso diverse destinazioni per ottenere la penetrazione ed essere a portata di mano per i consumatori. 

Le olive da tavola Kalamata rappresentano un marchio forte nel settore e le olive Chalkidiki stanno facendo passi avanti, ma un'altra cultivar, Kothreiki, è stata il punto forte della convenzione. 

Gli alberi di Kothreiki, che è anche conosciuto come Manaki o Korinthiaki, possono essere coltivate ad altitudini fino a 900 metri e sono in grado di sopportare forti venti e temperature relativamente basse. Le loro drupe possono essere utilizzate come olive commestibili oppure possono essere lavorate nei frantoi per l'olio. 

Una ricerca di tre anni condotta da due scienziati greci ha analizzato le olive della cultivar Kothreiki e si è scoperto che contenevano una quantità significativa di composti fenolici e una quantità insolitamente elevata di acido palmitoleico, che misura oltre 3.5 grammi per 100 grammi di acidi grassi . L'acido palmitoleico è un acido grasso monoinsaturo considerato benefico per i diabetici per il suo effetto regolatorio sul glucosio e sull'accettazione dell'assunzione di insulina. 

È stata lanciata l'idea che la cultivar Kothreiki potrebbe portare un'indicazione sulla salute per i diabetici se e quando la ricerca sarà completata e i risultati saranno verificati. 

Il Krinos Olive Center è stato fondato nel 2013 per sostenere la produzione di olive commestibili e olio d'oliva in Grecia. Ha stabilito partnership con istituti di ricerca e aziende del settore tra cui il Davis Olive Center. 

Questa è stata la prima convention organizzata da Krinos sulle innovazioni del settore delle olive da tavola ei partecipanti si sono impegnati a incontrarsi di nuovo a Salonicco nel 2020.





Related News

Feedback / suggerimenti