`L'ultima indagine dell'autore di 'Extra Virginity' solleva domande - Olive Oil Times

L'ultima indagine dell'autore "Extra Virginity" solleva domande

Febbraio 3, 2013
Curtis Cord

Notizie recenti

Tom Mueller, le cui indagini sull'industria dell'olio d'oliva per The New Yorker e il suo libro del 2011, Extra Virginity, il sublime e scandaloso mondo dell'olio d'oliva, ha contribuito a dare origine a una discussione globale sulla qualità dell'olio d'oliva, ha suscitato un nuovo dibattito sul suo blog, questa volta sul suo sguardo critico a un rivenditore di olio d'oliva americano.

L'argomento dell'ultima esposizione di Mueller è la Tubac Olive Oil Company, con sede in Arizona, che distribuisce oli d'oliva attraverso una rete di negozi denominata The Olive & The Grape e altri punti vendita. L'azienda è di proprietà di Sunil Patel.

Mueller, che vive in Italia, ha detto di aver acquistato quattordici campioni di olio d'oliva da tre dei negozi della catena in Arizona e li ha inviati a un laboratorio in Australia per sottoporsi a una batteria di test chimici e sensoriali.

I risultati indicati, come Mueller riportato in un post sul blog, che dieci dei quattordici oli d'oliva raccolti non erano extra vergini e cinque giudici del gusto non erano idonei al consumo.

Nel suo libro, e ripetutamente nelle apparizioni pubbliche dalla sua pubblicazione, Mueller ha sostenuto un distributore di olio d'oliva con sede in California, Veronica Foods, che è considerato il principale fornitore del nuovo 'boutique a tema "bar d'olio d'oliva" spuntano in tutto il paese, rifornendo oltre 300 di questi negozi. Sul sito web di Mueller, 306 dei 415 rivenditori sul suo stratagemma of "suggerimenti personali per luoghi dove ottenere un ottimo olio in America ”sono i negozi forniti da Veronica Foods.

Un dibattito ha imperversato negli ultimi giorni sul suo "Verità in olio d'oliva " blog, nelle e-mail e nei social network stimolati dai lettori che si chiedono perché Mueller abbia scelto di prendere di mira un ovvio concorrente di Veronica Foods, perché un autore freelance spenderebbe più di $ 5,000 per testare gli oli d'oliva in un mondo lontano per intuizione e perché non ha testato alcun campione da altri negozi, come quelli forniti da Veronica Foods.

Mentre gran parte del feedback in termini di commenti sul blog di Mueller è stato di supporto ai suoi ultimi sforzi per scoprire frodi sull'olio d'oliva, altri erano più scettici.

"Mentre applaudo la tua ricerca dei migliori oli, sono preoccupato che tu continui ad essere così favorevole a Veronica Foods ", ha scritto un lettore. "La loro tattica con il piccolo imprenditore li sta facendo citare in giudizio. Devo chiedermi, dal momento che finanziano il tuo progetto cinematografico, se potresti inseguire la sua nemesi, quella (Veronica) ha detto, 'Ho tutte le intenzioni di metterti fuori servizio. " Sunil lavorava per lei prima di entrare in affari per se stesso. Stai cercando di aiutarla in questo? ”

Altri si sono chiesti perché Mueller, che ha scoperto azioni illecite e avidità ai massimi livelli delle corporazioni e del governo, improvvisamente sembrasse giocare a palline.

"Incoraggerei Tom a continuare a lavorare per denunciare le frodi nell'industria dell'olio d'oliva, ma a farlo a livello di elaborazione dove può davvero fare il maggior danno ", ha suggerito un lettore. "È anche importante che Tom rimanga completamente imparziale nel giudicare l'industria dell'olio d'oliva. Non può davvero essere allineato con un fornitore o rischia di perdere la sua credibilità e l'impatto che può avere sull'industria dell'olio d'oliva ".

Altri erano meno critici. "È sempre un piacere leggere e rivedere i risultati del tuo lavoro instancabile per esporre coloro che preferirebbero trarre profitto da consumatori fuorvianti attenti alla salute di marchi e produttori EVO premium ", ha detto un commentatore. Alcuni commenti sono stati lasciati dai rivenditori della rete Veronica Foods.

Il dibattito in corso si è in qualche modo rivettato. "Sto seguendo il dibattito / confusione / sicofania con grande fascino e orrore ”, ha detto sabato un esperto del settore.

Alcuni hanno visto l'ultimo progetto di Mueller come un possibile passo falso di un attivista di alto profilo che ha fatto il giro del mondo per parlare contro il lato oscuro dell'industria dell'olio d'oliva e che si incontrerà questa settimana con gli investigatori della Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti alla ricerca qualità e competitività dell'olio d'oliva.

Un ricercatore dell'industria dell'olio d'oliva ha espresso senza mezzi termini le critiche ai metodi di Mueller "Cattivo design nell'esperimento. Troppe variabili, nessun controllo e conflitto di interessi in qualunque modo sembri ”, in un'opinione fatta eco da altri nel fine settimana.

"Penso, come giornalista indipendente, di poter elogiare un buon lavoro quando lo vedo, senza incorrere in accuse di indecoroso favoritismo ", ha detto Mueller venerdì. "O meglio, credo che richiamare l'attenzione sul buon lavoro e sul cattivo sia l'essenza del buon giornalismo ".

Related News

Feedback / suggerimenti