`Tempi difficili per i produttori della provincia di Jerash in Giordania

Africa / Medio Oriente

Tempi difficili per i produttori della provincia di Jerash in Giordania

Giu. 18, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Oggi la maggior parte degli agricoltori della provincia di Jerash in Giordania non è in grado di potare e prendersi cura dei propri ulivi.

Hanno avvertito il Ministero dell'Agricoltura che le condizioni meteorologiche selvaggiamente fluttuanti hanno colpito le colture durante il periodo di fioritura e hanno reso quasi impossibile portare avanti i loro compiti stagionali, secondo quanto riferito dall'agenzia di stampa Saraya.

Gli olivicoltori locali hanno dichiarato che la maggior parte del loro olio per l'ultima stagione è ancora in deposito. La debole domanda di olio d'oliva da parte dei mercati nazionali e internazionali negli ultimi mesi ha avuto un forte impatto sulle entrate e le operazioni degli agricoltori.

Secondo i coltivatori locali, il Covid-19 le misure di contenimento hanno bloccato completamente la commercializzazione dell'olio d'oliva, mentre i cittadini giordani cercano gli alimenti più elementari. Con l'avvicinarsi della nuova stagione, hanno avvertito che i prezzi probabilmente si abbasseranno di nuovo e si prevedono perdite più ampie.

Imad Al-Ayasrah, direttore dell'autorità agricola di Jerash, ha confermato che almeno 2,300 mila tonnellate di olio d'oliva su 2,400 tonnellate prodotte nel Stagione del raccolto 2019/20 andato invenduto nella provincia. Ha invitato i coltivatori a concentrarsi sulle esportazioni alla luce della bassa domanda nazionale di olio d'oliva in questo momento difficile.

pubblicità

L'Autorità ritiene che un focus sulle esportazioni potrebbe almeno aiutare a coprire i costi di produzione e ha chiesto ai produttori di adottare nuove tecnologie e metodi per tutte le fasi della produzione per competere meglio nei mercati internazionali.

Secondo fonti locali, Al-Ayasrah ha invitato i produttori a vendere olio d'oliva in confezioni più piccole e ad investire in usi alternativi, come ad esempio i cosmetici.

Mentre aspettano un possibile intervento da parte del governo centrale, alcuni coltivatori locali stanno ancora affrontando gli effetti degli incendi boschivi diffusi a Jerash, colpendo alcuni uliveti e alcuni ulivi monumentali e secolari.




pubblicità

Related News