`La Tunisia guarda alla Cina per quota del mercato emergente dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

La Tunisia osserva la Cina per la quota del mercato emergente dell'olio di oliva

Gennaio 3, 2011
Tom Baker

Notizie recenti

All'inizio di dicembre 2010, una serie di rappresentanti dei media cinesi ha visitato la Tunisia. Il ministero tunisino dell'Agricoltura, delle risorse idriche e della pesca ha dichiarato che ciò faceva parte di una campagna promozionale per sensibilizzare sull'olio d'oliva tunisino per il mercato cinese. La visita ha coinciso con la stagione di raccolta della Tunisia e i delegati cinesi sono stati invitati a testimoniare in prima persona il processo di produzione, per saperne di più sulle varietà che la Tunisia ha da offrire e per provare la degustazione dei suoi oli d'oliva.

I primi rapporti suggeriscono che la visita è stata un successo. In una dichiarazione pubblicata dall'agenzia di stampa tunisina TAP, si dice che la delegazione cinese sia rimasta colpita sia dai progressi della Tunisia nei metodi di produzione che nella qualità dell'olio d'oliva.

Questa mossa fa parte di una strategia globale per elevare la posizione dell'olio d'oliva tunisino sulla scena mondiale. La Tunisia è uno dei principali produttori mondiali di olio d'oliva, ma storicamente una grande percentuale è stata venduta all'ingrosso a produttori con sede in altri paesi. BusinessNews.com.tn rileva che nei primi dieci mesi del 2010, la Tunisia ha esportato 100,000 tonnellate di olio d'oliva mentre solo 7,500 tonnellate di questo sono state confezionate. 

La maggior parte ritiene che la chiave del futuro successo dell'industria petrolifera tunisina sarà colmare questo divario e concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità dell'olio d'oliva offerto.

Questa sarà una considerazione importante per il prossimo anno, in particolare perché la produzione di olio d'oliva tunisino nel 2010/2011 è stimata tra 110 e 120 mila tonnellate, in calo rispetto alle 160 mila tonnellate dell'anno scorso. Per combattere le perdite, l'industria tunisina prevede di attingere alle riserve dalla stagione 2008/2009. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Si stima che il paese abbia 25,000 tonnellate di scorte, che verranno poi utilizzate per aumentare le esportazioni per la stagione in corso a circa 150 tonnellate.

I produttori tunisini saranno lieti che i media cinesi abbiano riconosciuto la qualità del suo olio d'oliva, poiché questa è una delle aree chiave in cui può sperare di distinguersi dai suoi concorrenti spagnoli e italiani.

All'inizio dell'anno scorso, Lemia Thabet, del Tunisia Technical Packaging Center, una società che lavora sul marchio e sul confezionamento dell'olio d'oliva tunisino, ha dichiarato alla BBC:

"Affrontiamo un grosso ostacolo a causa del grip che l'Italia ha sul mercato, ma possiamo dire che il nostro olio in bottiglia è al 100% tunisino e questo conta molto nei negozi specializzati. Questo è qualcosa che l'Italia non può sempre garantire ".

Anche la Tunisia deve affrontare ostacoli per quanto riguarda il confezionamento dei suoi prodotti. A partire dal 2010, la maggior parte delle sue bottiglie e dei suoi tappi veniva acquistata direttamente dall'Italia, aumentando ulteriormente i costi di produzione. A parte le questioni di produzione, l'enfasi sull'autenticità e sulla sua lunga storia nell'industria dell'olio d'oliva può essere la chiave per aumentare lo status della Tunisia rispetto ai produttori concorrenti.

La Tunisia ha un ottimo prodotto tra le mani e, se gestito correttamente, gli esperti del settore affermano che ha ottime possibilità di competere nei mercati emergenti.


Related News

Feedback / suggerimenti