`Il gruppo di produttori statunitensi, sventolando il rapporto "60 minuti", definisce l'accordo commerciale un'opportunità persa - Olive Oil Times

Gruppo di produttori statunitensi, sventolando la relazione "60 minuti", definisce l'accordo commerciale una "opportunità mancata"

Gennaio 25, 2016
Wendy Logan

Notizie recenti

I settori dell'industria agricola statunitense stanno esprimendo una certa delusione nei termini del recentemente approvato Accordo commerciale Tans-Pacifico (TPP).

Kimberly Houlding, presidente dell'American Olive Oil Producers Association (AOOPA) ha testimoniato in udienza la scorsa settimana che il TPP "avrebbe dovuto essere l'inizio di un forum dei paesi produttori di olio d'oliva del Nuovo Mondo "e che avrebbe dovuto essere il punto di partenza per affrontare le questioni affrontate dall'industria negli Stati Uniti, in Australia, in Cile, in Messico e in Nuova Zelanda.

Siamo preoccupati e delusi dal fatto che questo accordo possa perdere un'importante opportunità per promuovere la trasparenza e standard di qualità efficaci all'interno dei paesi TPP.- Kimberly Houlding, Associazione dei produttori di olio d'oliva americano

"Nonostante gli sforzi dell'industria statunitense ", ha affermato, "l'accordo 'Il capitolo sugli ostacoli tecnici al commercio non include l'olio d'oliva nell'allegato che invita i paesi a formare gruppi settoriali per affrontare gli standard, l'etichettatura e l'imballaggio per vino e liquori, cosmetici e altri prodotti ".

Houlding ha citato in testimonianza davanti alla Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti il ​​recente 'Segmento di 60 minuti che ha evidenziato i rischi per la salute dell'olio di oliva adulterato prima di circa 12 milioni di telespettatori americani del programma. "Questo è un pensiero spaventoso dato da un esperto in questa storia che ha stimato che dal 75 all'80% dell'olio extravergine di oliva esportato dall'Italia agli scaffali dei supermercati statunitensi è fraudolento ", ha affermato Houlding, riferendosi a 'Autore di Extra Virginity, Tom Mueller, che è stato intervistato per il segmento.

Victoria Guida segnalati in Politico il 15 gennaio in cui Houlding affermava che il TPP offriva l'opportunità di formare un gruppo con sede negli Stati Uniti che avrebbe fornito un contrappeso al Consiglio oleicolo internazionale che rappresenta il commercio di olio d'oliva in Europa. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

È ancora possibile che una disposizione possa essere aggiunta per prevedere l'istituzione di gruppi di lavoro ad hoc il cui scopo sarebbe quello di affrontare gli standard e le questioni normative, che continuano a essere una preoccupazione generale per l'industria dell'olio d'oliva nel suo complesso. Secondo il portavoce di USTR Matt McAlvanah, "Il capitolo [Barriere tecniche al commercio] del TPP offre l'opportunità di lavorare su ulteriori iniziative specifiche del settore e attendiamo con impazienza ulteriori discussioni con l'industria su questo argomento ".

Related News

Feedback / suggerimenti