L'incertezza nella più grande azienda croata può influire sui prezzi regionali dell'olio d'oliva

Agrokor è il più grande datore di lavoro della regione ed è un importante acquirente e venditore di olio d'oliva. Attualmente gravata da $ 6 miliardi di debito, la società sta chiudendo negozi e ristrutturazioni.

Giu. 5, 2017
Di Shawn Mitchell

Notizie recenti

Agrokor ha recentemente annunciato la chiusura delle attività alimentari e di vendita al dettaglio fortemente indebitate della Croazia 80 a 100 dei suoi negozi di alimentari Konzum e licenziare un numero indicibile di dipendenti. In quanto principale produttore e rivenditore alimentare nei Balcani con entrate equivalenti allo 15 percento del prodotto interno lordo della Croazia, le difficoltà finanziarie di Agrokor derivanti da circa $ 6 miliardi di debito potrebbero causare fluttuazioni del prezzo dell'olio d'oliva nella regione.

In qualità di proprietario dei marchi di olio d'oliva Ol Istria e Konzum K Plus, Agrokor acquista il suo olio d'oliva sia dalla Croazia che dall'Unione Europea. Nella penisola istriana, Agrokor possiede almeno 65,000 ulivi e produce 130 tonnellate di olio extra vergine di oliva sotto la sua controllata, Agrolaguna.

Mentre la Croazia produce solo meno di 6,000 tonnellate di olio d'oliva secondo l'International Olive Oil Council, o circa lo 0.2% della produzione globale, qualsiasi interruzione dell'offerta e della domanda nei paesi dell'ex Jugoslavia potrebbe complicare un mercato globale già messo a dura prova da un triste vendemmia 2016.

Agrokor attualmente impiega circa 60,000 persone in tutti i Balcani, con un ulteriore 150,000 persone impiegate dai fornitori di Agrokor nella sola Croazia. Le preoccupazioni circa la capacità di Agrokor di far fronte alle proprie responsabilità nei confronti dei fornitori hanno spinto alcuni a chiedere il pagamento in anticipo o a trattenere le consegne dei loro prodotti fino a quando non saranno compensate.

Considerato "troppo grande per fallire ", un responsabile della crisi di nome Ante Ramljak è stato nominato dal governo croato per garantire la capacità di Agrokor di ripagare i propri debiti e supervisionare la ristrutturazione dell'azienda. La società ha recentemente ottenuto un prestito di 480 milioni di euro (535 milioni di dollari) per evitare procedure fallimentari e rimborsare i creditori.

Tuttavia, l'esplosione di liquidità potrebbe essere solo una soluzione temporanea per Agrokor. Secondo I mercati di Bloomberg, l'ottimismo per un afflusso di cassa durante l'alta stagione turistica della Croazia potrebbe svanire poiché i concorrenti di Konzum continuano a conquistare quote di mercato.

La catena di supermercati discount tedesca Lidl ha fatto importanti passi avanti nel mercato croato negli ultimi anni, costringendo Konzum ad adattare la sua strategia aprendo negozi più grandi in posizioni chiave.

Nonostante abbia chiuso da 80 a 100 dei suoi circa 700 negozi, Konzum ha recentemente aperto un ipermercato a Supetar, sull'isola croata di Brač, vicino all'unico Lidl dell'isola. Sebbene ciò possa rivelarsi vantaggioso per Brachia, un fornitore principale di olio d'oliva di Brač per Konzum, il nuovo ipermercato potrebbe non essere sufficiente per impedire ai consumatori di visitare Lidl.

Le dimensioni delle difficoltà finanziarie di Agrokor hanno spinto il gruppo bancario italiano Intesa Sanpaolo a tagliare le sue proiezioni per il 2017 per la crescita economica croata dal 3.2% al 2.9%. Tuttavia, 2.6 milioni di turisti hanno visitato la Croazia nel giugno di quest'anno, in aumento del 31% rispetto allo scorso anno, offrendo un barlume di speranza ad Agrokor e alle compagnie petrolifere che lo forniscono.


Related News

Feedback / suggerimenti