`I californiani si rallegrano dopo che l'USDA ha rivisto gli standard del 1948 - Olive Oil Times

I californiani si rallegrano dopo che l'USDA ha rivisto gli standard 1948

Può. 7, 2010
Lori Zanteson

Notizie recenti

Il futuro sta cercando un verde sano, verde oliva in realtà, per i produttori di olio d'oliva del Golden State alla luce della recente revisione dell'USDA degli standard di classificazione dell'olio d'oliva. A partire dal 25 ottobre 2010, tutti gli oli d'oliva dovranno essere conformi agli standard di settore comunemente accettati negli Stati Uniti e all'estero. I nuovi standard forniranno un linguaggio comune per il commercio e forniranno ai consumatori maggiori garanzie di qualità nell'olio d'oliva che acquistano, un vantaggio sia per i produttori che per i consumatori della California.

I nuovi standard interesseranno gli importatori e gli oltre 500 coltivatori e produttori nazionali garantendo l'uniformità e la consistenza dell'olio d'oliva commerciale. Gli Stati Uniti non hanno una definizione per i diversi gradi di qualità dell'olio d'oliva, lasciando una porta aperta a frullatori senza scrupoli per commercializzare oli di bassa qualità, etichettarli extravergini e vendere a un prezzo premium. I nuovi standard stabiliscono un linguaggio di definizione che faciliterà la commercializzazione dell'olio d'oliva, incoraggerà la verità nell'etichettatura e fornirà una base per l'applicazione se etichettato in modo errato.

I Consiglio dell'Olio d'oliva della California (COOC) ha presentato la petizione all'USDA nell'agosto 2005 per adottare uno standard, in particolare per l'olio extravergine di oliva. Il direttore esecutivo, Patty Darragh dice che lo è "è stato un lungo viaggio per noi. " Il COOC è composto da oltre 200 membri nello stato che produce oltre il 99% dell'olio d'oliva della nazione. I membri hanno soddisfatto tutti i requisiti per la certificazione del sigillo COOC per il vero olio extra vergine, che richiede test rigorosi, inclusi il metodo di estrazione, il livello di acido oleico libero e gli elementi gustativi.

Gli standard stabiliti dall'USDA sono ora coerenti con gli standard del Consiglio oleicolo internazionale. Gli standard di certificazione del sigillo COOC sono più elevati. Ad esempio, il COOC non richiede più dello 5% di acido oleico libero, mentre i nuovi standard richiedono che gli oli non siano più dello 8%. Membro del COOC, Jeanne Coldani di Coldani Olive Ranch dice i membri "soddisfare meglio di quello standard. ”Il marchio Calivirgin di Coldani ha una percentuale migliore dell'1%. Sebbene i nuovi standard non influenzeranno i membri del COOC, Coldani spera che aumenteranno la consapevolezza di ciò che è sugli scaffali. "La California non può competere con i prezzi delle importazioni ", afferma. Il mercato statunitense è invaso da oli prodotti da miscelatori senza scrupoli. Sono etichettati in modo errato per attirare il consumatore. Per anni i produttori hanno rivendicato i loro oli, senza ripercussioni, come extravergine quando possono essere non più del 10% di olio d'oliva.

L'aspettativa tra i produttori dice Darragh, è quella "questi standard e definizioni legali serviranno a notificare gli importatori senza scrupoli, quindi ci saranno meno prodotti con etichette errate e adulterati ". I documenti forniranno un riferimento legale di definizione per qualsiasi agenzia governativa da applicare. L'USDA, che ha sei mesi per stabilire le normative e mettere in atto i test, non ha perso tempo. Un laboratorio di test chimici è in atto da un anno ormai in preparazione per il superamento di questi standard e un comitato di degustazione è in corso di formazione per assaggiare alla cieca gli oli d'oliva per i difetti.

I UC Davis Olive Center è stato al timone dell'educazione, della ricerca e della sensibilizzazione sull'olio d'oliva per oltre un secolo. Ha contribuito alla legislazione in materia di etichettatura della California e ha fornito supporto tecnico alla stesura della petizione per i nuovi standard da parte del COOC. In risposta ai nuovi standard di qualità USDA, il direttore esecutivo Dan Flynn afferma: "È un grande passo avanti, per la prima volta avremo il governo federale alla ricerca della qualità dell'olio d'oliva. Sarà prestata maggiore attenzione a ciò che significa veramente extravergine ".

Educare il consumatore è fondamentale affinché gli standard siano efficaci. Dewey Lucero di Olio d'oliva Lucero, conosce il valore di un consumatore istruito "Il pubblico americano è stato addestrato per apprezzare il cattivo olio d'oliva ", afferma, ma ritiene che i nuovi standard possano cambiarlo. Jeanne Coldani è d'accordo, dicendo "Più il consumatore è istruito, meglio è per il coltivatore, perché le persone vorranno un olio più fresco ". Un modo per garantire un olio d'oliva di alta qualità è una certificazione COOC. Un membro stesso, dice Lucero, "Produciamo uno dei migliori oli al mondo e uno dei motivi principali è perché è fresco. È proprio nel tuo giardino. " È fiducioso che una volta che il pubblico avrà un assaggio delle offerte della California, lo farà "inizia a riconoscere buon olio d'olivae spingerà l'industria a produrre oli di alta qualità ".

Integrità, standard elevati e passione hanno spinto i produttori di olio d'oliva della California a produrre oli di qualità per anni. Ora che l'USDA ha rivisto i propri standard di classificazione, la concorrenza sarà livellata sul mercato ei consumatori sperimenteranno presto un gusto completamente nuovo di olio d'oliva.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti