La causa "Veronica Foods" è stata respinta

Una causa intentata l'anno scorso dalla North American Olive Oil Association contro il distributore di negozi specializzati è stata archiviata dopo che la corte ha riscontrato che "non era stata stabilita la posizione".

Novembre 3, 2017
By Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

A causa contro Veronica Foods, il principale distributore americano di negozi di olio d'oliva e bar di degustazione, è stato licenziato.

Ieri le proposte degli imputati di respingere il reclamo sono stati concessi dopo che la corte lo ha scoperto "la posizione non era stata stabilita ”e il caso è stato chiuso.

Siamo delusi dalla decisione del tribunale, che non si basava sui meriti sottostanti del nostro caso, ma su un tecnicismo.- Joseph R. Profaci, NAOOA

Il gruppo commerciale dei principali importatori americani di olio d'oliva, la North American Olive Oil Association (NAOOA), ha intentato causa contro il distributore di specialità della California Veronica Foods e alcuni dei suoi rivenditori nell'area di New York per quello che ha chiamato "dichiarazioni false, fuorvianti e scientificamente prive di fondamento sull'olio d'oliva venduto nei supermercati, sostenendo che manca dei benefici per la salute che i consumatori si aspettano ".

Veronica Foods fornisce oli d'oliva a centinaia di negozi di vendita al dettaglio di specialità negli Stati Uniti, dove gli oli sono esposti in contenitori di acciaio inossidabile, chiamati fusti. I clienti sono invitati a degustare oli prima di effettuare un acquisto e gli oli vengono venduti in bottiglie con l'etichetta privata del negozio.

Joseph R. Profaci, il Amministratore esecutivo di nuova nomina del NAOOA detto Olive Oil Times oggi, "Certo, siamo delusi dalla decisione del tribunale, che non si basava sui meriti sottostanti del nostro caso ma su un tecnicismo. Non siamo d'accordo con la conclusione che il NAOOA non ha alcuna intenzione di citare in giudizio per conto dei suoi membri e stiamo prendendo in considerazione tutte le nostre opzioni. "

pubblicità

"Sosteniamo le accuse della denuncia ”, ha aggiunto Profaci. "Sebbene non abbiamo nulla contro Veronica Foods e altre società che commercializzano oli attraverso negozi specializzati, ci opponiamo alle pratiche di marketing che riteniamo fuorvianti per i consumatori e induciamo i consumatori a credere che i benefici per la salute dell'olio d'oliva siano disponibili solo negli oli venduti tramite tali negozi di specialità. "

Veronica Foods e i rivenditori che fornisce al mercato i loro oli come tali 'Ultra Premium " "che definisce lo standard più elevato del settore ", secondo la denuncia NAOOA citata sul sito Web di Veronica Foods.

Il NAOOA si è lamentato del fatto che l'uso da parte di Veronica Foods del suo marchio e sigillo Ultra Premium fosse un "denominazione autoprodotta utilizzata esclusivamente dall'azienda e dai suoi rivenditori per la vendita di oli di oliva Veronica Foods. Pertanto, l'uso della designazione UP stessa è falso e fuorviante in quanto i consumatori sono indotti a credere che l'olio di oliva sia stato certificato, sponsorizzato o approvato da una terza parte. "

Il NAOOA ha anche contestato le affermazioni fatte sul sito Web di un rivenditore fornito da Veronica: "L'imputato D'Avolio, un rivenditore di olio d'oliva VFC, ha in particolare marchi mirati venduti nei supermercati, dove i marchi dei membri NAOOA sono venduti principalmente. Nel promuovere i propri oli d'oliva certificati UP (acquistati da VFC), D'Avolio distorce i risultati di un presunto rapporto del settore per rappresentare ai consumatori che vari marchi venduti nei supermercati non hanno benefici per la salute ".

Veronica Foods non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento, ma in precedenza ha dichiarato: "Siamo fedeli alla verità e all'accuratezza di tutte le dichiarazioni che abbiamo fatto in relazione all'olio d'oliva e ai nostri prodotti correlati".

"Ci impegniamo a fornire ai consumatori prodotti della più alta qualità disponibili e facciamo affidamento su ricerche scientifiche all'avanguardia e test di laboratorio indipendenti ", ha scritto la società in un'e-mail a Olive Oil Times in risposta alla causa dello scorso dicembre. "Le nostre fonti includono la ricerca pubblicata da UC Davis, i test e le ricerche del Modern Olives Laboratory, una società leader nel settore dei test dell'olio d'oliva e di esperti come Christian Gertz e Thomas Mueller. ”

"Il NAOOA è un'organizzazione commerciale che rappresenta alcuni dei più grandi venditori di olio d'oliva nazionali e internazionali nel paese. Riteniamo che il NAOOA abbia intentato questa causa contro Veronica Foods nel tentativo di interferire con i nostri sforzi per migliorare la qualità dell'olio d'oliva e l'accuratezza dell'etichettatura dell'olio d'oliva ", ha affermato Veronica Foods nella sua risposta scritta.

All'inizio di quest'anno, un tribunale della Georgia ha archiviato un'altra causa NAOOA contro il personaggio televisivo Dr. Mehmet Oz che sfidava ciò che la NAOOA chiamava "falsi attacchi "che hanno individuato gli oli d'oliva importati e per aver sostenuto durante uno spettacolo che l'80% dell'olio extra vergine di oliva venduto nei supermercati statunitensi non è "vero."



Questo è un articolo sulle ultime notizie. Controlla gli aggiornamenti.


Related News