I "segreti commerciali" di Veronica non sono segreti, secondo il giudice

Un giudice della California ha rilevato che "il semplice fatto che MillPress abbia iniziato a vendere petrolio e aceto ai negozi precedentemente forniti da Veronica Foods è prevedibile da un nuovo grossista che entra nel mercato".

Giu. 5, 2017
Di Hannah Anain e Virginia Keyder

Notizie recenti

Un giudice federale della California ha respinto una causa del distributore di olio d'oliva Veronica Foods contro un ex dipendente e la società rivale per cui è andato a lavorare, citando la mancanza di prove che i suoi segreti commerciali siano stati presi o, per quella materia, segreti.

Le accuse di Veronica Foods sui particolari segreti commerciali che gli imputati hanno abusato sono in gran parte conclusive - un'affermazione tutto-tranne-il-lavello della cucina.- Giudice del magistrato americano Joseph C. Spero

Veronica Foods, che fornisce più di negozi specializzati 800 in tutto il Nord America, secondo la sua denuncia, ha affermato che l'ex dipendente, Kurt Ecklin, ha condiviso segreti commerciali sotto forma di elenchi di clienti, informazioni commerciali riservate ed elenchi di fornitori con il suo nuovo datore di lavoro (e co-imputato), MillPress Imports in violazione sia del Defend Trade Secrets Act statunitense, sia del California Uniform Trade Secrets Act.

Millpress Imports ed Ecklin hanno deciso di archiviare il caso per non aver fornito prove sufficienti a sostegno delle affermazioni di Veronica. Il 29 giugno, il giudice magistrato statunitense Joseph C. Spero ha accettato la mozione di licenziamento, ma ha concesso a Veronica Foods fino al 31 luglio 2017 per modificare la loro denuncia per la seconda volta.

Sebbene la decisione del 29 giugno si occupi solo della questione se accettare o meno la mozione di rigetto, contiene un'analisi dettagliata (alcuni potrebbero dire prolissa) dei fatti nel caso e se il materiale in questione costituisse segreti commerciali, dato che gran parte delle informazioni sono disponibili pubblicamente.

Nella sua critica dell'azione presentata, il giudice Spero ha dichiarato: "Qui, le accuse di Veronica Foods sui particolari segreti commerciali che gli imputati hanno abusato sono in gran parte conclusive - un'asserzione del tutto-tranne-il-lavello della cucina che gli imputati 'hanno fatto un uso improprio e non autorizzato dell'elenco clienti, dell'elenco fornitori e delle informazioni commerciali riservate di Veronica Foods 'per sollecitare i clienti…. Come 'affermazioni nude 'e 'le conclusioni "non sono il tipo di accuse fattuali che la corte deve accettare come vere nella fase della supplica".

Il giudice ha dato a Veronica Foods fino al 31 luglio per presentare una seconda denuncia modificata, dicendo "il semplice fatto che MillPress abbia iniziato a vendere olio e aceto a negozi precedentemente forniti da Veronica Foods è prevedibile da un nuovo grossista che entra nel mercato ”, e non è di per sé una prova di violazione del segreto commerciale.



Related News

Feedback / suggerimenti