Clima e COVID preoccupano gli agricoltori che si preparano per il raccolto

An Olive Oil Times Il sondaggio rivela una stagione di crescenti incertezze e sfide per i produttori di olio d'oliva.
Heidi Vogsted Drange
Settembre 16, 2020
Staff OOT

Notizie recenti

È un settore noto per le sue difficoltà. Ma anche l'olivo resiliente e gli agricoltori coraggiosi abituati alle mutevoli circostanze della natura si stanno piegando sotto lo stress del raccolto 2020 ora in corso nell'emisfero settentrionale.

Risposte a un file Olive Oil Times Il sondaggio di questa settimana ha rivelato una stagione di incertezze di fronte alle forze naturali e di mercato in contrasto con l'illusoria semplicità di coltivare frutti ed estrarne l'olio per guadagnarsi da vivere.

Mentre il mondo entra nella sua terza stagione alle prese con una pandemia che ha causato quasi un milione di vite e sconvolto innumerevoli aziende, il posto dell'olio d'oliva come alimento vitale offre ai produttori un riparo dalle mutevoli priorità nella nuova realtà.

Tuttavia, ci sono molte preoccupazioni in giro e gli agricoltori hanno affermato di dover affrontare gli effetti a catena della crisi su diversi fronti.

La metà dei produttori intervistati ha affermato che il Covid-19 avrà un impatto negativo sul raccolto di quest'anno e il 25% degli intervistati si aspetta a carenza di mano d'opera limiterà le loro operazioni.

pubblicità

"Siamo preoccupati se possiamo trovare lavoratori per la raccolta e come possiamo proteggere la salute di quei lavoratori ", ha detto Mehmet Taki, un agricoltore in Tunisia. "Trovare giovani lavoratori è sempre stato un problema, poiché la nuova generazione preferisce i lavori d'ufficio all'agricoltura. Non sappiamo come saremo in grado di raccogliere le nostre olive con la nostra forza lavoro che invecchia al tempo della corona ".

Leon Narbey, un produttore in Nuova Zelanda il cui raccolto è avvenuto all'inizio di quest'anno, ha dichiarato: "Ho scelto da solo ed elaborato da solo a causa del blocco COVID poiché nessun altro poteva venire ad aiutarmi. "

E molti temono che l'impatto della crisi sui loro mezzi di sussistenza non diminuirà con il conteggio dei casi. Il XNUMX% degli agricoltori intervistati ha affermato di sì "un po 'preoccupato "a "estremamente preoccupato ”per gli effetti a lungo termine che il coronavirus avrà sulle loro attività.

clima-e-covid-preoccupazione-agricoltori-che-preparano-per-la-raccolta-dell'olio-d'oliva

Diego Vergara, Spagna

"Sono fiducioso che usciremo da questa tragedia in cui ci troviamo. Nel 2020 essendo un olivicoltore nella Napa Valley ho visto così tante sfide quest'anno ", ha detto Jamie Anzalone, un produttore californiano.

Mentre molti agricoltori che si affidano sempre più a agriturismo, alcuni hanno affermato di essere riusciti a trarre vantaggio dall'impennata mondiale dell'attività di commercio elettronico. "Noi produttori di olio d'oliva biologico stiamo vivendo un buon anno nelle vendite perché investivamo sempre nell'internet marketing, quindi COVID ci porta molti più nuovi clienti e le persone stanno imparando a conoscere l'olio d'oliva e il cibo biologico più che mai ", ha detto un produttore dalmata, Bogdan Pensa .

Un terzo degli intervistati ha identificato il calo dei prezzi di mercato tra le principali preoccupazioni, mentre l'11% ha accusato la recente imposizione tariffe sugli oli d'oliva spagnoli per aver aggiunto la beffa al danno.

"La pandemia Covid-19 è stata devastante per la nostra attività, ma le tariffe imposte dagli Stati Uniti hanno causato danni permanenti a causa della perdita di entrate ", ha affermato John Cancilla, un produttore spagnolo di olio d'oliva. "Si spera che i nostri leader utilizzino il loro potere in modo più responsabile ".

Uğur Özen, un agricoltore in Turchia, è d'accordo. "Sembra che anche i prezzi del petrolio di girasole stiano per riprendersi prezzi dell'olio d'oliva, "Ha detto. "Non credo che agricoltori e produttori possano sopportare questi prezzi bassi troppo a lungo "

clima-e-covid-preoccupazione-agricoltori-che-preparano-per-la-raccolta-dell'olio-d'oliva

Louisa Sherman, Francia

Come storico infuriavano incendi in tutto il West americano e la politicizzazione di cambiamento climatico torna al centro della scena, il riscaldamento globale rimane una rovina per i produttori di olio d'oliva di tutto il mondo che ne vedono gli effetti attraverso le finestre delle loro fattorie e nei loro boschetti. Non sorprende che il tempo e il clima siano in cima alla lista delle preoccupazioni nel sondaggio OOT.

Forti piogge, grandinate e altro eventi meteorologici estremi hanno provocato il caos in Italia, provocando gravi danni agli ulivi, alle viti e ad una serie di altre colture.

In Grecia, il produttore ed esportatore di olio d'oliva miceneo, Ioannis Kampouris ha dichiarato: "l'ondata di caldo di maggio ha influenzato la fioritura degli ulivi, quindi il volume dell'olio d'oliva prodotto sarà basso. "

Produttori in Giordania avvertito il ministero dell'Agricoltura che le condizioni meteorologiche fluttuanti hanno colpito i raccolti nel periodo di fioritura, eliminando le speranze di un raccolto forte.

Gli olivicoltori locali hanno affermato che la maggior parte del loro olio per l'ultima stagione si trova ancora negli impianti di stoccaggio. La debole domanda di olio d'oliva nei mercati nazionali e internazionali negli ultimi mesi ha avuto un grave impatto sui ricavi e sulle operazioni degli agricoltori.

Coltivare un albero irrefrenabile sembra tuttavia produrre un certo ottimismo tra agricoltori e produttori nel mezzo di sfide crescenti, e c'è consenso sul fatto che la redditività rimanga la chiave sfuggente.

L'offerta ha superato la domanda e il consumatore medio non ha ancora la sensazione del valore di uno degli alimenti più sani del mondo.

"Sono ottimista sul fatto che ne usciremo, ma amico è terribilmente difficile rimanere a galla - sto facendo tutto il possibile ", ha detto Anzalone.

Questo è il primo articolo di una serie su Olive Oil Times Indagine sul raccolto 2020.

Related News

Feedback / suggerimenti