Affari

Vincitori e perdenti nel mercato americano in crescita per le importazioni all'ingrosso

Alcuni esportatori sono stati in grado di sfruttare la crescente domanda americana di olio di oliva sfuso.

Febbraio 27, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Le importazioni di olio di oliva sfuso negli Stati Uniti sono in aumento. Il più grande importatore di olio d'oliva al mondo ha aumentato la sua domanda di contenitori del peso di 18 chilogrammi o più del 26%.

Le povere colture in Spagna negli ultimi cinque anni stanno suscitando interesse per le fonti alternative di petrolio.- Gregg Kelley, California Olive Ranch

Tuttavia, non tutti i principali esportatori negli Stati Uniti hanno beneficiato di questa domanda mutevole. Sia l'Argentina che la Turchia hanno registrato aumenti significativi delle esportazioni, mentre la Tunisia e il Marocco hanno registrato notevoli riduzioni.

Le esportazioni all'ingrosso dall'Argentina sono quasi raddoppiate, mentre dalla Turchia le esportazioni sono aumentate di oltre cinque volte. L'incertezza nella fornitura spagnola, che ha esportato 13,000 tonnellate in meno di olio d'oliva negli Stati Uniti lo scorso anno, ha contribuito a stimolare questi aumenti.

"Le povere colture in Spagna negli ultimi cinque anni stanno suscitando interesse verso fonti di petrolio alternative ", ha detto Gregg Kelley, CEO di California Olive Ranch Olive Oil Times. "L'Argentina ha beneficiato dei cambiamenti nelle politiche del governo che hanno facilitato le esportazioni e la Turchia ha ampliato enormemente la propria capacità produttiva negli ultimi 10 anni. "

Ümmühan Tibet è il presidente del consiglio del Consiglio nazionale per l'olio d'oliva della Turchia. Ha attribuito questi aumenti delle esportazioni al settore dell'olio di oliva in rapida modernizzazione della Turchia, nonché standard di qualità sempre più rigorosi.

pubblicità

"In Turchia, la produzione di olio d'oliva ha subito notevoli sviluppi a partire dagli anni '1980 e un numero maggiore di piante di olio d'oliva ha iniziato a produrre olio d'oliva vergine o ha aumentato la propria capacità produttiva ", ha affermato il Tibet. "Oggi la Turchia ha impianti di olio d'oliva su larga scala con moderne linee di imbottigliamento. "

Secondo il Tibet, la Turchia ha norme rigorose per l'olio d'oliva destinato all'esportazione. Poiché molte esportazioni di petrolio turco sono destinate all'Unione europea, gli esportatori turchi soddisfano questi elevati standard da anni.

"Ci sono standard di esportazione obbligatori per l'olio d'oliva e le olive da tavola in Turchia, quindi la produzione in tutti gli impianti è conforme al Regolamento del Codice turco ”, ha affermato. "Questi regolamenti sono anche coerenti con le norme e i regolamenti commerciali del Consiglio oleicolo internazionale dell'Unione Europea ", ha affermato.

Nel frattempo, l'aumento delle esportazioni dall'Argentina è stato in gran parte attribuito alle politiche di liberalizzazione economica del presidente Mauricio Macri. Macri ha rimosso i controlli valutari, impedendo alle imprese argentine di effettuare transazioni interne in valute estere, in particolare dollari USA. Ha anche revocato le quote di esportazione agricola e ha iniziato a promuovere il commercio e a migliorare le relazioni con gli Stati Uniti

"Il tempismo è stato positivo anche per l'Argentina. Prima dei cambiamenti nel governo argentino, i fornitori si sono concentrati maggiormente sul mercato locale, ma ora sono in grado di guardare a un livello più globale ", ha affermato Jim Lipman, vice presidente delle operazioni sui prodotti al California Olive Ranch.

"Anche la qualità è un fattore. Maggiore è la qualità del petrolio, più mercati può servire negli Stati Uniti e, a sua volta, aumenterà i volumi importati ”.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


Nel frattempo, le esportazioni di prodotti sfusi dalla Tunisia e dal Marocco sono diminuite rispettivamente del 35% e del 67%. Gli importatori di olio d'oliva americani hanno attribuito sia qualità che siccità a queste diminuzioni. Secondo gli importatori, l'olio d'oliva tunisino e marocchino in genere non si posizionano bene in termini di qualità.

"Tunisia e Marocco avevano sofferto di siccità. Per questo motivo, hanno avuto una significativa riduzione dell'offerta ", ha detto Lipman. "Inoltre, in quelle situazioni, avevano un petrolio di qualità inferiore che limiterebbe i mercati negli Stati Uniti che potrebbero servire ”.

Sélim Belkhodja è il direttore di Bulla Regia, una società tunisina che esporta olio d'oliva negli Stati Uniti. Ha negato che la qualità sia il problema e ha affermato che, sulla base delle recenti condizioni climatiche, le esportazioni di olio d'oliva fluttuerebbero.

"Le quantità di olio d'oliva esportate dalla Tunisia dipendono dalla produzione annuale ", ha affermato. "E ogni anno abbiamo una grande differenza a causa delle condizioni meteorologiche. "

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, tuttavia, le importazioni alla rinfusa negli Stati Uniti dalla Tunisia sono diminuite negli ultimi quattro anni.

Il Ministero dell'Economia tunisino ha offerto una spiegazione alternativa a quelle di Lipman e Belkodja. Un portavoce del ministero ha affermato che la Tunisia stava guardando verso i mercati emergenti dell'olio di oliva nel Golfo, ma ha anche rapidamente denunciato le aspirazioni della qualità dell'olio d'oliva tunisino.

pubblicità

"Il Medio Oriente, in particolare il Qatar e l'Arabia Saudita, è considerato tra le zone più attraenti per la Tunisia, in considerazione delle crescenti tendenze dei consumi ", ha affermato il portavoce. "Ciò è senza dubbio dovuto al fatto che gli esportatori di olio d'oliva sono riusciti a far fronte alla sfida della qualità incorporando le ultime innovazioni tecnologiche e lavorando sul marchio ".





Related News