`Il settore del petrolio sfuso si riunirà alla prima fiera mondiale - Olive Oil Times

Bulk Oil Sector si riunirà alla prima fiera mondiale

Febbraio 6, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Gli organizzatori della prima Esposizione mondiale dell'olio alla rinfusa (WBOE) - che si terrà a Madrid il 12 e 13 aprile - sperano che aiuti a dissipare la convinzione diffusa che l'olio d'oliva in bottiglia sia sempre migliore di quello sfuso.

Santiago Botas, amministratore delegato dell'evento, ha dichiarato a EFEAGRO che in questi giorni molti produttori all'ingrosso mirano a fornire qualità, in particolare in mercati di nicchia come quello dell'olio d'oliva biologico. E negli Stati Uniti c'è una tendenza al commercio 'olio sfuso di marca.

Tuttavia, come nel caso del mercato preconfezionato, i produttori all'ingrosso sono afflitti da prezzi bassi. Botas afferma che i potenziali modi per aggiungere valore nel settore delle rinfuse includono la differenziazione in base alla varietà di olive (come l'arbequina o picual), il "terroir "(come nel settore vitivinicolo), caratteristiche del processo di produzione e qualità organolettiche o fisico-chimiche del prodotto sfuso.

Perché concentrarsi sulla massa?

La mostra sull'olio commestibile segue la scia del successo del World Bulk Wine Exhbition (WBWE), la cui quarta edizione si terrà ad Amsterdam dal 19 al 20 dicembre. Entrambi sono organizzati dalla società spagnola Pomona Keepers, che afferma il WBWE "ha alimentato una vera rivoluzione nel settore del vino sfuso ”e ha sollevato il velo su un mercato che era stato molto velato di segretezza. Bulk rappresenta circa un terzo del commercio internazionale di vino.

Nel frattempo, la versione a olio viene commercializzata come nata dalla necessità di creare un luogo di incontro per i commercianti internazionali di oli per la cucina e come una vetrina della qualità e della varietà del settore del petrolio sfuso.

I suoi obiettivi includono contribuire a migliorare la redditività degli oli commestibili venduti sfusi, riunire produttori e acquirenti finali di tutti i principali mercati mondiali, raggiungere una catena di approvvigionamento migliore e più efficiente e aprire nuovi mercati per il petrolio sfuso.

Sebbene riguardi tutti gli oli alimentari, la prima edizione si concentrerà sull'olio d'oliva, afferma Botas.

Commercio all'ingrosso di massa

Secondo il dossier WBOE, la Spagna è di gran lunga il principale fornitore mondiale di olio commestibile sfuso, ma gli altri produttori chiave sono Grecia, Tunisia, Marocco, Siria, Turchia e Argentina.

"L'Italia è il più grande acquirente del mondo. Le importazioni compensano il deficit del mercato interno e vengono anche riesportate come olio in bottiglia nel resto del mondo ", afferma il dossier. Francia e Portogallo sono altri grandi acquirenti.

Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, la massa rappresenta un terzo delle importazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti, il più grande acquirente di olio d'oliva non UE.

EFEAGRO ha recentemente riferito che dell'olio di oliva spagnolo importato in 2011 dalla Cina - sul punto di sostituire gli Stati Uniti come principale acquirente extra UE di olio d'oliva spagnolo - circa il 30 percento era sfuso.

Dice che le principali compagnie spagnole di olio d'oliva sono Hojiblanca, Acesur, Migasa, Oleoestepa, Jaencoop e Borges. Altri importanti operatori sono il portoghese Sovena, Bunge e Cargill in Nord America, gli italiani Pietro Coriccelli, Monini e Farchioni e il commerciante giapponese Itochu.

Sebbene la maggior parte delle esportazioni spagnole di olio d'oliva siano ancora alla rinfusa, il commercio di olio confezionato - in contenitori di meno di 5 litri solitamente commercializzati direttamente a consumatori, ristoranti e negozi gourmet - è raddoppiato negli ultimi cinque anni e la tendenza al rialzo continua.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti