` Caduta delle importazioni mondiali di olio d'oliva - Olive Oil Times

Autunno mondiale delle importazioni di olio d'oliva

Febbraio 10, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

Tristi dati commerciali segnano l'inizio della stagione dell'olio d'oliva 2013/14 con importazioni in calo in tutti i principali mercati, secondo il Consiglio oleicolo internazionale.

I numeri per i primi due mesi del nuovo anno di raccolto - lo scorso ottobre e novembre - mostrano che rispetto agli stessi mesi dell'anno precedente, le importazioni di olio d'oliva e olio di sansa di oliva sono diminuite del 37% in Australia, del 22% in Cina, 19 percento in Brasile, 18 percento in Russia, 12 percento in Canada, 6 percento negli Stati Uniti - il più grande mercato mondiale dell'olio d'oliva - e 1 percento in Giappone.

Il CIO ha detto nel suo Newsletter di gennaio, pubblicato oggi, ha presunto i dati riflessi "il calo della produzione nel 2012-13 perché era troppo presto in ottobre e novembre per poter produrre ed esportare olio d'oliva di nuova stagione. È importante aspettare e vedere cosa dicono le cifre di dicembre 2013 ", ha affermato.

I dati dell'UE erano disponibili solo per ottobre e hanno mostrato un calo del 7% nelle acquisizioni intra-UE e nessun cambiamento nelle importazioni extra-UE.

Nella sua Newsletter di dicembre il CIO aveva riportato i primi dati per l'intero anno per la campagna 2012/13 - da ottobre 2012 a settembre 2013 - che hanno rivelato che le importazioni di olio d'oliva e olio di sansa di oliva erano diminuite del 10% in Australia, dell'8% in Cina e del 6% nel Stati Uniti, ma sono aumentati del 18% in Giappone, dell'8% in Russia e del 5% in Brasile rispetto alla stagione precedente.

La produzione mondiale di olio d'oliva è scesa a 2.4 milioni di tonnellate nel 2012/13 - in gran parte a causa della siccità in Spagna - in calo rispetto a 3.3 milioni di tonnellate della stagione precedente. Le previsioni del CIO per la stagione in corso sono poco meno di 3.1 milioni di tonnellate.

Fonte: Consiglio oleicolo internazionale

Il CIO interroga i bassi prezzi del franco in Spagna

Nel suo sommario dei prezzi alla produzione, il CIO ha affermato che negli ultimi mesi i prezzi alla produzione dell'olio extra vergine di oliva erano in calo in Spagna. Dopo essere scesi a 1.97 € / kg nella seconda settimana di gennaio, sono aumentati leggermente nelle due settimane successive, raggiungendo 2.06 € / kg entro la fine del mese, ma nonostante questa ripresa, "i prezzi erano ancora inferiori del 31% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. "

"A prima vista, questa tendenza sembra rispecchiare la ripresa del livello della produzione spagnola, ma non sembra tenere conto della minore produzione di Grecia e Tunisia, che competono entrambe con l'Italia per il petrolio spagnolo. Si ricorderà che i prezzi hanno iniziato a diminuire nell'aprile 2013 e hanno acquisito slancio al ribasso nel settembre 2013, forse in risposta agli annunci di un buon raccolto nel 2013/14 ", ha detto.

Il cattivo raccolto in Grecia favorisce i prezzi in Italia

Nel frattempo in Italia i prezzi sono scesi fino all'inizio di dicembre scorso, per poi riprendere a salire, raggiungendo a fine gennaio 2.95 € / kg, anche se ancora inferiori del 31 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. "Questo movimento dei prezzi è probabilmente legato al raccolto in Grecia, che sarà piccolo e non farà pressione sui prezzi sul mercato italiano ", ha affermato il CIO.

I prezzi alla produzione in Grecia sono rimasti stabili a 2.46 € / kg dalla metà dello scorso dicembre, con un aumento del 2% rispetto allo stesso periodo della stagione precedente. "Con ogni probabilità, questo livello è in linea con il livello inferiore della produzione greca per il 2013-14. Va notato che a settembre 2013, i prezzi si sono mantenuti a 2.50 € / kg per tre settimane consecutive, probabilmente già riflettendo il calo atteso della produzione nel 2013/14 ", ha detto la newsletter.

Olive da tavola

Le importazioni in ottobre e novembre 2013, i primi due mesi della nuova stagione delle olive da tavola, sono aumentate del 2% negli Stati Uniti ma sono diminuite del 7% in Russia, del 5% ciascuna in Canada e Brasile e dell'1% in Australia. I dati dell'UE per novembre non erano disponibili, ma quelli per ottobre mostravano acquisizioni intra-UE in calo del 14% e importazioni da paesi extra-UE del 5%.


Related News

Feedback / suggerimenti