`Caduta `` preoccupante '' nel commercio mondiale di olio d'oliva - Olive Oil Times

'Worrisome' Fall in World Olive Oil Trade

Marzo 10, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

Le importazioni di olio d'oliva sono in calo in tutti i principali mercati mondiali, una situazione che il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) trova allarmante.

I dati del CIO per i primi tre mesi della stagione dell'olio d'oliva 2013/14 - da ottobre a dicembre 2013 - mostrano il commercio nei due maggiori mercati al di fuori dell'Unione europea (UE), gli Stati Uniti (USA) e il Brasile, sono diminuiti di un decimo lo stesso periodo dell'anno scorso.

E i cali delle importazioni di olio d'oliva e olio di sansa di oliva da parte dei prossimi maggiori acquirenti sono: Giappone 1%, Cina 20%, Canada 8%, Australia 25% e Russia 9%.

Ciò nonostante le previsioni del CIO nelle sue previsioni commerciali alla fine dello scorso novembre, le vendite in questi mercati manterrebbero i loro volumi in questa stagione, tranne nei casi di Stati Uniti, Cina e Australia, dove era prevista una crescita modesta di quasi 0.7, 2.6 e 5.2 rispettivamente .

Secondo l' Newsletter del mercato di febbraio del CIO, le importazioni extra-UE in ottobre e novembre sono diminuite del 14% e le acquisizioni intra-UE sono diminuite del 4% rispetto agli stessi due mesi della stagione precedente. (I dati dell'UE per dicembre 2013 non erano ancora disponibili)

CIO: situazione preoccupante e richiede un attento esame

Il CIO ha preso un po 'di cuore dal fatto che, rispetto a dicembre 2012, le importazioni sono aumentate lo scorso dicembre in Australia, Brasile, Canada e Russia. Tuttavia, il contrario è stato il caso negli Stati Uniti, in Giappone e in Cina, il 1 al mondost, 3rd e 4th maggiori importatori in termini di volume al di fuori dell'UE

Cifre del commercio dell'olio d'oliva e di sansa di oliva dal bollettino di mercato 2014 del Consiglio internazionale delle olive di febbraio

"L'interpretazione immediata è che le forniture disponibili nella nuova stagione non erano a portata di mano per l'esportazione nei primi due mesi del 2013/14 (ottobre e novembre 2013), in particolare in Spagna a causa del suo basso livello di produzione nel 2012/13, ma questo non sembra valido per i dati di dicembre di Cina, Giappone (in misura limitata) e Stati Uniti (dove i dati di novembre erano migliori), che sono tre paesi importatori chiave.

"Questa situazione è preoccupante e richiederà un attento esame delle cifre per gennaio 2014 ", ha affermato il CIO nella sua newsletter.

Commercio mondiale di olive da tavola

Le importazioni di olive da tavola nei primi tre mesi della campagna 2013/14 (ottobre - dicembre 2013) sono aumentate del 4% negli Stati Uniti e dell'1% in Australia, ma sono diminuite del 14% in Canada, dell'11% in Russia e del 9% in Brasile.

I dati dell'UE per dicembre 2013 non erano disponibili, ma nei primi due mesi dell'anno di raccolta delle olive da tavola, le acquisizioni intra-UE sono crollate dell'11% e le importazioni da paesi non UE del 7%.


Related News

Feedback / suggerimenti