I produttori americani hanno vinto il numero record di riconoscimenti

Dopo un anno di successo al NYIOOC, i produttori riflettono su cosa significano per loro i premi e cosa dice la concorrenza sui loro marchi e sulla qualità dell'olio extravergine di oliva americano.

Richard Meisler, San Miguel Olive Farm
Può. 10, 2018
Di Daniel Dawson
Richard Meisler, San Miguel Olive Farm

Notizie recenti

I produttori americani di olio d'oliva hanno ricevuto i premi 75 da quest'anno NYIOOC World Olive Oil Competition (NYIOOC), godendo il loro uscita di maggior successo da quando è iniziata la competizione.

In totale, i produttori hanno ricevuto un premio Best in Class, 42 Gold e 32 Silver con una percentuale di successo del 57%, stabilendo record nelle ultime due categorie. La stragrande maggioranza dei vincitori proveniva dalla California (sebbene anche i produttori del Texas e dell'Oregon abbiano vinto) e hanno convenuto che questa competizione di successo punta all'ascesa fulminea dell'olio extravergine di oliva della California.

Questi premi sono una storia e costituiscono la base per la nostra attività. Il NYIOOC convalida la qualità del nostro prodotto.- Richard Meisler, San Miguel Olive Farm

"Credo che la California sia una forza da non sottovalutare nella produzione di oli extra vergini di oliva di alta qualità ", ha affermato Carrie Baker, responsabile del marchio associato di Round Pond immobiliare, che ha vinto l'unico American Best in Class Award per la sua miscela varietale media italiana.

"Impareremo e coltiveremo ogni raccolto e ci impegneremo costantemente per offrire i migliori oli ”, ha affermato. "Questo è più di un semplice business per noi, è davvero una passione ".
Vedi anche: I migliori oli d'oliva degli Stati Uniti
Per Baker, il premio è il culmine di tenacia, duro lavoro e meticolosa metodologia. Crede che gli sforzi e gli investimenti necessari per produrre un ottimo petrolio siano ripagati.

"Lavoriamo duramente ogni anno per rendere possibile la migliore miscela, ed è così gratificante essere riconosciuti ", ha detto. "Il premio aiuterà sicuramente quando arriva il momento per i nostri clienti di scegliere un olio. "

Richard e Myrna Meisler concordano con Baker sull'influenza che i premi di New York possono avere sul marchio e sull'attività di un produttore. I due sono comproprietari di Fattoria olivicola di San Miguel, che è stato tra i produttori americani di maggior successo della competizione, ricevendo due premi Gold e due Silver.

"[Ci sentiamo] euforici, riconosciuti e apprezzati", ha detto Meisler. “[Questo avrà] un impatto enorme. Questi premi sono storia e pongono le basi per la nostra attività. Il NYIOOC convalida la qualità del nostro prodotto. "

Myrna e Richard Meisler, San Miguel Olive Farm

I produttori vincitori concordano ampiamente sul fatto che fare bene alla concorrenza abbia contribuito notevolmente all'ottica del marchio. Tuttavia, in termini di aumento delle vendite, Greg Traynor di Ranch 43, ha affermato che i premi Best in Class spostano maggiormente l'ago.

"I riconoscimenti aiutano sempre a vendere prodotti e utilizziamo qualsiasi feedback che riceviamo come parte della nostra base di conoscenza quando pianifichiamo l'agricoltura, la raccolta e la macinazione il prossimo anno ", ha dichiarato Traynor.

Nel suo primo anno di concorso, Ranch 43 ha portato a casa un premio Gold e uno Silver.

I produttori americani hanno ricevuto solo un premio Best in Class quest'anno, che era migliore rispetto allo scorso anno, ma non buono come 2014 o 2016.

Anche così, Phil Asquith del Ojai Olive Oil Company, rileva che la qualità dell'olio extra vergine di oliva californiano è in aumento. L'operazione di terza generazione e di proprietà familiare è entrata nel NYIOOC ogni anno tranne uno

"Penso che gli oli extra vergini di oliva negli Stati Uniti stiano decisamente migliorando. Sempre più piccoli coltivatori si uniscono al campo ogni anno, spingendo tutti a migliorare i propri oli ”, ha affermato. "Stiamo anche migliorando in quello che facciamo con la pratica, poiché il nostro settore è ancora abbastanza nuovo qui. ”

Ojai ha vinto tre premi Silver, anche se Asquith pensa che avrebbero potuto fare di meglio. Complessivamente, Ojai ha vinto 12 premi Gold e Silver dall'inizio della competizione, ma non ha visto queste cifre tradursi direttamente in un aumento delle vendite. "Ma nel corso del tempo sono sicuro che sarà di aiuto ”. Mentre Ojai cerca di crescere, Asquith crede che i riconoscimenti costruiscano la credibilità dell'azienda.

Phil Asquith, Ojai Olive Oil Co.

"Man mano che diventiamo un marchio più grande e prendiamo in considerazione i rapporti di distribuzione, è probabile che questo contribuisca alla nostra credibilità ", ha affermato.

Ann Sievers, del Azienda Agricola Il Fiorello, ha affermato che i premi generano opportunità per titoli e vendite positivi. Quest'anno Il Fiorello ha vinto tre premi d'oro e uno d'argento. La società è entrata ogni NYIOOC e in precedenza ha vinto cinque premi d'oro.

L'anno record per Il Fiorello non è stato l'unico per i produttori americani. Gli oli americani hanno avuto una percentuale di successo (premi / iscrizioni) del 57 percento. Questo è stato di gran lunga il livello più alto di qualsiasi anno alla competizione ed era a cinque punti sia dalla Spagna che dall'Italia. Sievers ha notato che questo indicava quanto sia diventato competitivo l'olio extravergine di oliva americano.

pubblicità

"Certo ", ha detto, "Gli oli d'oliva americani stanno vincendo tanto quanto altri paesi come percentuale della produzione ".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti