` Ottavo 'Olio Capitale' al termine - Olive Oil Times

L'ottavo "Olio Capitale" disegna per chiudere

Marzo 25, 2014
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Dopo quattro giorni pieni di visitatori, il centro espositivo Stazione Marittima di Trieste è tornato tranquillo. L'8th l'edizione di Olio Capitale era giunta al termine. Con un ricco programma di eventi e degustazioni e 306 espositori, Olio Capitale è l'unica fiera italiana dedicata alla promozione dell'olio extravergine di oliva, e ha richiamato a Trieste buyer stranieri oltre a giornalisti, degustatori, ristoratori e famiglie.

Gli organizzatori sono stati abbastanza soddisfatti dei risultati di quest'anno che hanno visto un record di presenze. Secondo le loro cifre, circa 10,600 persone hanno visitato la fiera durante i suoi quattro giorni. Molti erano ristoratori e albergatori della vicina Austria e uomini d'affari provenienti dal Giappone. Ma un pubblico variegato ha seguito le degustazioni e le dimostrazioni culinarie tenutesi durante la fiera.

"Olio Capitale continua a crescere anno dopo anno, ottenendo non solo l'approvazione del pubblico ma anche quella degli espositori e dei compratori stranieri ”, ha affermato Antonio Paoletti, presidente della Camera di commercio locale. "Partecipando a Olio Capitale, i produttori hanno la possibilità di avvicinarsi al mercato globale entrando in contatto diretto con gli acquirenti provenienti da tutto il mondo. Inoltre, quest'anno Olio Capitale ha rappresentato un altro, importante filo conduttore della difesa della qualità degli oli extravergine di oliva italiani, dopo il dibattito scatenato dal New York Times. Inoltre, non dovremmo sottovalutare lo spin-off economico positivo che la fiera genera per Trieste grazie all'elevato numero di visitatori. ”

Secondo Enrico Lupi, il presidente nazionale del Città dell'Olio Associazione (che 8 anni fa ha contribuito a dare il via alla mostra e che ancora oggi fornisce un contributo essenziale all'organizzazione culturale dell'evento) il punto di svolta per il successo è stato lo spostamento della fiera dalla sede originaria alla periferia di Trieste alla Stazione Marittima, a destra nel centro della città, due anni fa.

Enrico Lupi e Antonio Balenzano, per Citta 'dell'Olio

"Ho tenuto d'occhio questa meravigliosa iniziativa dell'Osservatorio europeo ", ha detto Debora Seracchiani, eurodeputata impegnata nei trasporti e nel turismo, intervenendo alla cerimonia di chiusura -  "Olio Capitale è sicuramente in linea con le nuove linee guida europee che riconoscono i prodotti naturali e i prodotti di eccellenza come prima scelta per gli investimenti per il turismo europeo ".

I quattociocchi

L'Expo è stata un'ottima occasione per apprezzare l'ampio e ricco patrimonio di olio extra vergine di oliva italiano, che presenta diversi prodotti e varietà. Queste vanno dalle regioni settentrionali come il Friuli Venezia Giulia - dove si trova Olio Capitale e dove la cultivar Bianchera dà risultati molto interessanti nonostante quantità minori, al profondo sud dell'Italia dove viene prodotta la stragrande maggioranza dell'olio d'oliva italiano. Durante la fiera, abbiamo potuto assaggiarne molti e ascoltare le impressioni degli espositori.

All'accogliente stand della provincia di Frosinone, zona ideale per l'olivicoltura nel Lazio, abbiamo incontrato il premiato Amerigo Quattrociocchi. E 'un vero toccasana con i suoi ottimi prodotti come l'Olivastro dal profumo intenso di pomodoro a base di olive Itrana, e il Moraiolo fieramente amaro e pungente, con il quale ha ottenuto il degno risultato di due medaglie d'oro lo scorso anno NYIOOC. Accanto a lui c'erano altri produttori e prodotti locali come la varietà meno conosciuta Marina, che cresce solo in una piccola area della valle di Comino. Questa vecchia varietà di "ulivi di montagna ”- uliveti situati a oltre 700 metri di altitudine - è stato riscoperto da un piccolo gruppo di produttori e coltivatori locali guidati dalla risoluta e simpatica Valentina Franco. A giudicare dall'olio che abbiamo potuto assaggiare da lei, sembra essere una varietà su cui puntare.

I proprietari di pluripremiati "OlioCru "

Nicola Peroni, proprietario di Oliocru vicino al lago di Garda, la sua partecipazione alla fiera per la prima volta quest'anno è stata abbastanza soddisfacente. "Questo è un evento molto interessante e fruttuoso ”, ha detto. "Sono stato in grado di incontrare molti acquirenti internazionali, e anche molti proprietari di ristoranti che sono il mercato ideale per i nostri oli ”. La sua produzione comprende diversi oli extra vergini, sia di olive dure che intere, e di diverse varietà che crescono sia nel Nord che nel Sud Italia come Frantoio, Casaliva, Leccino, Pendolino, Coratina, Peranzana e Cassanese. Ha mostrato con orgoglio i suoi premi e riconoscimenti, tra cui il NYIOOC Trofeo medaglia d'oro. "La concorrenza e le guide sono essenziali per noi. Per i produttori italiani, i riconoscimenti internazionali sono ancora più importanti in quanto considerati più affidabili dal pubblico locale ".

Proprio accanto al suo stand, Marina Colonna dal Molise (Centro Italia) ci ha fatto un'affermazione diversa: "Ho potuto vendere tutti i miei prodotti al grande pubblico composto da famiglie e privati. Se avessi portato più cose avrei comunque esaurito. Ma io sono qui principalmente per gli acquirenti stranieri, perché il mercato italiano non è disposto a pagare abbastanza per oli di alta qualità: dobbiamo venderli all'estero ". Lady Colonna, erede di un'antica e nobile famiglia romana, possiede una splendida tenuta nei pressi di San Martino in Pensilis dove coltiva molte varietà diverse da tutta Italia e dai paesi limitrofi, formando un'impressionante collezione di biodiversità dell'olivo.

Gaetano Avallone

In pugliese Podere Montedoro stand, abbiamo incontrato una vecchia conoscenza: Gaetano Avallone, panel leader, assaggiatore esperto e consulente di produzione. "Lavoro con diverse compagnie ”ci ha detto "Ma quando ho conosciuto Sabino Leone, il titolare di Don Gioacchino, ho subito sentito di condividere la stessa visione. Vogliamo promuovere e dare il giusto valore alle varietà più interessanti che crescono nel territorio barese, sia le più che le meno conosciute. Il nostro scopo è quello di ottenere un eccellente olio extravergine di oliva dalle olive Coratina, che sono state utilizzate troppo a lungo esclusivamente per dare un carattere più forte ad altre varietà più mite. Intendiamo inoltre produrre dell'ottimo extravergine da altre varietà minori come Nociara o Peranzana, coltivate nell'ampia tenuta di famiglia. E vogliamo anche dimostrare che qualità e quantità possono andare d'accordo se ben gestite, concentrandoci rigorosamente sul senso di orgoglio, nobiltà e appartenenza che sentiamo profondamente ". A giudicare dai nostri gusti l'obiettivo è stato meravigliosamente raggiunto. I diversi premi raccolti in soli due anni da quando la consulenza di Avallone ha iniziato certamente la testimonianza di questo risultato.

Frantoio Librandi, azienda agricola e frantoio calabrese a conduzione familiare, ci fa assaggiare il loro fantastico extravergine di Nocellara Iblea (un nuovo arrivato accanto agli altri oli extravergine di oliva monocultivar ottenuti da Nocellara del Belice, Frantoio e Carolea) con la deliziosa marmellata di arance che realizzato utilizzando il frutto che cresce nella tenuta di famiglia: vale la pena provarlo.

La Sicilia ha presentato una serie di eccellenti oli extra vergini provenienti da diverse parti dell'isola. Il terreno fertile che circonda il vulcano Etna dà vita alla varietà locale Nocellara Etnea, che abbiamo potuto degustare sia nell'elegante ed intenso extravergine Le Sciare (dove si fonde anche con olive Tonda Iblea e Biancolilla) del Frantoio Romano di Bronte, e nella DOP Monte Etna prodotta da Pasquale Consoli ad Adrano. Al suo stand, quest'ultimo non solo ha sapientemente mostrato tutti i premi e riconoscimenti che ha ottenuto, ma anche alcuni materiali promozionali molto utili incentrati sull'istruzione e la divulgazione del "vero "e "false "convinzioni su extra vergine. "È molto importante insegnare alle persone come riconoscere e apprezzare un buon olio, spiegando che un olio pungente è buono, che la bottiglia di vetro trasparente non è un buon modo per conservarlo e così via ”ha detto. Non potremmo essere più d'accordo.

Giuseppe di Vincenzo di Mandranova

All'angolo opposto della Sicilia, vicino ad Agrigento, il Tenuta Mandranova è un resort accogliente e tranquillo dove, unendo le conoscenze tradizionali a metodi moderni, Giuseppe di Vincenzo produce straordinari oli extravergine di oliva dalle varietà locali Biancolilla, Cerasuola, Giarraffa e Nocellara (che ha ottenuto un oro nel 2013 NYIOOC). "Sono venuto qui a Olio Capitale per la prima volta quest'anno, perché è l'unica fiera interamente dedicata all'extra vergine ”, ha affermato. "Ovviamente dovresti aspettare almeno due o tre anni prima di giudicare se funziona o meno, ma sono abbastanza soddisfatto di questa edizione. Ho potuto incontrare tante persone, questo è sempre un bene, anche se per noi il modo migliore per promuovere e vendere i nostri oli è accogliere le persone nella nostra azienda agricola e mostrare loro da dove sono nate ”.

Nell'ultimo giorno dell'evento sono stati annunciati i vincitori del concorso Olio Capitale. Gli oli (il 20 per cento dei quali provenienti dall'estero, in particolare da Spagna, Portogallo, Grecia e Israele, mentre i restanti campioni provenivano dall'Italia) sono stati giudicati in fase di preselezione da una giuria professionale, e poi durante la manifestazione da altri tre panel - assaggiatori professionisti, chef e ristoratori - e a "giuria popolare ”composta da visitatori ordinari. La Toscana si è aggiudicata la corona di quest'anno con un totale di 6 oli su 15 finalisti, ma è stata la Puglia ad aggiudicarsi la maggior parte delle vincite, prendendo 4 dei 7 premi assegnati.

Per i risultati completi visitare il Sito Web di Olio Capitale.


Related News

Feedback / suggerimenti