`In Argentina, una spinta per rendere l'olio d'oliva un `` cibo nazionale '' - Olive Oil Times

In Argentina, una spinta per fare l'olio d'oliva un "cibo nazionale"

Ottobre 14, 2012
Charlie Higgins

Notizie recenti

L'Argentina è stata a lungo uno dei principali paesi produttori di olio d'oliva dell'America Latina, con oltre 30 milioni di dollari di esportazioni registrate durante il solo primo trimestre del 2011. Ma nonostante i forti numeri all'estero, il consumo interno rimane irrisorio in confronto. La media argentina consuma solo 125 grammi all'anno, secondo Il Sole.

I rappresentanti del settore nella provincia nord-occidentale di La Rioja stanno ora cercando di cambiarlo con lo sforzo di mettere più bottiglie di olio d'oliva sui tavoli da pranzo argentini attraverso lo spettro socioeconomico.

Un nuovo progetto di legge presentato dal deputato del Kirchnerist Javier Tineo mira a "migliorare la diffusione "dell'olio d'oliva e aumentarne il consumo e la produzione a livello nazionale. Il disegno di legge propone di etichettare l'olio d'oliva a "cibo nazionale ", per unirsi ai ranghi della carne bovina, caramella fondente, torte e altri alimenti che si trovano praticamente in ogni famiglia argentina.


Javier Tineo

Più che altro, l'iniziativa mirerebbe a cambiare la percezione dell'olio d'oliva in una cultura che generalmente lo vede come un prodotto d'élite consumato solo dai ricchi. I sostenitori del disegno di legge affermano che una campagna efficace aumenterebbe i consumi e contribuirebbe a stimolare le economie regionali.

Di recente, il mercato ha subito pressioni per incrementare le vendite interne a causa delle crescenti restrizioni all'esportazione, in particolare al suo principale acquirente in Brasile. Il crollo dei prezzi internazionali e l'aumento dei costi di produzione hanno solo aggiunto problemi.

"A causa delle crisi successive, gli investimenti nel settore sono rallentati e molte aziende agricole hanno smesso di espandersi per motivi finanziari, bassa competitività e bassi prezzi a livello internazionale, il che ha eroso la redditività integrale dei progetti di investimento ", ha affermato Tineo.

Il piano, ha aggiunto Tineo, "deve essere accompagnato da politiche pubbliche che incoraggino sia la produzione primaria che l'industrializzazione delle olive nelle loro due varianti principali: olio da tavola (o olive conservate) e olio d'oliva ".



Related News

Feedback / suggerimenti