Le superfici di preparazione del rivestimento per alimenti con olio da cucina possono prevenire la contaminazione incrociata

Secondo una ricercatrice, la nuova scoperta potrebbe avere numerose applicazioni che rendono la lavorazione e la preparazione degli alimenti più sicura ed economica.

Agosto 9, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Secondo una nuova ricerca pubblicata nel Journal of Applied Materials and Interfaces, l'applicazione di un sottile strato di olio da cucina, come l'olio d'oliva, agli strumenti per la lavorazione degli alimenti in acciaio inossidabile può scoraggiare la crescita dei batteri.

L'olio da cucina lo fa riempiendo microscopiche fessure e crepe sulla superficie del vaso che altrimenti potrebbero essere contaminate da batteri e residui di cibo rimasto.

Il rivestimento di una superficie in acciaio inossidabile con un olio da cucina quotidiano si è dimostrato straordinariamente efficace nel respingere i batteri.- Ben Hatton, Università di Toronto

"Il rivestimento di una superficie in acciaio inossidabile con un olio da cucina quotidiano si è dimostrato straordinariamente efficace nel respingere i batteri ", ha affermato Ben Hatton, uno degli autori del documento e professore presso l'Università di Toronto.

"L'olio riempie le fessure, crea uno strato idrofobo e funge da barriera alla contaminazione sulla superficie ".

Hatton ha detto Olive Oil Times che la ricerca è iniziata quando Agri-Neo, un'azienda canadese produttrice di sementi, si è avvicinata a lui e gli ha chiesto come prevenire la contaminazione incrociata nelle loro apparecchiature per la lavorazione dei semi.

"Quindi descrivevano questo problema di contaminazione. I batteri si attaccano alla superficie in acciaio inossidabile utilizzata per la miscelazione ", ha detto. "Hanno sempre dovuto ripulirlo e assicurarsi che non ci fossero più contaminazioni batteriche, quindi abbiamo deciso di provare ad applicare questa idea di Harvard. "

Hatton aveva precedentemente lavorato su come rendere le superfici scivolose e non adesive all'Università di Harvard intrappolando il lubrificante liquido su una superficie solida, tuttavia, non si era mai concentrato specificamente su questa operazione per le superfici di lavorazione degli alimenti.

"Quello che abbiamo fatto qui è stato quello di concentrarci sui liquidi lubrificanti che sono sicuri per il cibo perché hai bisogno di qualcosa che possa mescolarsi con il cibo e non sarà tossico o cambierà le qualità del cibo ", ha detto.

"Dovevamo anche essere super economici perché, ovviamente, è un settore che deve contenere i costi, quindi è per questo che ci siamo concentrati sugli oli da cucina. Perché ovviamente, è sicuro per il cibo e poco costoso. E l'olio d'oliva rientra sicuramente in quella categoria. "

Il processo funziona rivestendo prima la superficie con una sostanza chimica sicura per gli alimenti chiamata alchil fosfato. Quando mescolato con oli da cucina, forma una catena oleosa lungo la superficie del metallo.

"Quella sostanza chimica aiuta a intrappolare l'olio in uno strato molto sottile ", ha detto Hatton. "Se non ce l'hai, l'olio semplicemente rotola via. "

La catena oleosa forma un microfilm che copre le crepe e le fessure microscopiche nell'acciaio inossidabile, che sono molto difficili da pulire senza l'uso di prodotti chimici aggressivi e astringenti ed è spesso dove crescono i batteri.

A causa di quanto sottile deve essere lo strato di olio, è necessario solo un tappo, il che rende il processo molto efficiente in termini di costi.

"Non è molto perché la quantità di petrolio di cui stiamo parlando è molto ridotta ", ha detto Hatton. "Quando mettiamo l'olio per la prima volta, probabilmente è dell'ordine di circa 50 micrometri di spessore, circa lo stesso spessore di un pezzo di carta ".

Gran parte della ricerca si è concentrata su ciò che è accaduto a questa catena oleosa dopo aver pulito la superficie in acciaio inossidabile. I ricercatori hanno scoperto che anche se la maggior parte del petrolio è stata spazzata via, una parte è rimasta per bloccare graffi e fessure.

"Anche se rimuovi la maggior parte dell'olio [durante la pulizia della superficie], c'è un po 'che rimane bloccato in quelle scanalature e graffi ", ha detto Hatton. "E questa è la parte più importante in realtà perché quell'olio residuo blocca quei siti da batteri e cibo che entrano lì. ”

Hatton ha detto che finora questa ricerca è solo nelle prime fasi e spera di collaborare con i membri dell'industria dell'olio da cucina per indagare ulteriormente sulla sua ipotesi e vedere se c'è qualche differenza tra i vari oli da cucina.

Tuttavia, ritiene già che ci siano numerose applicazioni per questa ricerca nell'industria alimentare, inclusa la prevenzione della contaminazione incrociata in grandi impianti di confezionamento alimentare e cucine industriali.

"Penso che la differenza nel nostro lavoro sia che sia super semplice. Non stiamo davvero cambiando la superficie dell'acciaio, stiamo aggiungendo quella molecola alla superficie, ma questo è l'unico cambiamento che stiamo facendo ”, ha detto Hatton. "Penso che quel tipo di pensiero possa funzionare per altre cose nell'industria alimentare, assolutamente, l'imballaggio per alimenti. ”

"Evitare che i batteri si attacchino alla superficie è davvero fondamentale ", ha aggiunto. "Uccidere i batteri è un modo per farlo, ma se riesci a impedirgli di attaccarsi è in realtà altrettanto importante. "





Related News

Feedback / suggerimenti