`Spanish Food Giant Grupo SOS cambia nome in Deoleo - Olive Oil Times

Spanish Food Giant Grupo SOS cambia nome in Deoleo

Giu. 27, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Il gigante alimentare spagnolo Grupo SOS, leader mondiale nelle vendite di olio d'oliva, questo mese ha svelato la sua immagine aziendale con il nuovo nome commerciale di Deoleo.

Un cambio di nome è stata una delle condizioni della vendita - ratificata questo mese - della divisione del riso in Ebro Foods per 205 milioni di euro (290 milioni di dollari). Il conglomerato ora prevede di concentrarsi sull'olio d'oliva e spera che il suo nuovo nome lo trasmetta "valori e cultura ”di quel settore.

L'ex nome ombrello del gruppo SOS (pronunciato "sohs”) Ha avuto origine nell'omonimo marchio spagnolo di riso spagnolo. Deoleo - che potrebbe essere tradotto come di, o da, olio - intende riflettere il suo nuovo obiettivo. Il nome è stato scelto prima di altre quattro proposte perché era considerato piacevole, facile da pronunciare in qualsiasi paese e vicino alle radici latine dell'olio d'oliva.

Deoleo comprenderà tutti i tipi di prodotti alimentari ma si concentrerà sulla dieta mediterranea e in particolare sull'olio d'oliva. Possiede già importanti marchi di olio d'oliva tra cui i leader mondiali Carbonell (lanciato di recente in Polonia e Thailandia) e Bertolli (lanciato di recente in Polonia e Ucraina), e anche Carapelli, Koipe e Sasso.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Secondo Allbusiness.com, il gruppo ha un piano a lungo termine per aumentare la produzione di olive attraverso investimenti in nuove regioni di coltivazione al di fuori dell'Europa ed è "ben posizionato per trarre vantaggio dalla crescita del consumo globale di olio d'oliva in linea con una maggiore consapevolezza della salute ".

La vendita dell'unità di riso dovrebbe dare all'azienda una base finanziaria più solida ma mantiene ancora un debito elevato (da un miliardo a 887 milioni di euro, a marzo, dopo il rifinanziamento dello scorso anno). Allbusiness dice anche che l'anno scorso "lo scandalo delle azioni da regista ha danneggiato la fiducia degli investitori ”, afferma il gruppo "visto come un possibile target di acquisizione ”da imprese in posizione finanziaria più forte e "opera in settori minacciati dalla crescente popolarità dei prodotti a marchio privato. "

Il cambio di nome segna una delle prime grandi decisioni prese da Jaime Carbó, ex amministratore delegato di Ebro, da quando è diventato direttore generale a gennaio e arriva dopo che il gruppo ha realizzato il suo primo utile trimestrale in tre anni con un utile netto di 8.14 milioni di euro per il primo trimestre di quest'anno.

SOS ha ridotto la sua forza lavoro del 47% negli ultimi due anni, fino a 1531 dipendenti e seguiranno ulteriori tagli ai costi.

Il presidente di SOS Mariano Pérez Claver ha dichiarato agli azionisti in una riunione all'inizio di questo mese che l'attuale focus del gruppo era la crescita nel suo business dell'olio d'oliva. "L'azienda è sopravvissuta a un traumatico processo di stabilizzazione finanziaria che ci ha obbligato a reimmettere capitali, semplificare la nostra struttura organizzativa e cedere una delle nostre attività, quella del riso, che in un'altra situazione avremmo mantenuto ”, ha detto.

Nel frattempo, secondo il quotidiano spagnolo Cinco Días, Ebro Foods, che detiene già una partecipazione del 9.33% in Deoleo e due posti in sala riunioni, è in attesa dei dettagli del nuovo piano aziendale di Deoleo in vista di una fusione con esso. Ebro Foods rimane anche desiderosa di prendere piede in Australia o in Asia dopo che la sua offerta di 610 milioni di AUD ($ 640 milioni) per acquistare il gruppo australiano SunRice è stata sventata dai coltivatori all'ultimo minuto il mese scorso.

Related News

Feedback / suggerimenti