I benefici per la salute dell'olio di cocco: fatti e finzione

Una meta-analisi di 16 studi clinici ha rilevato che il consumo di olio di cocco ha aumentato i livelli di colesterolo sia LDL che HDL rispetto ad altri oli vegetali non tropicali.

Una piantagione di palme in Asia orientale.
Settembre 16, 2021
Di Daniel Dawson
Una piantagione di palme in Asia orientale.

Notizie recenti

L'olio di cocco ha acquisito una certa mistica negli ultimi decenni.

Una rapida ricerca online farebbe credere che l'olio commestibile estratto dallo stoppino, la carne e il latte del frutto della palma da cocco possano fare tutto. Il suo consumo è pubblicizzato come una soluzione miracolosa per la perdita di peso, un modo per abbassare il colesterolo, un afrodisiaco e persino una cura per Il morbo di Alzheimer.

In effetti, l'olio di cocco gode del sostegno di culto dei suoi fan, tanto che quando l'American Heart Association ammonito che il consumo eccessivo di olio di cocco rappresenta un rischio maggiore del consumo di strutto per il cuore, l'online la furia era palpabile.

Vedi anche: Nozioni di base sull'olio d'oliva

"L'industria del cocco - o qualche altra industria - sta promuovendo l'olio di cocco", ha affermato Frank Sacks, l'autore principale di tale consulenza e un malattia cardiovascolare ricerca sulla prevenzione al Harvard TH Chan School of Public Health. "Le persone sono ingenue e ascolteranno la pubblicità, soprattutto quando si tratta di alimenti".

Come per molte cose nella vita che sembrano troppo belle per essere vere, ci sono alcune clausole e limitazioni ai benefici forniti dal consumo di olio di cocco.

Composizione dell'olio di cocco

Per sfatare i miti e la disinformazione che abbondano sul prodotto, è utile prima capire che cos'è effettivamente l'olio di cocco.

A differenza dell'olio d'oliva o di altri oli vegetali, l'olio di cocco è solitamente solido a temperatura ambiente. Questo perché comprende principalmente grassi saturi, circa l'87 percento, per l'esattezza. A titolo di confronto, il burro è solo il 63% di grassi saturi e l'olio extra vergine di oliva è solo il 14% di grassi saturi.

Il consumo di grassi saturi aumenta le concentrazioni di colesterolo plasmatico delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL). Alti livelli di colesterolo LDL sono ampiamente collegato all'aterosclerosi poiché il colesterolo LDL deposita parte del suo carico di colesterolo sulla parete arteriosa mentre viaggia attraverso il flusso sanguigno, causando infiammazione e, nei casi peggiori, ostruzione delle arterie.

Vedi anche: Health News

Al contrario, uno studio del 2015 dell'Università della California-Davis Olive Center ha scoperto che consumare 20 grammi, 1.5 cucchiai, di olio extra vergine di oliva ogni giorno per almeno sei settimane può abbassare la concentrazione di colesterolo LDL nel sangue.

Tuttavia, i sostenitori dell'olio di cocco tendono a trascurare il suo contenuto di colesterolo LDL e sottolineano che il suo consumo aumenta il colesterolo delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), che è stato a lungo pensato per proteggere dalle malattie cardiache.

L'evidenza di questa affermazione è tutt'altro che conclusiva. Gli studi clinici con farmaci che aumentano l'HDL non sono stati in grado di dimostrare un chiaro legame tra tassi più elevati di colesterolo HDL nel sangue e minori casi di malattie cardiovascolari.

"Non è noto quali alimenti o sostanze nutritive che aumentano il colesterolo HDL lo facciano in modo tale da ridurre l'aterosclerosi e gli eventi coronarici", ha affermato Sacks.

A causa dei suoi alti livelli di grassi saturi, l'olio di cocco è anche un alimento ricco di calorie, fornendo 117 chilocalorie per cucchiaio, che è più del burro o dello strutto.

Inoltre, l'olio di cocco non contiene colesterolo o fibre, fornendo solo tracce di vitamine, minerali e steroli vegetali, che bloccano l'assorbimento del colesterolo nel corpo.

Miti sul marketing dell'olio di cocco

I video di YouTube prodotti in modo impeccabile e gli articoli apparentemente autorevoli che si diffondono online con titoli accattivanti clickbait che affrontano il contenuto di colesterolo LDL dell'olio di cocco sosterranno spesso che questo non ha importanza a causa del contenuto di acido laurico dell'olio di cocco.

I guru dell'olio di cocco sostengono che l'acido laurico è un acido grasso saturo a catena corta. Questi acidi grassi a catena corta sono più solubili in acqua degli acidi grassi a catena più lunga. Non si attaccano alle pareti arteriose e hanno un impatto abbastanza trascurabile sulla produzione di colesterolo LDL.

Vedi anche: Passare dall'olio di cocco all'olio d'oliva può essere buono per il tuo cuore

Composto dal 47 percento di acido laurico, l'olio di cocco ha effettivamente una pluralità di questo acido grasso saturo. Tuttavia, gli esperti sostengono che chiamare l'acido laurico un acido grasso a catena corta è un termine improprio.

Composto da 12 atomi di carbonio, l'acido laurico si adatterebbe tecnicamente alla definizione di acido grasso a catena media, che è anche abbastanza solubile in acqua e ha un effetto molto più limitato sulla creazione di colesterolo LDL.

Tuttavia, l'acido laurico in realtà si comporta più come un acido grasso saturo a catena lunga poiché è confezionato in chilomicroni nel sangue, un meccanismo che aumenta il colesterolo LDL facendo circolare la catena degli acidi grassi molto più a lungo rispetto agli acidi grassi a catena più corta.

nozioni-di-cucina-con-l'olio-d'oliva-notizie-per-la-salute-i-benefici-per-la-salute-dell'olio-di-cocco-fatti-e-narrativa-tempi-dell'olio-d'oliva

A meta-analisi di 16 studi clinici hanno scoperto che il consumo di olio di cocco ha aumentato i livelli di colesterolo sia LDL che HDL rispetto ad altri oli vegetali non tropicali.

Il colesterolo LDL è aumentato di 10 punti, mentre il colesterolo HDL è aumentato di quattro punti. Solo il consumo di olio di palma ha aumentato il colesterolo più dell'olio di cocco. La meta-analisi ha inoltre concluso che il consumo di olio di cocco non ha effetti significativi sul peso corporeo o sulla percentuale di grasso corporeo, rispetto ad altri oli vegetali.

Attenzione alla scienza sospetta

È interessante notare che molte delle affermazioni sulla salute dei guru dell'olio di cocco secondo cui gli effetti salutari per il cuore, ipocolesterolemizzanti e di fornitura di energia del prodotto si basano su uno studio.

Tuttavia, ciò che spesso trascurano di menzionare è che questi risultati hanno esaminato una formazione specifica di olio di cocco composta al 100% da trigliceridi a catena media invece di acido laurico e gli altri acidi grassi saturi primari - acido miristico (18%), acido palmitico (9 percento) e acido caprilico (7 percento).

I trigliceridi a catena media in questa iterazione dell'olio di cocco significavano che la maggior parte dei grassi saturi veniva assorbita nel sangue invece di essere immagazzinata nei chilomicroni. Dopo la digestione, i trigliceridi a catena media viaggiano verso il fegato dove vengono utilizzati per produrre energia.

Questa formulazione di olio di cocco non è venduta commercialmente. In effetti, la maggior parte dell'olio di cocco disponibile in commercio comprende solo il -% di trigliceridi a catena media.

Diversi tipi di olio di cocco

Proprio come l'olio d'oliva – ea differenza della maggior parte degli altri oli vegetali – ci sono alcuni modi per produrre olio di cocco.

L'olio di cocco può essere prodotto premendo la polpa di cocco fresca o la polpa di cocco secca.

Quando viene preparato utilizzando polpa di cocco fresca, il risultato è una miscela di latte di cocco e olio. Il latte viene separato dall'olio tramite fermentazione, centrifugazione o mediante l'utilizzo di fermenti e il prodotto che ne deriva è olio di cocco vergine o extra vergine.

A differenza dell'olio d'oliva, questi termini non sono regolati da alcun governo o agenzia e sono sinonimi.

L'olio di cocco raffinato è ottenuto dalla polpa di cocco secca, nota anche come copra, che viene pressata per rilasciare l'olio. L'olio viene quindi raffinato in modo simile alla maggior parte degli altri oli di semi e deodorato prima che possa essere consumato in sicurezza.

Inoltre, uno di questi oli di cocco può essere parzialmente idrogenato, un processo in cui vengono aggiunti atomi di idrogeno ai grassi insaturi nell'olio. Questo processo aumenta la durata di conservazione del prodotto

Consumare olio di cocco con moderazione come parte di una dieta sana

Sebbene l'olio di cocco sia tutt'altro che un superalimento, non c'è problema a gustarlo in quantità moderate come parte di una dieta sana.

L'olio di cocco funge da eccellente sostituto del burro durante la cottura di prodotti vegani. L'uso di piccole quantità di olio di cocco vergine aggiunge anche un sottile sapore di cocco a verdure saltate, salse e curry.

Anche l'olio di cocco è un idratante efficace per pelle e capelli. Massaggiare piccole quantità direttamente sulla pelle o sui capelli e lasciarlo in posa per il tempo desiderato prima di risciacquare.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti