`Olivicoltori accidentali - Olive Oil Times

Agricoltori di oliva accidentale

Agosto 9, 2010
John Dunn

Notizie recenti

Nel 1978, un motociclista magro vestito di pelle si aggirava per il pavimento della mensa di Havelock House, una residenza universitaria di Newcastle. Marcus Milton aveva interrotto temporaneamente il suo rapporto con l'Università (codice per alzare gli esami) e mostrava le sue prime tendenze imprenditoriali parlando a modo suo di pasti e vitto gratuiti da uno studente ingenuo e ignaro del primo anno (codice per me).

Da questi inizi nefasti attraverso il dispaccio, l'autrice di libri per computer e la scrittura di annunci per Triumph Motorcycles (Marcus) e l'estrazione del carbone, il giro del mondo in bicicletta e il saccheggio dei mercati esotici nell'Estremo Oriente (io), una vita di amicizia ci trovò 30 anni dopo in pantaloncini e magliette in un caldo torrido di metà novembre, bevendo Retsina e raccogliendo olive da alberi abbondanti nei nostri uliveti nella parte occidentale di Creta. La ragione? Adesso lo siamo 'Olivicoltori accidentali '.

Devo rendere merito a Marcus e sua moglie Kirsty per la posizione invidiabile in cui ci siamo trovati. Se non per la loro decisione, circa 10 anni fa, di abbandonare l'esistenza della pentola a pressione di gestire la loro agenzia pubblicitaria di successo per il piacere comparativo di possedere la metà il Peak District (beh, comunque un paio di grandi case per le vacanze), mi farei comunque strada in Asia vendendo apparecchiature a semiconduttori invece di fare un pranzo rilassante a base di pane fresco e feta circondato dai suddetti alberi all'ombra del bellissimo White Montagne di Creta.

Nel 2004, Marcus e Kirsty avevano deciso di espandere la loro attività di case vacanza nel Regno Unito all'estero e Creta era la loro scelta del luogo. Non sono sicuro del motivo per cui hanno chiesto a me e mia moglie Tina di unirci all'iniziativa, mi piace pensare che fosse la mia rinomata abilità imprenditoriale e il mio talento imprenditoriale e la cucina di Tina, ma probabilmente erano a corto di pochi sterline. Dopo avermi risucchiato da un piatto di patatine nel 1978, Marcus pensava che non avrebbe avuto problemi a risucchiarmi da pochi mila nel 2004.

All'inizio l'olio d'oliva era la cosa più lontana dalla nostra mente: troviamo un bel pezzo di terra, compriamo il terreno, costruiamo delle belle ville e Babis è tuo zio.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Ora avevamo quattro bellissime ville in affitto più una quinta che tenevamo private per noi stessi. Ognuno con la propria piscina, immerso in un uliveto con spettacolari montagne che li circondano e il mare Mediterraneo a pochi passi lungo la strada. Un paradiso per le vacanze ora popolato da ospiti rilassati e soddisfatti, che si godono un piccolo angolo di paradiso che abbiamo creato per loro.

Le cose andavano bene ma con il successo delle ville e il piacere di frequenti viaggi a Creta per lavori di manutenzione e vacanze in famiglia, non stavamo vedendo il legno per gli ulivi. I 200 strani alberi sulla nostra terra sono stati per noi un bonus di marketing. Quanto è più facile attirare persone per una vacanza nelle ville se potessimo incoraggiarle con immagini di ulivi verdeggianti che fanno ombra nelle belle giornate estive. Avevamo qualcosa per mettere un tavolo e delle sedie sotto per un bel pranzo al sole, un punto vendita e l'abbiamo lasciato lì.

Alla fine della nostra prima stagione di affitto, gli alberi pesanti dovevano essere raccolti. Il nostro buon amico Christos, figlio di un allevatore locale di pecore e cameriere del nostro ristorante preferito, era più che felice di fare il lavoro in cambio del 50% dell'olio risultante. Quanto al restante 50%? Riempi qualche litro ad amici e parenti come regalo di Natale e usa il resto da soli. Il 'il resto e 'risultato essere di circa 300 litri! Verso molto sulle mie insalate, ma questo va bene!

La luce non si accendeva ancora. Ma poi abbiamo assaggiato l'olio. Wow! Ho assaggiato molto olio d'oliva nei miei viaggi in giro per il mondo - dalle bustine di plastica nei fast food americani all'olio più raffinato nei ristoranti esclusivi di Roma - ma questo era qualcosa di speciale. L'aspetto, il gusto, il glorioso calcio di pepe. Questo olio è stato fantastico e da non sprecare. Mi ero riconciliato a mangiare circa 50 ciotole di insalata al giorno e ad alimentare forzatamente il cane del vicino quando qualcuno alzava la mano con un'idea. Che fosse Marcus, Kirsty o Tina è ancora controverso ma di certo non ero io (ero sul mio 9th ciotola di insalata al momento). "Potremmo avviare un'attività di olio d'oliva ", ha detto qualcuno.

Un'attività di olio d'oliva! Gli altri 3 di noi hanno colto l'idea. Avevamo gli alberi, quindi avevamo il prodotto e il team. Marcus (un esperto scrittore di pubblicità per promuovere l'attività e costruire i siti web), Kirsty (un grafico di prim'ordine per creare le etichette e l'aspetto della bottiglia), Tina (con una grande rete di contatti nella nostra area di mercato di riferimento) e ... qualcuno per preparare il tè. Ho acceso il bollitore e abbiamo iniziato a pianificare.

Continua alla pagina successiva

Innanzitutto, come avremmo coltivato gli alberi? Siamo stati molto fortunati ad aver acquistato un terreno alla base di una montagna. Da aprile a ottobre piove poco per 6 mesi, il che è ottimo per i nostri ospiti in vacanza, ma potrebbe essere un problema per gli ulivi fruttiferi. Non nel nostro caso. La gente del posto chiama la nostra zona 'Dorkes 'in greco che significa qualcosa di simile 'ciotola "o 'fosso 'dove l'acqua di montagna viene trattenuta nel sottosuolo durante i mesi asciutti. I nostri alberi di decenni (alcuni di oltre 150 anni) hanno messo radici profonde in modo che possano trovare quest'acqua durante le estati calde e secche.

I nostri alberi sembravano essere molto produttivi, ognuno dei quali produceva una media di 40 chili di olive. Quindi non abbiamo avuto bisogno di iniziare a gettare manciate di pesticidi e fertilizzanti per ottenere un buon raccolto. Abbiamo capito che potevamo essere biologici! Questo è stato un punto di partenza estremamente importante per noi. La natura avrebbe fatto il duro lavoro di mettere le olive sugli alberi, ma come le avremmo tolte?

Abbiamo deciso in anticipo che Marcus e io avremmo fatto il raccolto da soli - questo equivale a solo circa 1½ 'regge i ragazzi e inoltre non eravamo ancora esperti, quindi avevamo bisogno di aiuto. Disperatamente.

La prima scelta è stata un affabile addetto locale Giorgos (George) che possedeva un uliveto di fronte a noi ed è una mano dab alla raccolta. Parlava anche un ottimo inglese. Giorgos possiede anche un ottimo ristorante nel nostro villaggio sul mare locale, Almryrida. In un classico caso di baratto del villaggio e reciproco graffio alla schiena (che si ripresenta regolarmente in questa impresa), abbiamo deciso di promuovere il suo ristorante presso gli ospiti della nostra villa in cambio di un corso intensivo nell'arte della raccolta delle olive.

Il primo giorno era teoria e siamo passati a pieni voti. Quanto segue è entrato nei nostri taccuini:

  1. compra una grande rete verde e stendila intorno all'albero
  2. usa un grosso bastone o le mani per far cadere le olive dall'albero in modo che cadano sulla grande rete verde
  3. rastrellare le olive per eliminare eventuali bastoncini o foglie
  4. spalare le olive in sacchi di stoffa
  5. legare i sacchi e caricarli su un furgone.

Se ci mettiamo le spalle, dovremmo riempire 20 sacchi al giorno. Ogni sacco produrrebbe circa 10 litri di olio, quindi 200 litri di olio al giorno. È stato facile! Un viaggio al negozio della fattoria locale per acquistare l'hardware di cui sopra ed eravamo pronti!

Verso mezzogiorno del secondo giorno con una borsa da un quarto riempita (lieve esagerazione ma non stava andando bene), ci siamo resi conto che avevamo bisogno di più muscoli. Incoraggia due ragazzi in gamba nei panni degli ex-patiti del posto Mark e Andy. Mark e Andy sono una delle ragioni principali per cui la nostra attività di affitto di ville funziona come un orologio. Si prendono cura delle case e degli ospiti durante tutto l'anno e il nostro libro dei commenti degli ospiti allude invariabilmente a quanto sono fantastici. Sarebbe uno spreco trascurare i loro talenti (soprattutto perché Mark è anche un chirurgo specializzato in alberi), così li faremmo lavorare nei campi con noi in cambio di quanta più legna di ulivo di cui ognuno ha bisogno durante l'inverno. Evviva! Hanno deciso di unirsi alla squadra di raccolta.

Un'altra decisione iniziale è stata quella di controllare direttamente il processo 'dall'albero alla bottiglia '. In altre parole, essere fisicamente presenti in ogni momento. Lo abbiamo preso alla lettera, il che significava portare i sacchi di olive in fabbrica e noi stessi 'cavalcando il fucile 'mentre le olive venivano spremute, così potevamo essere certi che stavamo davvero producendo olio singolo, non miscelato e non filtrato. Avevamo scelto la fabbrica con la migliore reputazione di qualità nella nostra regione, quindi sapevamo che avremmo ottenuto
ottimo olio Volevamo solo essere sicuri che fosse nostro ottimo olio.

La domanda successiva era il trasporto.

Una volta raccolte, le olive devono essere portate in fabbrica per la lavorazione il più velocemente possibile, altrimenti gli enzimi naturali presenti iniziano a fermentare e riscaldano le olive dall'interno del sacco. Per ridurre al minimo questo deterioramento potenzialmente disastroso, le enormi pile di olive che avevamo raccolto venivano lasciate libere su fogli di terreno. Un paio di giorni ci hanno visto raccogliere circa 1500 kg. Abbiamo quindi insaccato le olive in sacchi di tela traspirante e ci siamo precipitati in fabbrica. La berlina a 3 porte che abbiamo noleggiato non avrebbe sopportato quel tipo di peso, quindi avevamo bisogno di un camion. Ovviamente non ne avevamo uno, ma la risposta era ovvia: chiama Andreas il venditore di piscine. Andreas ha un grande furgone bianco utilizzato per consegnare attrezzature a bordo piscina ai clienti locali. Andreas ama l'olio d'oliva, ma non ne ha. Abbiamo molto olio d'oliva ma non abbiamo camion. Un po 'più di baratto del villaggio (che ha comportato anche alcune suppliche) ed eravamo sulla strada per il villaggio di montagna dove avremmo trovato uno dei migliori produttori di olio d'oliva nella Creta occidentale.

È difficile descrivere l'eccitazione di vedere le proprie olive caricate in tramogge e osservare l'affascinante processo di trasformazione delle olive crude in olio verde liquido. Innanzitutto, i fan soffiano via i bastoncini e le foglie in eccesso. Le olive vengono pulite e sottoposte al processo di frangitura, a quel punto puoi sentire il profumo intenso del tuo olio d'oliva dagli alberi che stavi raccogliendo quella mattina. L'olio fuoriesce come un liquido verde opaco (dall'aspetto non dissimile dall'acqua del laghetto, ci vogliono alcuni mesi per stabilizzarsi prima che raggiunga quel bellissimo colore verde chiaro e profondo).

Lo stesso proprietario della fabbrica ha preparato una deliziosa marinata di olio fresco, limone appena spremuto, pomodoro e sale grosso che mi ha consegnato con un piatto di pane croccante. Le olive che erano state appese a un albero quella stessa mattina ora mi stavano fornendo un gusto paradisiaco che ricorderò per sempre.

Marcus e io ci siamo seduti, abbiamo bevuto un bicchiere di Retsina e abbiamo brindato al giorno in cui ci eravamo incontrati 30 anni prima. Mi deve ancora quel piatto di patatine e un pernottamento ...

Puoi acquistare l'olio extravergine di oliva di John, Marcus, Kirsty e Tina online dal Regno Unito. Visita il loro sito web, guarda le foto della raccolta delle olive e magari unisciti a loro la prossima stagione in una vacanza unica di attività di raccolta delle olive programmata per novembre 2010.

Related News

Feedback / suggerimenti