`Rob McGavin di Cobram Estate - Olive Oil Times

Rob McGavin di Cobram Estate

Ottobre 6, 2010
Sarah Schwager

Notizie recenti

"Coltivare un ulivo è facile, ma renderlo sempre più fruttuoso è molto difficile e questo è stato a nostro vantaggio ".

È così che Rob McGavin, cofondatore e presidente esecutivo dell'azienda olivicola australiana Boundary Bend, e del suo famoso marchio di olio extravergine di oliva Cobram Estate, descrive quanto sia difficile avviare e far funzionare una fiorente attività di olio d'oliva. Ma questo è esattamente quello che ha fatto, trasformando l'azienda nella più grande compagnia di olio d'oliva integrata verticalmente in Australia in poco più di 10 anni.

Il signor McGavin, cresciuto in un allevamento di pecore e bovini nel Queensland occidentale, ha ottenuto il suo "avvio finanziario ”nel settore del vino. Stava facendo un tour di rugby in Irlanda quando ha notato il brusio per il vino australiano e ha iniziato a pensare a cosa poteva fare di diverso.  "A quel tempo il mercato era ancora ragionevolmente depresso, non era esploso, ma si potrebbe dire che era in crescita ", ha detto.

E così si è iscritto a un corso di Agribusiness Administration al Markers Oldham College di Geelong, Victoria, nel 1992, all'età di 23 anni, prima di acquistare un piccolo vigneto di 35 acri nel South Australia. Nei sette anni successivi ha costruito quel piccolo pezzo di terra in un vigneto di oltre 600 acri, vendendo l'80% dell'azienda nel 2003.

Fu durante questo periodo che collaborò con un amico del college, Paul Riordan, che stava esaminando l'industria delle olive. Il signor McGavin dice che all'epoca il governo australiano stava facendo molto lavoro nell'olio d'oliva e, dopo aver investito molto nei vigneti, stava cercando di fare qualcos'altro. La perdita di entrambi i genitori per cancro lo ha anche ispirato a guardare oltre il fare soldi e promuovere un'alimentazione più sana, come l'olio extravergine di oliva.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"Avevo molta esperienza nello sviluppo di un'attività orticola e Paul no, ma aveva lavorato molto di più sull'industria e sulle varietà che avremmo dovuto piantare per iniziare bene ", ha detto.  "Per quanto riguarda dove piantare e siti e dove svilupparli, suppongo che fosse la mia area di competenza ".

Ha detto che da quel momento ci sono voluti diversi anni prima che il primo terreno venisse trasformato. Il signor Riordan ha viaggiato all'estero e ha trascorso alcuni mesi con i principali esperti mondiali di olio d'oliva in Israele, Italia, Grecia e Spagna, e ha scelto cinque varietà che sarebbero state le loro principali varietà di produzione. Questi sono stati importati nel loro vivaio in Australia dagli alberi madri in Israele, perché erano preoccupati che quelli coltivati ​​in Australia potessero non essere fedeli al tipo o geneticamente corretti.

"Abbiamo deciso abbastanza presto che avevamo bisogno di 1000 ettari (2471 acri) di olive se volevamo darci una buona possibilità di successo ", ha detto. "All'epoca era ragionevolmente ambizioso. Non c'erano boschetti in Australia che fossero vicini a quelle dimensioni.  "Quindi comportava molti rischi di cui probabilmente non eravamo pienamente consapevoli in quel momento. Ma quando sei giovane e ambizioso guardi sempre agli aspetti positivi e pensi di essere in grado di gestire gli aspetti negativi. Cosa che abbiamo fatto, ma è stato un lavoro piuttosto duro ".

La coppia ha finalmente deciso di piantare 200 ettari (circa 500 acri) nel primo anno, che avrebbe richiesto circa AU $ 7 milioni (US $ 6.78 milioni), di cui non avevano neanche lontanamente vicini. Così, nel buon vecchio stile country, hanno riunito famiglia e amici per investire nel primo boschetto che è stato piantato alla fine del 1999 a Boundary Bend, nel Victoria settentrionale. Hanno fatto la stessa cosa nel 2000 e di nuovo nel 2001 fino a quando non hanno piantato 500 ettari.  "Non avevamo raggiunto il nostro obiettivo di 1000 ettari, ma siamo partiti abbastanza bene e poi abbiamo pensato di concentrarci meglio per assicurarci che funzionasse ", ha detto.

L'attività ha preso il via quando l'esperto di olio d'oliva argentino Leandro Ravetti è entrato a far parte dell'azienda come direttore esecutivo e tecnico nel 2001. Nel 2004, l'azienda produceva il 25% della produzione australiana di olio d'oliva, ma con solo il 2.5% dell'area coltivata dell'Australia.  "Quindi stavamo davvero bene. C'erano state molte persone che avevano piantato boschi che non si esibivano affatto ", ha detto McGavin.

Timbercorp, una grande azienda australiana di olive, mandorle e gomma blu con 2770 ettari di uliveti, era una di queste. Così alla fine del 2004 ha ingaggiato Boundary Bend, che dall'albero della stessa età produceva sette volte quello che stava generando Timbercorp, per gestire il suo boschetto. Poiché Boundary Bend stava andando così bene con i suoi boschetti, Timbercorp decise di continuare a piantare olive e aumentò la sua superficie totale, compresi i boschi in prestito fino a 6500 ettari (16,000 acri).

Quindi l'anno scorso Timbercorp è stato costretto alla liquidazione, insieme a numerose altre società cadute durante la crisi finanziaria globale.  "Siamo stati abbastanza fortunati da essere in grado di acquistare tutti i suoi uliveti dal liquidatore ”, ha affermato McGavin. "Possedevamo l'impianto di lavorazione, le mietitrici. Era semplicemente troppo rischioso per chiunque altro ". Ha detto che questo è stato un cambiamento fondamentale nell'attività di Boundary Bend che l'ha messa in un'ottima posizione nel mercato.

"Ma diamine abbiamo avuto qualche difficoltà ", ha detto. "È solo difficile. E direi che il 95% delle persone che escono e piantano un uliveto - anche se sono nel settore - fanno davvero fatica, perché è molto, molto difficile farle produrre costantemente - per ottenere la giusta impollinazione, nutrizione, acqua, lavorazione, logistica a destra, in modo da ottenere un olio EVOO di eccellente qualità dall'altra parte a un prezzo competitivo ". Questa è una lotta costante per l'industria, con il prezzo di EVOO solo "terribile".

"Direi che è una produzione sottocosto per quasi tutti nel mondo ", ha detto.  "Ciò significa che questo è un settore piuttosto eccitante per il futuro perché sono stato nell'agricoltura abbastanza a lungo da sapere che quando il prezzo è basso abbastanza a lungo nessuno pianta e nessuno investe nelle piantagioni, il che non è mai successo in nessuno negli ultimi 10 anni, quindi non c'è nessuna nuova offerta in arrivo, ma c'è una crescita mondiale sostenuta della domanda di EVOO. Quindi quando cambia, quando non c'è abbastanza extravergine in giro, quando qualcuno pensa di piantare sono cinque anni prima di avere un qualsiasi tipo di produzione, quando la Cina aumenta del 60% all'anno, così come l'India e altri luoghi ".

Un'altra delle lotte che l'industria olivicola australiana ha dovuto affrontare è la grave siccità.  "Direi che uno dei motivi principali per cui Timbercorp è andato in liquidazione è stata la siccità ”, ha affermato McGavin. "È costato loro decine di milioni di dollari in affitto di acqua extra ". Il sud dell'Australia sta ora incrociando le dita e salutando la siccità, con i depositi di Murray-Darling Basin sopra il 66% e le dighe di Hume al 77% piene e che si riempiono velocemente, livelli che non vedeva da 10 anni.

Per quanto riguarda la posizione dell'industria petrolifera australiana in tutto il mondo, il signor McGavin afferma che è ancora molto piccola. Ma dice che è in un'ottima posizione per crescere, con una serie di cambiamenti segnalati.  "Per quanto riguarda la nostra posizione, siamo un produttore a basso costo di olio d'oliva di altissima qualità con un'ottima opportunità di crescita. Ma affinché qualcuno effettui l'investimento, il prezzo deve salire in olio d'oliva perché non puoi giustificare la piantagione di un grande oliveto a questi prezzi attuali.

"Mi aspetterei un aumento molto sostenuto del prezzo per EVOO in tutto il mondo, perché so che è l'unico prodotto a base di olio che è sano, non adulterato e naturale, ed è quello che vogliono i consumatori. Penso che l'Australia sia abbastanza ben posizionata, perché siamo l'unico paese che ha sviluppato un modello per l'olivicoltura moderna. Stiamo ottenendo 10 volte il rendimento della media mondiale, quindi possiamo continuare ad espanderci qui, ma possiamo anche continuare a distribuire il nostro modello in luoghi come l'Argentina. L'Argentina è ovviamente un produttore molto più grande di noi, ma la sua qualità è di livello inferiore perché raccoglie a mano così tanto ". (Boundary Bend possiede 1,500 ettari (3,700 acri) di "terreno di proprietà, altamente adatto allo sviluppo dell'olivo, con significative riserve di acqua nella provincia di San Juan, in Argentina ", secondo il suo sito web.)

"Penso che l'Australia sia fondamentale per il futuro dell'industria delle olive. Ci saranno progressi piuttosto importanti nell'emisfero australe nei prossimi 10 anni per quanto riguarda la nostra posizione nel mercato mondiale ", afferma McGavin.

Dice che c'è anche la questione mondiale degli standard dell'olio d'oliva e degli oli adulterati, con una grande porzione di EVOO consumato in tutto il mondo venduto come EVOO ma in realtà contenente oli di semi e olio raffinato.  "Quindi, poiché paesi come l'Australia e gli Stati Uniti applicano l'etichettatura, ci sarà un grande divario tra EVOO e il resto perché i consumatori sono lì per questo e la fornitura non ci sarà ", ha detto.

McGavin afferma che i consumatori australiani sono i "i consumatori più fortunati e viziati del mondo ”in termini di qualità dell'olio che possono acquistare al supermercato rispetto al prezzo. Un esempio di questo è il suo "marchio del supermercato di tutti i giorni "Cobram Estate Fresh and Fruity, che il mese scorso è stato annunciato come vincitore dell'EVO commerciale Gold e Champion nel prestigioso Sydney Royal Fine Food Show.  "Quanti oli di oliva medaglia d'oro non sono costosi che puoi comprare al supermercato? ”Dice. "I consumatori qui non se ne rendono conto ma so che abbiamo capito qualcosa ".

McGavin afferma che ciò è in gran parte dovuto alla sua metodologia di produzione, al fatto che è stato in grado di raccogliere meccanicamente e al modo in cui è sostenuto dall'industria vitivinicola per la pulizia e la tempestività.  "Ciò significa che il nostro costo di produzione non è molto di più, ma la nostra qualità è assolutamente brillante e si colloca nel 2% superiore della qualità di qualsiasi parte del mondo, ma non sono solo pochi litri, è tutta la nostra produzione, " lui dice. Quella produzione quest'anno è stata di 36,400 tonnellate di olive e circa 6.5 ​​milioni di litri di olio d'oliva.

La passione del signor McGavin per l'industria è pari solo al suo spirito. A soli 41 anni, ha realizzato ciò che molti potevano solo sognare. Contribuisce alla determinazione, lavorando sodo e lavorando in modo intelligente.  "Ed è onestà, integrità ed essere sulla terra ", ha detto. "Se non l'hai ottenuto attraverso la tua attività e non lo pratichi, potresti essere fortunato e avere successo, ma non durerà ".

Ma dice che la cosa più importante è avere una visione a lungo termine.  "Non preoccuparti per il domani, preoccupati dai 3 ai 5 o 20 anni ", ha detto.  "Qualcosa va sempre storto. Il prezzo va contro di te, la valuta va contro di te, ma se fai una media a lungo termine, andrà bene. Se sei costretto a vendere in tempi difficili, è allora che ci sono problemi. "

McGavin ha affermato che il successo di Cobram Estate risiede nel suo approccio attento ad ogni aspetto del business.  "Il detto nei nostri affari è questo 'non aggiungi un'altra unità aziendale a meno che non intendi continuare a gestire la tua attività esistente come o meglio di quanto facevi prima ", quindi abbiamo il team di persone più grande in ogni aspetto del business. E penso che se hai davvero brave persone e hai davvero una buona cultura nella tua attività, il successo è molto lungo ".

Con più medaglie d'oro e premi aziendali alle spalle di quanti ne potresti ottenere, i loro metodi stanno ovviamente funzionando.

Related News

Feedback / suggerimenti