`Il gruppo afferma che i pannelli di degustazione di olio d'oliva creano "falsa preoccupazione" - Olive Oil Times

Il gruppo afferma che i pannelli di degustazione dell'olio d'oliva creano "falsa preoccupazione"

Gennaio 28, 2011
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

Uno scoppio in Spagna sull'uso dell'analisi organolettica nell'olio extra vergine di oliva dopo i recenti risultati di frode potrebbe essere l'inizio di qualcosa di grande, secondo gli esperti del settore.

A novembre e dicembre, un certo numero di oli d'oliva confezionati è risultato fraudolento per non aver contenuto la qualità dell'olio che era scritta sull'etichetta.

Ora, le associazioni di olio d'oliva Asoliva, Anierac, Infaoliva e le cooperative agroalimentari Spagna hanno inviato una lettera al Ministero spagnolo dell'ambiente, degli affari rurali e marini (MARM), condannando "gravi problemi "derivanti dall'organolettico
metodo di analisi per la classificazione dell'olio d'oliva.

I quattro gruppi di produttori e industriali affermano che il metodo è soggettivo in quanto il panel di test si basa sulla degustazione sensoriale che, dicono, è inaffidabile.

pubblicità

Nella lettera, il gruppo afferma che tutti i paesi produttori di olio d'oliva mettono fortemente in dubbio il metodo del panel di test e sono preoccupati che questi "metodi soggettivi "evidenziano la vulnerabilità del settore, che a sua volta sta creando "una preoccupazione falsa e inutile tra i consumatori e disonora oli, aziende e marchi, non solo in Spagna ma in tutto il mondo ".

Hanno chiesto a MARM di evitare l'etichetta di "frode ”quando si fa riferimento all'olio d'oliva e che i test siano condotti prima che sia consegnato per uso commerciale, quando possono verificarsi problemi nell'olio a causa del suo confezionamento, conservazione e esposizione sugli scaffali.

Le associazioni hanno anche chiesto di interrompere immediatamente i test per prevenire ulteriori screditi EVOO, la cui immagine, a loro dire, è stata "gravemente danneggiato in tutto il mondo. "

Tuttavia, il settore dell'olio d'oliva vergine con denominazione di origine in Spagna (DOS) ha espresso sorpresa per la lettera.

José Manuel Bajo Prados, segretario esecutivo del settore nazionale del DOS, afferma "è incomprensibile che coloro che si rappresentano come rappresentanti dell'industria stiano cercando di eliminare uno dei pochi strumenti che il produttore, il trasformatore e l'imballatore devono garantire ai consumatori che l'olio d'oliva spagnolo sia della massima qualità ”.

"Lo sviluppo delle aziende che operano nell'ambito di una DO si basa su criteri di qualità e questi obiettivi hanno ampiamente portato a un miglioramento significativo dell'immagine dell'EVO spagnolo in tutto il mondo ", ha affermato Bajo Prados.  "Dobbiamo assicurarci che il consumatore si porti a casa quello che dice sull'etichetta come con qualsiasi altro prodotto. La valutazione organolettica è uno strumento valido negli ultimi 25 anni ".

Il segretario del settore andaluso, Moisés Caballero Páez, afferma che una delle poche protezioni che i produttori hanno è la differenziazione del prezzo per qualità, con degustazione
essendo l'unico metodo attualmente esistente per garantire queste differenze.

Dice che sembra incredibile che queste associazioni stiano facendo petizioni a nome dell'intero settore che sembrano rispondere solo agli interessi particolari di un gruppo di aziende.

Un articolo tecnico nel Associazione spagnola dei comuni olivicoli 's (AEMO) e ‑ Olivar Bulletin ha sbattuto la lettera, dicendo "pensiamo che le organizzazioni possano chiedere ciò che ritengono opportuno ma, onestamente, non capiamo le firme di quasi nessuno su quella lettera, in particolare quella delle cooperative agroalimentari, perché le cooperative agroalimentari sono soprattutto olivicoltori e, sebbene non organizzate , non siamo suicidi ”.

"Speriamo che non tutti coloro che compongono queste organizzazioni credano a ciò che è espresso in questa lettera ", ha detto.

Il Bollettino afferma che l'unico modo per caratterizzare sensibilmente gli oli è attraverso gruppi di persone adeguatamente addestrate e in base a regole rigorose che sono chiare, trasparenti e riconosciute a livello internazionale.

"Allora perché stanno mettendo in discussione qualcosa che è così ovvio? La vendita di olio extra vergine di oliva avanza ogni giorno sull'olio d'oliva e questo perché il consumatore, soprattutto all'estero, inizia a conoscere i benefici dell'olio d'oliva rispetto all'olio raffinato, sia a livello organolettico che, soprattutto, per la salute. Sono due prodotti diversi e il pubblico sta iniziando a riconoscerlo. "

Dice che il problema sorge quando "vuoi vendere qualcosa di qualità superiore ma non vuoi pagare come tale ”.

"C'è solo una soluzione: cerca veri oli extra vergini di oliva e valutali come tali, oppure acquista lampante oli, raffinali ed etichettali con il loro nome ... perché eliminare la caratterizzazione organolettica, signori, non è la soluzione. "

Nella posizione ufficiale di AEMO sulla questione, agronomo ed editore capo della Bollettino AEMO José Maria Penco ha detto Olive Oil Times AEMO è impegnata nella qualità dell'olio d'oliva e considera il parametro della valutazione organolettica necessaria per la classificazione degli oli, insieme agli altri indici fisico-chimici, in modo da garantire che il prodotto offerto ai consumatori sia della massima qualità.

"Detto questo, AEMO ritiene inoltre che la procedura per il prelievo di campioni e la certificazione dei pannelli di prova debba essere eseguita con il massimo livello di sicurezza possibile e certificare la totale garanzia del metodo e della protezione dei produttori ", ha affermato Penco.

Al fine di alleviare le preoccupazioni delle quattro associazioni, la DO afferma di essere disposta a unirsi a un gruppo di lavoro per cercare ulteriori miglioramenti nei metodi attuali e fornire informazioni ai consumatori. Sta inoltre preparando una lettera al ministro spagnolo dell'Ambiente, degli affari rurali e marittimi Rosa Aguilar e ai ministeri regionali dell'agricoltura al fine di esprimere un forte sostegno ai controlli del mercato e mostrare il suo interesse a collaborare con l'intero settore delle olive e dell'olio d'oliva per migliorare il affidabilità dei controlli in EVOO.

I e-Olivar Il bollettino afferma che il settore dell'olio d'oliva spagnolo si trova in una posizione difficile, con gli uliveti che affrontano il terzo anno di perdite, la crisi economica ha influenzato le abitudini di acquisto dei consumatori, EVOO "hook ”le offerte si ripropongono continuamente nei supermercati spagnoli, gli imballatori sono costretti a ridurre i costi a limiti impossibili per soddisfare la domanda e le nuove piantagioni stanno iniziando a mostrare il loro potenziale produttivo.

"Sono tante le circostanze che hanno agitato il settore ma che non dovrebbero mai farci perdere di vista, perché sarebbe un errore strategico e storico, in questo fermento, se degradassimo la grande forza del nostro prodotto: la qualità e la sua garanzia.  "Sarebbe un percorso irreversibile verso il nulla. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti